Re Italy Winter Forum 2018: i 10 punti del Manifesto proposto dai manager del settore

In occasione del Re Italy Winter Forum 2018, che si è svolto ieri a Milano presso Palazzo Mezzanotte, Fiaip, la Federazione Italiana Agenti immobiliari Professionali, insieme a Confedilizia, Confassociazioni Immobiliare e Finco hanno presentato il Manifesto per il rilancio del settore.

Tra le proposte delle Associazioni del comparto immobiliare che hanno riscosso molto interesse tra gli operatori e i politici presenti all’evento la richiesta di ridurre il carico fiscale sul settore, estendere la cedolare secca, favorire la liberalizzazione delle locazioni commerciali, la stabilizzazione degli incentivi per le ristrutturazioni e l’approvazione di misure di stimolo alla riqualificazione urbana.

Tra le altre misure presenti figurano anche gli incentivi fiscali per le permute immobiliari, lo sviluppo del turismo attraverso la proprietà immobiliare privata e la creazione di un Ministero dello Sviluppo immobiliare, della casa e dell’edilizia.

Ma vediamo nel dettaglio i 10 punti fondanti del manifesto.

  1. Riduzione della pressione fiscale sul comparto immobiliare
  2. Sviluppo e rilancio dell’investimento immobiliare da destinare alla locazione da parte di gestori professionali, imprese e privati
  3. Estensione della cedolare secca a tutti i contratti di locazione
  4. Attribuzione al contratto di locazione dell’efficacia di titolo esecutivo per il ripristino della legalità
  5. Liberalizzazione delle locazioni commerciali

     6. Stabilizzazione degli incentivi per gli interventi di manutenzione, riqualificazione, efficientamento energetico e miglioramento sismico del patrimonio ed edilizio e semplificazione della normativa riguardante i titoli edilizi

7. Misure di stimolo e di sostegno alla rigenerazione urbana

8. Incentivi fiscali per le permute immobiliari

9. Sviluppo del turismo attraverso la proprietà immobiliare privata

10. Istituzione del Ministero dello sviluppo immobiliare, della casa e dell’edilizia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *