Al Pitti Uomo le nuove “ventiquattrore” per l’uomo moderno

La ventiquattrore è stato per anni il simbolo dell’imprenditore o del manager: rigida, compatta, dalle forme regolari. All’interno vi si ponevano documenti, penne, block notes, eventuali listini, biglietti da visita ecc. Ora le cose stanno cambiando e l’uomo moderno, nell’ambito di un globale mutamento di outfit, sta passando ad altro tipo di accessorio per riporre le proprie cose.

Sarà forse per l’avvento dei mini device, come tablet, smartphone pc portatili sempre più leggeri e sottili. Forse per la necessità di portare con sé anche altri oggetti personali, come i power bank o sigari e accessori per il fumo lento. Oggi la scelta ricade su zainetti e altri tipi di borse.

Servono più tasche, più spazi all’interno per riporre tutto il necessario, ma c’è anche un discorso legato alla comodità: portare tutto il peso sulle spalle, è molto più confortevole che concentrarlo su una sola mano.

Al prossimo Pitti Uomo (12-15 giugno) a Firenze, sono diverse le aziende che propongono modelli estremamente cool, eleganti, ma anche e soprattutto più funzionali alle moderne esigenze dei businessman.

Campomaggi punta tutto sull’abilità e creatività nel lavorare il cuoio per creare texture sempre diverse. Ideali per affrontare piccoli spostamenti sono le borse e borsoni della linea Messina con ampi e funzionali tasconi. La linea è realizzata in canvas impermeabile e vacchetta oppure, come novità di stagione, può essere realizzata con degli inserti a righe colorate sulle tasche e nella tracolla.

Tecnologia e design ma anche lusso sportivo. Gli accessori Piquadro per l’uomo della nuova era digitale sono dedicati ai viaggiatori in stile libero e richiamano un mondo di eleganza informale e contemporanea dove l’artigianalità guarda al futuro. I pellami di alta qualità, in vitello pieno fiore, vengono conciati con tannini vegetali in modo da esaltare la porosità della grana e le naturali differenze cromatiche della pelle.

The Bridge, invece, propone zaini classici e intramontabili. Ispirazione Seventiese un gusto volutamente country chic per una linea uomo di cartelle, zaini, messenger e piccola pelletteria. Modelli d’archivio reinterpretati però in chiave contemporanea con una novità assoluta per quello che riguarda la lavorazione del cuoio: il materiale tradizionale e iconico del brand toscano è stato alleggerito e trasformato in un pellame morbido e bello al tatto, abbandonando così la sua tipica rigidità e mantenendone però la resistenza. Il look finale è decisamente maschile: i dettagli interni sono curati nei minimi particolari e le tasche esterne sono dedicate ai must-have elettronici del momento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *