A dicembre torna il Maker Faire Rome – The European Edition

MakerFaire

Eppure qualcosa si muove: uno spiraglio di luce arriva. Uno degli eventi più apprezzati negli ultimi anni torna dal 10 al 13 dicembre, come di consueto, alla Fiera di Roma. Parliamo del “Maker Faire Rome – The European Edition” edizione 2020.

Almeno questo è il programma, ma nel caso in cui il Covid-19 dovesse in qualche modo impedire il normale svolgimento dell’evento, è prevista una formula ancora più innovativa. Se le condizioni lo imporranno, è allo studio un modo per rendere “digitale” l’edizione 2020 con idee sorprendenti che faranno vivere Maker Faire Rome – The European Edition non solo per quattro giorni. L’organizzazione, non ha voluto fornire in tal senso altre anticipazioni.

Intanto, però, si pensa positivo. Maker Faire Rome ha  ideato il format Maker Learn, una raccolta in continuo aggiornamento, di contenuti formativi selezionati, approfondimenti e formazione online sui temi delle nuove tecnologie e dell’innovazione applicata a tutti gli ambiti: sostenibilità, manifattura digitale, robotica, Big data, agricoltura, IoT, gaming, coding e non poteva mancare quello sanitario, con un progetto speciale: la piattaforma di matchmaking solidale TechForCare.

Un hub nazionale per mettere in contatto necessità, soluzioni e mondo produttivo in modo rapido e verificato. Al momento spazio di incontro tra esperti di tecnologia, creativi e chi è in prima linea nella lotta al #COVID19, in futuro per condividere risorse, soluzioni e idee per ripartire.

Le parole sul Maker Faire Rome – The European Edition

“Maker Faire Rome – spiega Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma – è ormai un appuntamento consolidato, molto partecipato e importante non solo per la città di Roma, ma per il Paese e per tutta Europa. È una grande piattaforma e un grande momento di networking dove l’innovazione dall’alto si incontra con quella dal basso, coinvolgendo il mondo accademico, della scuola, della ricerca e dell’industria. Tutto questo si fa a Roma anche grazie al ruolo di facilitatore che svolge la Camera di Commercio, all’organizzazione e al coordinamento della nostra Azienda speciale Innova Camera e all’impegno di tutti i partner che hanno condiviso con noi passione, lavoro e finalità della manifestazione. Spero davvero – conclude Tagliavanti – che anche in questo anno così difficile, la Maker Faire si possa svolgere, in condizione di sicurezza, alla Fiera di Roma. Insieme, dal vivo. Se non sarà possibile, la faremo su una piattaforma digitale che stiamo già studiando. In ogni caso ci saremo, anche nel 2020, per testimoniare una volta di più le capacità del nostro Paese a mettere in mostra le migliori idee e invenzioni e la sua vocazione a non arrendersi mai”.

“Maker Faire Rome – afferma Luciano Mocci, Presidente di Innova Camera, Azienda speciale della CCIAA Roma – è cresciuta, costantemente, sia nei numeri che nei contenuti e questo grazie anche alla capacità di non fermarci di fronte agli ostacoli, per quanto impegnativi e imprevisti. Sono quindi orgoglioso di poter dire che, anche in un anno così difficile, la manifestazione si svolgerà e nessuno si tirerà indietro. L’innovazione, e queste ultime settimane lo dimostrano una volta di più, è una sfida irrinunciabile e decisiva per creare nuovi modelli di lavoro e di sviluppo che cambieranno il nostro modo di vivere”.

“Maker Faire Rome – The European Edition” avrà come sempre un team di curatori coordinato da Alessandro Ranellucci, con il co-fondatore Massimo Banzi sempre presente nel ruolo di advisor.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *