L’importanza di un brand: quanto è salito Amazon!

Avere un brand forte è oggi fondamentale e in molti lo hanno compreso. Le recensioni sul web, i commenti, i like: tutto contribuisce a rendere un’aziende affidabile per chi deve fare acquisti. Ma quali sono i brand che godono di maggiore credibilità in Italia? Cohn & Wolfe, agenzia globale di comunicazione, ha presentato l’Authentic 100 2017, l’indice annuale dei brand più autentici per i consumatori.

In testa alla classifica italiana conservano una posizione predominante i grandi brand italiani del mondo food e automotive: Ferrero, Ferrari, Rana e Nutella ma, a sorpresa, Amazon, con grande volata, conquista la vetta con un balzo in avanti di ben 8 posizioni.

Sebbene sorprendente, questo risultato è coerente con la classifica globale guidata in tutte le prime cinque posizioni da brand del mondo tech (Amazon, Apple, Microsoft, Google e PayPal). Tra i primi 100 compaiono ben 16 marchi del mondo della tecnologia (sia essa espressa come hardware, software, piattaforma o servizio) a testimonianza di come sia cambiato il panorama dei consumi e degli atteggiamenti dei consumatori in Italia e nel mondo. La presenza della marca nella vita di ogni giorno e il rapporto individuale con il consumatore diventano elementi critici per la costruzione della percezione di autenticità.

“Le interazioni personali dei consumatori con i brand sono un driver cruciale della percezione dell’autenticità di marca. La tecnologia è divenuta onnipresente, parte integrante della vita delle persone e contribuisce a migliorare e rendere più semplice la vita delle persone. Per questi brand, dunque, le opportunità di creare un legame positivo sono innumerevoli” dichiara Lynn Fisher, EVP, Global Director del Branding & Insights Group di Cohn & Wolfe.

“I tre pilastri dell’autenticità (concretezza, rispetto, affidabilità) per i consumatori italiani si riferiscono a brand iconici, profondamente radicati e presenti nel quotidiano per rapporto diretto (Ferrero, Rana, Nutella) o per stima e ammirazione di lunga data (Ferrari); in questo scenario tradizionale Amazon è un nuovo interlocutore per il consumatore, che evidentemente riconosce al brand un ruolo fondamentale, coerente con il suo stile di vita e le sue nuove abitudini di consumo” ha aggiunto Elena Silva, Managing Director Cohn & Wolfe Italia.

“Oggi i consumatori acquistano da aziende che li trattano da adulti. Il nostro studio dimostra la correlazione tra marche che si comportano e comunicano in maniere autentica e la loro capacità di attrarre e conquistare i consumatori, contribuendo alla solidità del business” afferma Donna Imperato, CEO di Cohn & Wolfe. “Voglio congratularmi con le società che hanno conquistato le prime posizioni della classifica Authentic 100. L’impegno nei confronti dei clienti e, più in generale, del pubblico permetterà a questi brand di mantenere la propria posizione e contribuirà alla loro crescita futura”.

Ogni anno, lo studio valuta quanto l’autenticità contribuisca al successo di un brand. Dall’edizione 2017, che ha coinvolto 15.000 consumatori in 15 mercati, risulta che il 91% dei consumatori a livello globale – in Italia la percentuale sale al 97% – ricompenserebbe un brand per la propria autenticità prendendolo in considerazione per i propri acquisti, considerandolo per il proprio piano di investimenti, recensendolo positivamente e così via. In Italia il 60% acquisterebbe o sarebbe più propenso ad acquistare un prodotto o un servizio di un brand che considera autentico.

Per Cohn & Wolfe, questo è il quinto studio della serie Authentic Brands che prende in esame il ruolo dell’autenticità per il business, le caratteristiche di un marchio autentico e l’impatto che l’autenticità ha su sui comportamenti e gli atteggiamenti di consumatori, investitori e dipendenti.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *