Confidence Index: ora la fiducia degli italiani può crescere

I manager iniziano a captare che qualcosa sta migliorando, dal punto di vista delle opportunità, anche in Italia. A dirlo è il “Confidence Index” ricerca condotta da PageGroup, che indica una crescita complessiva della fiducia in tema di prospettive individuali e di mercato.

Il risultato è arrivato attraverso la somministrazione di 660 questionari in Italia e svela che la fiducia dei candidati per opportunità professionali a livello di middle e top management, è aumentata del 9%, passando da 36 punti nell’ultimo trimestre 2016 a 40 punti a fine 2017.

A crescere di più sono in particolare gli indici riferiti alla situazione economica e del lavoro attuale che nelle edizioni passate avevano registrato un brusco calo e ora salgono rispettivamente del 35% e del 32% rispetto ad un anno fa anche se si attestano a valori assoluti tra i più bassi d’Europa: solo tre professionisti su 10 oggi si dichiarano soddisfatti della situazione economica e del mercato del lavoro.

Tuttavia, se l’orizzonte si posta a una visione prospettica dei prossimi 6 mesi, quasi 1 italiano su 2 (47%) pensa che il prossimo semestre sarà caratterizzato da un andamento economico positivo, con una crescita del 25% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Concentrando il focus sul mercato lavorativo, sono il 41% i professionisti che si dichiarano ottimisti sui prossimi 6 mesi (con un +25% rispetto al 2016).

“I dati emersi confermano i trend che abbiamo identificato confrontandoci con le aziende ogni giorno rispetto alle loro politiche di occupazione: le imprese tornano ad assumere con particolare vigore nei settori dell’automazione industriale, componentistica, automotive, e chimico. Ottima anche tutta la filiera dell’alimentare e del Made in Italy di qualità: prevediamo infatti per il 2018 un incremento delle nostre offerte di lavoro, che si stima oscillerà tra almeno il 15% e il 20%.” commenta Tomaso Mainini, Managing Director di PageGroup.

Prospettive in chiaroscuro per gli indici che riguardano la visione della propria condizione professionale: se il 55% riconosce nel proprio lavoro una possibilità per acquisire e sviluppare nuove competenze, solo il 43% ritiene soddisfacenti le prospettive di carriera. Per quanto riguarda l’accesso a nuove posizioni invece, un manager su tre (33%) ritiene che basterebbero tre mesi per trovare un nuovo lavoro.

Cala infine (-2%) rispetto allo stesso periodo del 2016 il numero di professionisti che si dichiarano soddisfatti dell’equilibrio tra vita e lavoro: oggi in Italia ad aver raggiunto un worklife balancesoddisfacente sono poco meno che 4 professionisti su 10.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *