Rimane stabile la domanda per l’acquisto di titoli di Stato

Come dichiarato qualche settimana fa dal responsabile del debito pubblico, Davide Iacovoni, la domanda per i titoli di Stato italiani rimane costante e forte, soprattutto per quel che concerne i titoli a lunga scadenza.

Cosa ha comportato questo dato? Di sicuro il fatto che ci siano state le elezioni e che, al momento, si attende un nuovo aumento dei tassi di interesse. Nonostante, al momento, ci sia ancora incertezza politica, senza la formazione di un nuovo governo, l’interesse verso i titoli di Stato è rimasto sostanzialmente invariato. Questo significa che l’attuale situazione politica nella quale il nostro paese si trova non ha influito in maniera negativa su quelli che sono i mercati del debito pubblico. Si parla al plurale perché è inteso sia il mercato primario, quello delle emissioni, che il mercato secondario. Sul mercato primario, il numero di domande è rimasto abbastanza stabile, soprattutto per quel che concerne i titoli a più lunga scadenza. Ma anche per il mercato secondario sono state già registrate delle percentuali interessanti sia per quel che concerne i Btp a lungo termine che per i Btp indicizzati all’inflazione. Buone notizie, quindi, che confermano un trend che era stato positivo già nel 2017.

Si è andato a delineare un quadro generale che dimostra che i titoli di Stato sono ancora oggi considerati una ottima soluzione per investire i propri risparmi o parte di essi senza, però, correre troppi rischi. In molti pensano, infatti, che quando si investe si rischia: questo è vero in parte, perché ci sono anche investimenti a basso rischio!

Così come indicato anche nei vari consigli per investire dagli esperti di Investire24, questo è uno strumento da prendere in considerazione se si desidera non rischiare troppo. Naturalmente, è bene ricordarlo, gli investimenti più rischiosi sono anche i più redditizi ma, se si ha proprio capitale e non si vuole correre il rischio di perderlo, allora i titoli di Stato sono una delle soluzioni da prendere in considerazione. Come sempre, però, quando si parla di investimenti è molto importante fare riferimento a quelli che sono i consigli degli esperti del settore che sono sempre in grado di andare a dare le dritte giuste in base a quello che è il profilo di ciascuno. Prima di investire una somma di denaro, infatti, si devono considerare diverse variabili ed è solo grazie ai suggerimenti di chi si occupa del settore che si vanno a minimizzare i rischi.

Ecco, quindi, che prima di procedere con un investimento, di qualsiasi natura, si devono valutare alcuni aspetti. Quali? Innanzitutto, si deve guardare il tasso di rischio. Più il rischio più aumentano i potenziali guadagni, ma si deve capire se si è disposti o meno anche a perdere tutto. Si deve prendere in considerazione il guadagno potenzialema anche la durata degli investimenti stessi e, infine, non si può non considerare la tassazione.

Alla luce di queste valutazioni, poi, si potrà scegliere se effettuare un investimento piuttosto che un altro. Farlo sempre seguendo quelli che sono i consigli di chi opera nel settore ed è informato in merito a tutti i vari aspetti è il modo migliore per evitare di correre rischi che, in realtà, potrebbero portare a perdere tutto quello che si investe.

Come detto in precedenza, però, i titoli di Stato sono investimenti che vengono reputati come sicuri e, pertanto, se non si vuole rischiare sono un’ottima soluzione per chi desidera investire qualche somma, piccola o grande che sia, che altrimenti finirebbe a giacere su un conto deposito che, tra inflazione e spese di gestione, viene regolarmente corroso senza poter far nulla.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *