RIFLE: progetto con gli studenti di POLIMODA per una capisce collection

Rifle per POLIMODA

Tutto è nato da un’idea di Franco Marianelli nuovo CEO di RIFLE, noto brand d’abbigliamento, che ha dato il via ad un progetto con gli studenti di POLIMODA, centro internazionale di formazione per la moda, per la creazione di una capsule collection.

Obiettivo del progetto, era quello di presentare all’azienda un vero e proprio piano di comunicazione per una capsule collection creata dagli studenti, che prevedeva analisi socio-culturali del mercato fashion, delle tendenze, del mercato denim ma, soprattutto un’analisi dei valori storici del marchio da cui partire per lo sviluppo di una limited edition.

Quattro sono stati i gruppi premiati con quattro borse di studio. Gli studenti dei gruppi vincitori hanno avuto anche la possibilità di visitare l’azienda e assistere ai vari processi di creazione di una collezione moda. Il primo gruppo classificato lavorerà insieme al team interno Rifle alla creazione della capsule che verrà poi prodotta e presentata sia alla stampa che alla forza vendita e poi messa in commercio tramite i principali canali la prossima estate.

Il progetto vincente parla di democracy intesa come “no limits, no borders, freedom”. “Follow the tribe” è il concetto proposto per creare una vera e propria “Rifle crew” e comunicare con una nuova audience: la generazione dei millenials.

“La moda ha bisogno di stimoli continui, viaggia velocissima, e a me interessa più il futuro che il passato, Rifle partirà dal suo Heritage per il rilancio, ma rivisitato anche attraverso gli occhi di questi giovani talenti, che fanno della loro ambizione il loro carattere. È per questo che vogliamo avere una squadra composta dalle migliori promesse delle diverse discipline dell’ambito fashion”, ha spiegato Franco Marianelli.

Insomma, le aziende tornano a puntare sui giovani e sulla loro creatività per investire su un futuro che, inevitabilmente, li vede protagonisti e sicuri consumatori.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *