80 anni di Folletto in Italia: una storia di successo imprenditoriale

80 anni del folletto in Italia

Quando un oggetto, o meglio un elettrodomestico, entra nelle case della gente comune, con un sistema di vendita che fa del contatto umano la propria forza, beh, diviene certamente una storia imprenditoriale di successo che non può rimanere inosservata. Parliamo del celebre Folletto della Vorwerk, che da 80 anni entra nelle case degli italiani senza soluzione di continuità.

Era il 1938 quando i fratelli Carl e Adolf Vorwerk prendono la decisione di varcare i confini della Germania e puntare con decisione a quello che poi è diventato per loro il primo mercato: l’Italia. Una scelta coraggiosa per l’epoca, ma decisamente premiante.

I numeri parlano chiaro: il Folletto è l’aspirapolvere più amato ed un brand conosciutissimo. Un pezzo di storia contemporanea presente in 1 famiglia italiana su 3 (dati Ipsos), progettato per durare nel tempo, ma che ha saputo anche rinnovarsi ed adeguarsi alle novità tecnologiche negli anni.

Ed è forse questo il fattore che ha decretato il successo di un brand e di un elettrodomestico di cui in molti (e molte soprattutto) non possono fare a meno.

Ma Folletto è una realtà imprenditoriale molto strutturata nel nostro Paese, che non lascia nulla al caso. Solo nel 2017, sono stati venduti ben 860mila apparecchi (il record è 890.000 nel 1992) per un fatturato di 421milioni di euro. Numeri sbalorditivi.

I numeri del Folletto in Italia

La capillarità e la vendita diretta hanno reso il Folletto Vorwerk una storia di successo imprenditoriale nel nostro Paese. Vediamo insieme i numeri.

  • 531 dipendenti
  • 500 i venditori sull’intero territorio nazionale oggi
  • 45 Vorwerk Point
  • Oltre 400 centri assistenza autorizzati
  • 30 milioni gli apparecchi venduti in 80 anni
  • 1 famiglia italiana su 3 possiede un Folletto
  • 4 generazioni di consumatori coinvolti
  • 1 milione di dimostrazioni del prodotto all’anno nelle case degli italiani
  • 100.000 venditori Folletto coinvolti in 80 anni
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *