Arredamento design, ecco le ultime tendenze

Arredamento

Conoscere le tendenze di design è molto importante per riuscire ad arredare la propria casa in modo consapevole e con buon gusto: tra decorazioni trendy, nuove tonalità cromatiche e dettagli curiosi, sono molti i particolari su cui vale la pena di soffermarsi per individuare soluzioni in linea con le proprie necessità e con le proprie preferenze.

Secondo Pantone, per esempio, il colore del 2017 è il Greenery, vale a dire una tonalità di verde che è evidentemente ispirata alla natura e che fa della delicatezza e della sobrietà le proprie peculiarità più evidenti. Vi si può ricorrere nel caso in cui si abbia il desiderio di rinnovare gli spazi in cui si abita e di rinfrescare gli interni con una nota di relax, che non fa mai male.

Che cosa è il Greenery

Il Greenery è raccomandato anche per i mobili design, ed è un verde chiaro in cui si innestano dei toni di giallo caldo: accogliente e piacevole, fa venire in mente l’erba, le foglie e i germogli, con il suo aspetto rassicurante che pone in evidenza anche il piacere di rispettare l’ambiente e la necessità di un ritorno alle origini. Nel rifugio casalingo, Greenery è ciò che ci vuole soprattutto se si vive in città: e non c’è bisogno di diffondere questo colore in ogni angolo della casa, poiché è sufficiente ricorrervi per decorare un mobile antico o per pitturare degli accessori. Insomma, stile e tendenza in soluzioni versatili.

Un altro dei trend che è bene tenere in considerazione se si è in procinto di arredare una casa ex novo o di cambiare il suo stile è il ritorno agli anni ’80, una tendenza che pare aver coinvolto molti settori della cultura, dalla musica all’arte, e che ha finito per interessare anche l’ambito dell’interior design. Pertanto, si può parlare di un revival non inatteso, con il ritorno in auge di superfici materiche lucide o laccate che sono sottoposte a una rivisitazione in chiave contemporanea da cui non è escluso il ricorso al marmo e al legno. I colori, invece, sono molto decisi, scuri per garantire abbinamenti piacevoli con il legno, con il vetro e con il metallo.

Come arredare il soggiorno e il bagno

In un salotto di tendenza, per esempio, potrebbe trovare spazio un divano in pelle nera, magari di fianco a un tavolino basso in acciaio e in vetro. I mobili dovrebbero essere in legno scuro, con cassettiere e consolle prive di decorazioni e una libreria dalle linee essenziali.

Per quel che riguarda il bagno, invece, il lusso è tornato protagonista, come dimostra la scelta del marmo: uno dei materiali più eleganti e più nobili, apprezzato sin dai tempi antichi, viene reinterpretato in versione tecnologica attraverso il gres porcellanato (con effetto marmo, appunto). Qual è il vantaggio che deriva dal ricorso a questo materiale? Da un lato la somiglianza eccezionale con il marmo vero e proprio, sia sul piano tattile che sul piano visivo; dall’altro lato il costo decisamente inferiore, e – soprattutto – la necessità di una manutenzione ridotta.

Il gres porcellanato effetto marmo è il risultato di un processo di sintetizzazione di sabbia, caolini, feldspati e argille ceramiche, e ha il pregio di essere in grado di resistere alle abrasioni: in effetti, la sua longevità è nettamente maggiore di quella del marmo autentico. Si può adoperare questo materiale sotto forma di lastroni di grandi dimensioni, per esempio per rivestire le pareti del bagno o per ricoprirne il pavimento; è consigliabile adottare delle nuance calde e chiare, con abbinamenti con mobili a contrasto. Infine, da non dimenticare il rose gold, una sfumatura che si colloca a metà strada tra il rame, di cui conserva il calore, e l’oro, di cui mantiene il lusso.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *