Articoli

Android si rinnova: ecco come…

Manca ancora qualche mese al rilascio della nuova versione di Android, ma le caratteristiche sono già state rivelate da Google.

Continua a leggere

Eccellenze in digitale Made in Italy: obiettivo export

Eccellenze-in-digitale

 

Google, Unioncamere, Fondazione Symbola e Università Ca’ Foscari  si sono poste un obiettivo ben preciso: avvicinare le imprese italiane al mondo digitale e indirizzarle verso l’incredibile potenziale economico che la promozione della propria azienda sul web comporta, soprattutto relativamente alle relazioni con l’estero.

Continua a leggere

Google festeggia i 10 anni di Borsa: ora ci sono più milionari

10 anni di Google in borsa

Google festeggia i 10 anni dall’entrata in Borsa. Un traguardo importante che succede ad una serie incredibile di risultati raggiunti dalla BIG G in questa prima decade di scambi di azioni.

Continua a leggere

Edouard Wawra: “La forza di Gamepix è il nostro team”

Edouard Wawra

C’è chi pensa che nel business non si giochi e chi del gioco ha fatto il proprio business. È il caso di un team di giovanissimi che seguendo la loro passione per il gaming e la competenza acquisita attraverso lo studio e l’impegno, sono riusciti a lanciare una start up che in brevissimo tempo si imposta all’attenzione del mondo intero. GamePix (www.gamepix.com) è stata costituita a Marzo 2013 con l’intento di creare un ecosistema per l’aggregazione e la distribuzione di videogames HTML5. Continua a leggere

Storico sorpasso: Google vale più di Apple

google6

Un sorpasso storico nell’ambito delle grandi multinazionali, o major per dirla come quelli bravi. Google è ora il brand che vale di più al mondo ed ha scalzato nientemeno che Apple.

Continua a leggere

Ferrari, il brand più influente del mondo

140011_car

Secondo la classifica di Brand-finance che prende in esame i 500 marchi più riconosciuti nel mondo, Ferrari è il brand in assoluto più influente del mondo, confermando dunque la leadership dello scorso anno. Il Cavallino di Maranello (che vale circa 4 miliardi di dollari), infatti, è universalmente riconosciuto in tutto il globo come simbolo di bellezza, esclusività, lusso ed esclusività. Alle spalle di Ferrari, tra i primi dieci, si sono piazzate Coca-Cola, PricewaterHouseCoopers, McKinsey, Google, Unilever, Hermes, Rolex, Red Bull e Walt Disney. I trionfi per l’azienda fondata dal mito Enzo Ferrari, dunque, non si fermano alla pista o ai grandi successi di vendita nei concessionari di tutto il pianeta.

Continua a leggere

Lenovo compra Motorola da Google

Colpaccio dell’azienda cinese Lenovo che acquista da Google la Motorola Mobility . Ad annunciarlo è stata la stessa azienda di Mountain View in una nota ufficiale. La cifra sborsata dalla Lenovo per l’acquisizione dell’azienda è pari a 2,91 miliardi di dollari. Google, tuttavia, manterrà  il controllo della maggioranza del portafoglio brevetti di Motorola Mobility.

L’acquisizione di un marchio icona renderà Lenovo un forte competitor globale per gli smartphone. Abbiamo fiducia nel fatto di poter unire il meglio delle due società per creare prodotti che piacciano ai clienti”, ha dichiarato soddisfatto l’amministratore delegato di Lenovo, Yang Yuanqing.

Soddisfazione per l’esito dell’operazione è stata espressa anche da Larry Page, CEO di Google, secondo il quale “Lenovo ha le capacità per rendere Motorola Mobility un player globale nell’ecosistema Android”.

David Di Castro
@daviddicastro11

Social network, un canale che deve crescere

I social network sono un canale di comunicazione, promozione, contatto tra aziende e clienti. È vero, ma è così solo per il 43% delle aziende e P.A. Sono stati, infatti, presentati i risultati di una ricerca condotta da Business International, in collaborazione con Oracle, nell’ambito di un convegno dal titolo “Reagire in un mondo Condiviso – Come trasformare a proprio vantaggio l’evoluzione relazionale nei Social Media”, che ha letteralmente sconvolto. In un mondo ormai totalmente digitalizzato, in cui il ruolo dei social network è conclamato almeno quanto quello dell’utilizzo di internet, in Italia nemmeno della metà delle aziende e P.A. ne fa uso. La ricerca ha coinvolto 52 aziende nel bimestre ottobre-novembre 2013 (dunque recentissimo) ed il risultato è che il 43% delle aziende li utilizza, mentre il 35% afferma che “lo sfruttamento dei canali social non è in linea con le linee di business attuali”. Il 22% ha ammesso che entro i prossimi 12 mesi inizierà ad utilizzare i social network. La ricerca ha altresì dimostrato che Facebook è il social più utilizzato e conosciuto, insieme a LinkedIn (dedicato principalmente ai professionisti e alle aziende e molto poco ad interazioni… di stampo “ludico”), mentre You Tube è il canale che sceglierà il 91% delle realtà che investiranno in questo ambito nell’arco del prossimo anno, che sarà affiancato a Facebook per il quale è emerso un plebiscito di preferenze.

C’è ancora molta strada da fare… Il servizio completo sulla ricerca, con approfondimenti e curiosità ulteriori, potrete trovarlo nel numero di Dicembre di Uomo&Manager, che sarà disponibile su Edicola Apple, Lekiosk e Ultima Kiosk tra pochissimi giorni!

David Di Castro
@daviddicastro11

Google, dove si lavora meglio

È Google l’azienda nella quale si lavora meglio in tutto il mondo. Questo è quanto sostiene l’osservatorio internazionale Great Place to Work. È la politica sul personale, assolutamente innovativa a far propendere la scelta verso la Big G americana. Google ha infatti istituito iniziative straordinarie, come ad esempio quella legata al fatto che il 20% delle ore di lavoro per sviluppare le proprie idee. Di fatto ha giocato un ruolo determinante nella scelta la disponibilità del colosso di Mountain View verso i dipendenti, puntando sulla loro soddisfazione.

Alle spalle di Google si sono piazzate altre tre aziende della Silicon Valley, ovvero Sas, NetApp e Microsoft. E le italiane? Purtroppo, ma per noi non è una sorpresa, tra le prime 25 non ce ne è nemmeno una…

Interbrand: Apple vale più della Coca-Cola

Nella vita cambiano molte cose e anche quelle che sembrano ormai radicate e immodificabili, possono subire delle variazioni. Succede quindi, in ambito imprenditoriale e aziendale, che il colosso Coca-Cola, dopo tredici anni di leadership assoluta, perda lo scettro della redditività a favore dei giganti della tecnologia Apple e Google. Poco male, la Coca-Cola detiene comunque la terza posizione nella classifica stilata Interbrand.

L’azienda di Cupertino ora vale 98,3 miliardi di dollari ed ha mostrato una crescita del 28% rispetto al 2012. Google si attesta al secondo posto, mentre nelle altre posizioni tra le prime dieci figurano IBM, Samsung, Microsoft e Intel. E le aziende italiane? Prada è al 72° posto, mentre Ferrari figura al 98°. C’è poco da dire, siamo ancora molto indietro…

David Di Castro

@daviddicastro11

 

 

 

 

Google, l’ora degli store è arrivata?

Il momento sembra ormai arrivato. Dopo una serie di rumors che si sono susseguiti negli ultimi anni, l’ora in cui Google aprirà i suoi negozi dedicati ai prodotti della Big G sembra arrivata. Le anticipazioni apparse su alcuni blog (9to5Google) e siti internet, sembrano aver trovato conferme: i primi negozi dovrebbero essere aperti nelle maggiori città degli Stati Uniti e in Gran Bretagna già entro la fine dell’anno. I fan del colosso di Mountain View potrebbero così avere l’opportunità di acquistare direttamente e, prima ancora, di toccare con mano nuovi prodotti della linea Nexus e Chromebooks, ma soprattutto potrebbero essere l’occasione migliore per lanciare definitivamente gli esclusivissimi Google Glass, attualmente in fase di preordine ad un prezzo di 1.500 dollari.