,

Agevolando, la start up che aiuta le aziende a districarsi tra le opportunità da non perdere

Agevolando

Oggi ci sono tante opportunità per chi vuole crescere, ma ha bisogno di risorse per poterlo fare. Tuttavia, comprendere bene le opportunità di finanziamenti o aiuti che effettivamente, in questo momento ci sono, non sempre è semplice. Da questo concetto nasce la start up Agevolando piattaforma di finanza agevolata dotata di intelligenza artificiale che ha dato supporto per la ricerca e l’attivazione dei bandi a fondo perduto, regionali e nazionali, aiutando imprese e professionisti diversi settori.  Per conoscerla più da vicino abbiamo intervistato Matteo Carella, Responsabile del reparto finanza agevolata

Intervista a Matteo Carella

Cosa fa Agevolando?

Agevolando è una piattaforma intelligente, supportata da un algoritmo di intelligenza artificiale, che raccoglie al suo interno tutti i bandi, per la richiesta di fondi o contributi, promossi dagli enti pubblici del territorio italiano e dall’Unione Europea. La navigazione all’interno del portale è facilitata da appositi filtri che possono mostrare, ad esempio, solo le opportunità che riguardano una certa tipologia di investimento. L’utente viene informato tramite una newsletter sui bandi attivi, filtrati secondo i suoi interessi selezionati nell’area personale. La piattaforma traduce ogni opportunità di bando in una forma più semplice per l’utente, attraverso un breve riassunto in una forma italiana di più facile comprensione e, grazie all’inserimento di suggerimenti e bottoni, permette di scaricare il pdf dell’opportunità, visualizzare il testo ufficiale del bando, visitare la pagina dove è stato pubblicato il bando con i relativi allegati e arrivare al link da cui è possibile presentare la domanda. L’utente può inoltre richiedere un preventivo a R-Impresa, società dietro lo sviluppo di Agevolando, qualora la pratica fosse abbastanza complicata da presentare in autonomia. 

Da a cosa è nata l’idea?

Noi di R-Impresa abbiamo sempre avuto la necessità di avere un servizio di segnalazione puntuale dei bandi, con la possibilità di usare anche filtri più specifici. Abbiamo fatto un’analisi di mercato in cui ci siamo resi conte che, purtroppo, non c’era ancora nessuna piattaforma abbastanza valida sul mercato che andasse ad aiutare l’utente soprattutto nella lettura dei bandi, traducendo il burocratese delle migliaia di documenti allegati a questo genere di bandi. Uno scoglio enorme per chi non può ricevere supporto nella lettura e nella compilazione di tutta la documentazione necessaria. La creazione di Agevolando, inoltre, facilita tantissimo il servizio di informazione che diamo alle nostre società clienti. Prima della piattaforma, il rapporto era uno-a-uno, quindi poteva capitare di non fornire una specifica segnalazione di un bando, mentre con Agevolando riusciamo a raggiungere tutti e nel minor tempo possibile. 

Qual è il vostro target?

Il nostro target sono le aziende italiane di qualsiasi dimensione che effettuano investimenti negli ambiti in cui la finanza agevolata può intervenire, ad esempio nel marketing o per l’acquisto di macchinari, software, per nuove assunzioni, corsi e programmi di formazione, solo per citarne alcuni. 

Bisogna avere caratteristiche particolari per avere accesso ai fondi?

Per determinati bandi sono sufficienti requisiti come l’anzianità o, in generale, l’inserimento del codice ATECO. Per i bandi che hanno requisiti specifici, invece, all’interno del bando è possibile trovare degli alert con le discriminanti dell’agevolazione. 

Qual è il vostro modus operandi?

Tutte le mattine il nostro team monitora i vari bandi in apertura tramite un sistema di intelligenza artificiale che ci informa della pubblicazione di nuovi bandi dagli enti monitorati. Poi, alle ore 7, un sistema di email alert invia la segnalazione dei bandi caricati nelle 24 ore precedenti alla posta elettronica dell’utente, permettendogli di non interrompere il proprio lavoro: con un semplice click sul contenuto della mail si accede in tempo reale alla pagina di dettaglio del bando e alla relativa documentazione che può essere raccolta e compilata in autonomia e in pochi minuti. 

Quali sono le vostre prospettive future?

Tra i nostri progetti futuri c’è quello di inserire un filtro per codice ATECO nella piattaforma, al fine di rendere ancora più pertinenti le segnalazioni ricevute dall’azienda e diminuire il numero di alert all’interno dei bandi con le discriminanti. Ci auguriamo di aggiungere in futuro sempre più filtri al fine di inviare solo agevolazioni a cui un’azienda può partecipare al 100%. Stiamo anche studiando un metodo per permettere agli utenti di compilare automaticamente le agevolazioni evergreen, ovvero i bandi sempre aperti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *