Banda ultra larga: il convegno dell’AIIP

SONY DSC

“Il futuro della rete italiana e il ruolo degli Internet Provider“, questo è stato il tema affrontato oggi al convegno nazionale dell’AIIP, Associazione Italiana Internet Provider. È stato discusso il tema del piano della banda ultra larga su cui il Governo si è impegnato a investire fino a 6 miliardi tra fondi europei e nazionali, per raggiungere gli obiettivi posti dall’Agenda digitale europea al 2020: Internet a 30 Mbps per il 100% della popolazione e almeno il 50% della popolazione effettivamente abbonata a servizi Internet a 100 Mbps.

Sarebbe una rivoluzione e soprattutto un’opportunità importante. Tanti i relatori di primo livello che hanno riferito alla platea le proprie opinioni. Franco Bassanini (Presidente AgID): “Metroweb ha presentato manifestazioni di interesse per 580 città, tutte quelle per le quali il piano del governo prevede l’arrivo della fibra ottica fino agli edifici. Metroweb è oggi in Italia l’operatore infrastrutturale che ha la rete in fibra più importante ed è tra i più rilevanti d’Europa. L’ideale sarebbe che nel proseguire su questa strada ci fosse il coinvolgimento di tutti gli operatori – ha aggiunto Bassanini – viceversa, procederemo con chi ci sta, perché è importante che la fibra raggiunga tutte le case e gli uffici. Questa è la soluzione che si impone per il futuro, dato che negli altri Paesi già si affaccia l’evoluzione delle reti via cavo, a Gigabit al secondo”.

Raffaele Tiscar, vice segretario generale di Palazzo Chigi, ha confermato: “Le risorse per realizzare le infrastrutture di banda larga ci sono e gli operatori devono stare tranquilli. Le modalità di erogazione verranno comunicate in un documento che stiamo elaborando a Palazzo Chigi”. Tiscar ha aggiunto che “il governo ha già messo a punto uno schema di decreto legge ad hoc, pronto al 90%, che andrà in uno dei prossimi Consigli dei Ministri per stabilire dove esattamente spendere i soldi pubblici e con quali strumenti di incentivo, che saranno notificati alla Commissione europea”.

Nel suo incisivo intervento, Antonio Nicita di Agicom ha dichiarato: “I temi che sono stati affrontati in questo interessante convegno riguardano soprattutto le dinamiche dell’innovazione in un settore importantissimo come quello dell’economia digitale. Sta emergendo un elemento molto importante: molti piccoli operatori stanno crescendo anche in un momento di crisi e c’è un forte interesse alle innovazioni mirate al mondo del business e al mondo delle imprese. Tutto questo avviene in un momento molto importante per l’Italia in cui si stanno mettendo in cantiere delle politiche anche per il rilancio dell’economia digitale. Il convegno di oggi ha evidenziato che attualmente abbiamo tutti gli strumenti  per trovare un punto di cambiamento nei prossimi anni e ciascuno per la propria parte lavorerà per questo”.

Renato Brunetti, Presidente AIIP, ha concluso l’evento. “Lo scopo del Convegno AIIP è quello di mettere in evidenza gli aspetti cruciali che in questo momento il settore di Internet e della comunicazione sta attraversando. In un momento in cui il Paese è chiamato a perseguire obiettivi molto ambiziosi, tutti gli operatori devono fare la loro parte e noi che rappresentiamo come AIIP il settore dei piccoli-medi operatori, vorremmo essere considerati come aggregato di fatturato e di occupazione e continuare a ricoprire un ruolo molto importante e  strategico per il Paese”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *