10 regole per diventare un perfetto imprenditore nel settore abbigliamento

Oggi aprire un negozio di abbigliamento rappresenta un’ottima opportunità di business. A confermarlo sono i dati della Confcommercio che mostrano come, nel 2017, il comparto fashion retail abbia registrato un +28% rispetto all’anno precedente, con un giro d’affari di poco superiore agli 1,5 miliardi.

Dati che confermano, una volta di più, come la moda sia uno dei settori trainanti dell’economia italiana. Questo, però, non significa che ti basta mettere in piedi un punto vendita e alzare la saracinesca ogni mattina per vedere i tuoi fatturati moltiplicarsi come per magia. Il fashion retail resta sempre uno dei settori più competitivi, dove, se non sei preparato a dovere, rischi di bruciare tanti soldi.

Quindi, se vuoi davvero sapere come aprire un negozio di abbigliamento di successo, non ti basta solo investire per fare in modo che la tua creatura cresca, ma è necessario farti coinvolgere dal progetto a 360°, tenendo conto di alcuni aspetti fondamentali per la tua attività.

Vuoi sapere quali? Ecco 10 elementi da tenere in considerazione per diventare un perfetto imprenditore nel settore abbigliamento 

  1. Trova la location giusta

Un vecchio adagio recita “chi ben comincia è a metà dell’opera”, quindi, se il tuo obiettivo è creare un negozio di abbigliamento di successo, è necessario, come in ogni costruzione, partire dalle fondamenta.  Nel tuo caso, è la scelta del luogo adatto dove aprire la tua attività, tenendo conto di determinati fattori come la concentrazione dei concorrenti, il passaggio pedonale, la facilità di raggiungimento del luogo e la posizione rispetto al centro città

  1. Individua il target di riferimento

I clienti sono la risorsa più importante per un’azienda, quindi, se vuoi avere un negozio di successo, devi scegliere con attenzione il target al quale rivolgerti, cioè l’insieme delle persone che acquistano da te (e quelle che lo faranno in futuro), capire cosa cercano ed offriglielo, in modo da aumentare il loro numero. Pensare di poter raggiungere chiunque è sbagliato, irrealistico e ti farà perdere solo tempo, perciò concentrati su un gruppo di utenti ben preciso da soddisfare, magari facendoti aiutare nella loro individuazione da software online oppure esperti del settore 

  1. Scegli cosa vendere

Una volta definito il target di riferimento, devi scegliere quali prodotti vendere. Ricorda che la tua missione è creare un negozio unico, che si distingue dagli altri, quindi tratta articoli diversi dai tuoi concorrenti oppure concentrati su una nicchia specifica, tenendo sempre a mente che il tuo compito è soddisfare le esigenze dei clienti

  1. Tieni d’occhio le novità

Per essere un perfetto imprenditore nel settore abbigliamento non devi mai adagiarti, ma avere sempre un occhio vigile sulle novità che interessano il tuo settore, perché possono rivelarsi una fonte d’ispirazione per migliorare il tuo negozio e fidelizzare la clientela. Osserva le ultime tendenze provenienti dall’estero (sia per i capi che per i servizi offerti) e valuta se puoi applicarle con successo alla tua realtà

  1. Pubblicizza il tuo negozio

Per attirare sempre più clienti, utilizza i migliori strumenti pubblicitari che hai a disposizione. In particolare, i social network (Facebooke Instagramsu tutti) e i post sponsorizzati, per farti conoscere anche fuori dai confini geografici del tuo negozio, così come l’e-mail marketing, per aggiornare la tua lista su sconti e promozioni

  1. Valuta il franchising

Una buona opportunità per aprire il tuo negozio di abbigliamento può essere il franchising, soprattutto se non sei esperto del settore e vuoi approcciare in maniera più “soft”. Con alle spalle un’azienda grande e forte economicamente, i vantaggi della partnership sono la possibilità di ammortizzare buona parte delle spese di apertura e gestione dell’attività e la conoscenza del brand per aumentare il livello di fiducia dei clienti

  1. Attento alle regole

Una volta trovata la location, individuato il target, acquistata la merce da vendere e sponsorizzato il negozio, non vorrai mica che sfumi tutto per un piccolo intoppo?Assolutamente no! Allora devi conoscere con precisione qual è l’iter burocratico da seguire per aprire la tua azienda, che sarà sicuramente formato da alcuni passaggi obbligatori quali l’apertura della partita IVA, l’iscrizione alla Camera di Commercio e la comunicazione di inizio attività al comune di riferimento

  1. Fai un business plan

Per avere un negozio di successo devi pianificare con precisione gli obiettivi da ottenere, in quanto tempo e in che modo. Questo puoi saperlo solo redigendo un business plan quanto più completo e dettagliato possibile, nel quale una delle voci più importanti sarà quella relativa ai costi che, di norma, per un’azienda di abbigliamento in fase di start-up, si aggirano tra i 30 e i 50 mila euro

  1. Segui corsi di formazione

Per diventare un perfetto imprenditore devi anche formare te stesso e il tuo team. In Italia esistono tanti corsi che insegnano a relazionarsi in maniera efficace sia con i dipendenti, per creare un ambiente di lavoro sano e stimolante, sia con i clienti, sfruttando a tuo vantaggio le leve psicologiche che li guidano all’acquisto

  1. Crea un negozio multicanale

Con il sempre maggiore successo ottenuto dalla vendita in rete, ciò che oggi spinge gli utenti a preferire un negozio di abbigliamento rispetto ad un altro è la capacità di essere multicanale, ovvero presente su più piattaforme (online ed offline) nello stesso momento ed essere raggiunto con maggiore facilità. Questo vuol dire che è molto importante prendere in considerazione la possibilità di creare il tuo e-commerce e vendere anche sul web, affidandoti ad un software gestionale che ti permette di controllare in modo semplice, veloce ed automatizzato sia il negozio fisico che quello virtuale ed è integrato per la vendita online come magicstore.cloud, con il quale pubblichi in rete, con un solo click, i capi già presenti nel gestionali, senza fare più volte il carico e lo scarico

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *