,

Quanto spendiamo nella nostra vita per l’abbigliamento?

Quanto abbiamo speso nell’arco della nostra vita per l’abbigliamento? Quanti blazer avete nell’armadio? Quante camicie? Quante paia di scarpe? Manzetti e SecretKey hanno realizzato un’infografica relativa alla spesa in vestiario di un campione intervistato è formato da 1.246 soggetti residenti nell’Unione Europea da 18 a 80 anni,.

Tra le cose che ciascuno di noi acquista con continuità nell’arco della propria vita, certamente i capi d’abbigliamento hanno un ruolo di primo piano. Infatti, a prescindere dal proprio stile, ciascuno di noi deve indossare almeno scarpe, pantaloni, camicia, maglione e giacca per i periodi più freddi.

E anche se la moda non ci interessa, se non stiamo attenti ai colori, se i capi non sono firmati da grandi stilisti, se di fatto ci vestiamo sempre come capita, dobbiamo comunque rinnovare il nostro guardaroba, di tanto in tanto.

All’inizio, quando verso i 15 anni iniziamo a comprarci i primi vestiti senza il supporto dei nostri genitori, ci diamo alla pazza gioia e agli acquisti compulsivi, quasi come un gesto ribelle a tutti gli anni di abbigliamento “imposto” dai genitori. Più avanziamo con l’età, però, e più i nostri acquisti diminuiscono, toccando il punto più alto tra i 20 e i 30 anni.

Ed emergono dati davvero interessanti. Ad esempio emerge che gli uomini acquistano capi per 38.000 Euro , circa 612 Euro l’anno, durante la propria vita, per un totale di 1256 articoli (rispetto ai 94.000 Euro spesi e 3109 articoli articoli acquistati dalle donne).

In particolare, gli uomini comprano 109 paia di scarpe, 200 camicie, 150 cappotti, 150 felpe e maglioni, 47 jeans e pantaloni. Niente male davvero. Eppure nell’armadio, mediamente ciascuno di noi ha 350 Euro di capi che non utilizza.

Numeri davvero impressionanti se ci si pensa bene, ma che non stupiscono più di tanto se si pensa al nostro passato e all’era consumistica nella quale stiamo vivendo.

Infografica: Una vita all'insegna dello Shopping!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *