16 aprile: Giornata del Pigiama in Ufficio. Come vi vestite per lavorare da casa?

16 aprile: Giornata del Pigiama in Ufficio

Giacca, camicia e cravatta sopra, pantalone del pigiama sotto. Voi come vi vestite per lavorare da casa? Quanti di voi hanno svolto almeno una volta nel ultimi mesi un meeting di lavoro online, conciati in questo modo? InfoJobs, la piattaforma tra le più importanti per la ricerca di lavoro online, ha interrogato sul tema i suoi utenti in occasione della Giornata del Pigiama in Ufficio (16 aprile), con l’obiettivo di regalare un po’ di leggerezza in questo momento difficile, scoprendo quali siano le tendenze, in termini di outfit, delle persone che affrontano ogni giorno riunioni, briefing e chiusure di accordi commerciali direttamente dalle mura domestiche, ma non solo!

Lavorando in molti da casa, l’outfit comodo è certamente un must, ma ci sono occasioni che richiedono comunque una certa formalità nel vestire, anche a distanza. E poi ci sono gli irriducibili dello stile che, anche se si trovano nel soggiorno e nella cucina del proprio appartamento, sono comunque vestiti di tutto punto.

A spiccare tra i dati emersi dalla survey è proprio il dato che attesta un forte incremento dell’attività professionale in modalità agile, rispetto all’indagine condotta a marzo 2020: quasi il 40% del campione nel 2021, rispetto al 15% nel 2020, afferma di lavorare almeno parzialmente da casa, a testimonianza di un fenomeno che coinvolge ormai sempre più persone da nord a sud.

Il 58,2% dei rispondenti è organizzato con postazione dedicata pronto a gestire ogni sfida lavorativa, anche se l’8,5% non disdegna il divano e addirittura un 4% gestisce mail e progetti comodamente dal letto, tra cuscini e piumone! Il 29% non ha una postazione di lavoro fissa, vince uno spirito nomade casalingo con una forte predilezione per tavoli e scrivanie magari a scomparsa.

Come vestono gli italiani per lavorare in casa?

Per il 65,9% vince la comodità, l’outfit sportivo che premia il comfort è l’ideale per gli smart workers, seguito a grande distanza dal 15% che opta per l’opzione pigiama h24! Rimane un 17,3% che non ha modificato il suo stile a causa del cambio location lavorativa econtinua a vestirsi come sempre

Ovviamente il momento più delicato è quello dei meeting in videocall e la scelta dipende dalle opzioni che richiede lo stesso. I dati evidenziano un testa a testa fra gli irremovibili dello stile e quelli che si concedono qualche libertà: per il 32,6% è una questione di stile, solo outifit completo scarpe comprese, il 34,5% propone un mezzo busto elegante, ma sotto largo a pigiama e ciabattone, percentuale che cresce per i follower IG di InfoJobs raggiungendo il 61% a discapito del 39% che non rinuncia all’outfit completo! Resta poi un 20,6% che ormai non fa più caso a cosa indossa, complice la situazione attuale che permette di uscire solo per un cambio stanza e la nuova normalità delle videocall, che ormai si usano per qualsiasi cosa, dal caffè con i colleghi alla riunione del CdA aziendale. A questo proposito, c’è anche chi prende una posizione netta: elegante con capo e clienti, pigiama o tutona con colleghi (7%). 

Ma la produttività ha una dipendenza diretta dall’outfit? Per il 69% degli intervistati, il modo di vestire non incide sulla produttività e quindi non è l’abbigliamento indossato a determinare il proprio grado di professionalità, mentre il 31% crede che l’aspetto curato motivi maggiormente ad affrontare la giornata lavorativa anche se non necessariamente in ufficio.

Su questo argomento il parere contrastante arriva dagli intervistati InfoJobs tramite il proprio canale IG, dove la maggioranza (52%) sostiene il contrario e che l’abbigliamento abbia inevitabilmente un impatto sulla produttività, mentre il 48% dichiara non vi sia assolutamente un nesso tra abbigliamento e produttività.

Outfit e lavoro

Non tutti però hanno la possibilità di svolgere il proprio lavoro in modalità agile, quindi l’indecisione davanti all’armadio rimane un punto cruciale per molti, soprattutto per chi non ha vincoli che regolamentano l’outfit, come il 44,7% per il quale però non deve mai mancare il buon senso e il decoro. Massima libertà per il 25,8% che può dar sfogo alla propria creatività, non limitando colori e abbinamenti ed essere sempre al passo con le mode del momento!

Divieti e limiti per il 29,6% che invece è legato a una divisa e non può esprimersi liberamente con il proprio look. E se proprio non è possibile aver agio sull’abbigliamento, si punta tutto sugli accessori! Tra quest’ultimi il portafortuna è rappresentato dal 19,6% degli intervistati che possiede un accessorio o un capo e lo indossa anche a lavoro, l’8,5% dichiara invece di possedere un oggetto prezioso, ma destinato solo alle occasioni lavorative importanti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *