Hi-Tech

L’uomo moderno ed il businessman contemporaneo non possono fare a meno della tecnologia. Smartphone, tablet, pc, ma anche orologi supertecnologici sono immancabili tra gli accessori più usati dai manager. Vi sveliamo le ultime novità dell’hi-tech e vi mostriamo i device che vanno per la maggiore. Apple, Microsoft, Toshiba, LG, Asus, ma anche Casio, Pirelli e molti altri brand tra i quali scegliere i supporti tecnologici per il proprio lavoro. L’uomo tecnologico dei nostri tempi è sempre alla ricerca dell’ultimo ritrovato della scienza: dello smartphone più potente, del computer più performante, dell’orologio in grado di regalargli allo stesso tempo eleganza e prestazioni di grande livello. Tutto questo nella nostra pagina dedicata all’hi-tech!

Gestionale retail. I migliori software gestionali per negozi

Un software gestionale retail permette di automatizzare alcuni processi aziendali, garantendo un grande risparmio di tempo.
In un’epoca come questa è impensabile portare avanti un’azienda senza l’utilizzo di uno strumento di qualità, anche perché i vantaggi sono davvero molti:

  • Maggiore velocità, precisione e sicurezza
  • Incrocio dei dati, analisi e reporting
  • Possibilità di uso da remoto
  • Sensibile riduzione dei tempi e dei costi di lavoro

Le tipologie di software gestionali

Esistono tante tipologie di software gestionali, in base alle funzionalità offerte, pensati appositamente per specifici settori: ristoranti, alberghi, negozi, per la produzione e per la fatturazione.
Il retail ha un’altissima competitività e quindi è necessario avere a disposizione i migliori strumenti, per garantire la massima efficienza.

Mentre quindi realtà classiche possono essere soddisfatte con software orizzontali, cioè in grado di adeguarsi a vari ambiti, il gestionale retail è di tipo verticale ed è pensato per esigenze ancora più specifiche.

Quali sono i benefici di un software verticale

La copertura di ogni specifica esigenza e l’integrazione delle funzionalità sono senza ombra di dubbio delle caratteristiche notevoli, così come il coordinamento tra la sede principale e i singoli punti vendita.

La gestione dei pagamenti diventa estremamente semplice e funzionale, supportando anche dispositivi come i registratori fiscali e i lettori ottici.
L’organizzazione di resi, omaggi e degli strumenti di fidelizzazione rendono il tutto ottimale e consentono la soddisfazione dei clienti con il minimo sforzo.

L’aspetto strategico è di vitale importanza e qui conta l’abilità di ottenere e studiare i dati in modo analitico, personalizzando il servizio in base ai risultati ottenuti.
Un gestionale retail di qualità permette proprio questo, portando l’attività in vantaggio rispetto alla concorrenza.

Tra tutti i software gestionali per negozi, quello che risulta essere il più completo per questo tipo di attività è Crono Retail ed è di lui che parleremo.

Cos’è Crono Retail

Racchiude applicazioni gestionali di ultima generazione, al fine di aiutare i rivenditori che vogliono automatizzare i processi operativi, aumentando i profitti nell’arco del medio periodo.

La possibilità di studiare i comportamenti di acquisto consente di creare strategie di marketing ben mirate a riorganizzare la proposta in base alla richiesta e fidelizzare così i clienti.
La sua struttura modulare permette di agire in configurazioni diversificate, graduando le funzioni sulle esigenze sia dell’esercente che della clientela.

Crono Retail permette di aumentare la clientela

Con Crono Retail il rapporto con il cliente viene ottimizzato, così come la pianificazione del lavoro e di conseguenza anche tutti i processi.

I servizi di cassa possono essere aumentati con sistemi di self-service. Gli ordini online diventano molto più semplici, così come le consegna e domicilio e il ritiro.
Il gestionale consente di identificare le strategie di marketing migliori a risposta diretta, come per esempio coupon, campagne fidelity e loyalty.
Crono Retail è un prezioso alleato anche nell’ambito Ho.re.ca per organizzare attività di asporto e delivery.
La presenza online è assolutamente incrementata, così come la soddisfazione del cliente, che si sente ascoltato e soddisfatto in ogni sua esigenza.

La creazione di strategie su misura

Studiando le migliori strategie di marketing, Crono Retail permette di ampliare la clientela attraverso campagne pubblicitarie mirate, volantini e coupon marketing. Queste iniziative permettono favoriscono infatti il ritorno della persona dopo una prima visita.

In particolare, con l’uso dei coupon, l’80% dei nuovi consumatori torna per un nuovo acquisto. Questo software si occupa proprio di creare soluzioni su misura per ogni tipologia di clientela.

La creazione di campagne social rende possibile mantenere vivo l’interesse dei clienti abituali e facilita l’acquisizione di quelli nuovi.
Ogni azione è finalizzata all’obiettivo, quindi non ci sono perdite di tempo o sprechi in strategie inutili.

Le piattaforme Omnichannel

Il Customer Relationship Management (CRM) rende Crono Retail un vero strumento completo per l’organizzazione e la progettazione del lavoro. L’imprenditore può gestire tutto da remoto, ricevendo tutte le informazioni di cui necessita. Oltre ciò, è garantito il contatto con la propria clientela, per rendere il tutto molto più umano e soddisfacente.

L’immagine positiva consente di fidelizzare i propri utenti.
Tessere, brochure e schede personalizzate da lasciare ai consumatori offrono un’immagine professionale dell’azienda, mostrandosi così attenta al dettaglio e alle esigenze del cliente.
Ogni singola tessera viene personalizzata con il logo dell’azienda e il design preferito. In un paio di settimane sarà possibile avere tutto il materiale pronto per essere distribuito.

App e moduli aggiuntivi

Crono Retail vanta la possibilità di aggiungere numerose e varie applicazioni, per personalizzare e ottimizzare ancora di più il servizio.

Per smartphone e Tablet nasce Crono Web, in grado di analizzare i dati statistici dei propri punti vendita in qualsiasi momento e ovunque ci si trovi.
Grazie a questo strumento sarà possibile monitorare in un secondo l’analisi dell’incasso giornaliero in base ai parametri preferiti, le giacenze, gli scontrini, le trasmissioni telematiche e l’incasso diviso in modalità di pagamento.

Crono XLS ha il controllo dei listini Excel dei fornitori. Questi sono importati automaticamente, risparmiando così l’operazione di inserimento manuale.

Crono Mobile offre un altissimo numero di funzioni, aiutando sensibilmente nello svolgimento delle varie attività quotidiane, mentre Crono CEDI collega i flussi elettronici di distributori e fornitori.

Crono Shop E-Commerce

La piattaforma Crono Shop E-Commerce è una piattaforma che si integra totalmente con Crono Retail.
Quello che offre è un significativo risparmio di tempo: prezzi, articoli, foto, giacenze e molti altri dati vengono caricati in maniera automatica e si interfaccia con le principali piattaforme, come Word Press, Magento e Prestashop.

Crono Retail è senza dubbio il migliore e il più completo alleato di ogni imprenditore di successo.

, ,

YOUCARE, la nuova tecnologia indossabile: al Pitti Uomo una bella novità

Nell’era del digitale, il mondo della moda non poteva rimanere indifferente rispetto alle nuove tecnologie, ma anche alle nuove esigenze “salutistiche” degli uomini moderni.

In occasione del Pitti Uomo di Firenze, è stata presentata YOUCARE, una straordinaria e rivoluzionaria tecnologia indossabile (made in Italy), totalmente tessile, lavabile e facile da usare.

Attraverso questa tecnologia, i tessuti indossati sono in grado di rilevare i parametri bio-vitali di chi li indossa e trasmetterli, in modo intelligente, attraverso le più moderne reti di telecomunicazione ai device.

Il progetto prevede l’utilizzo di rivoluzionari dispositivi tessili, ovvero una T-shirt senza componentistica metallica e con sensori nativamente “immersi” nel tessuto, che è stata presentata nei giorni scorsi, di fronte alla stampa mondiale, nel corso del Mobile World Congress 2021 appena conclusosi a Barcellona.

La presentazione al Pitti Uomo

A Firenze, è stato presentato in anteprima il viaggio di esperienza e conoscenza, realizzato da un giovane testimone “spontaneo”, dell’utilità e del valore di tale innovazione nel mondo dell’abbigliamento.

Mattia era presente all’evento organizzato da AccYouRate presso il Colle Bereto Lounge Bar, nel testimoniare il suo viaggio nelle tecnologie indossabili narrato da un breve docufilm realizzato da Mattia stesso in collaborazione con AccYouRate.

Nello stesso evento, AccYouRate ha presentato in anteprima mondiale i risultati del primo progetto di utilizzo di abbigliamento intelligente su scala diffusiva in collaborazione con Croce Rossa Italiana.

Come funziona YOUCARE

YOUCARE abilita la rilevazione di parametri bio-vitali mai rilevati prima da sensori tessili, come ad esempio un “vero” elettrocardiogramma, l’analisi degli atti respiratori e delle componenti del sudore, lo sforzo muscolare, la temperatura corporea e consente la trasmissione in real-time di tali parametri bio-vitali in modalità sicura e protetta per svariate finalità: benessere, salute, sport, lavoro e molto altro. Sviluppato da AccYouRate Group S.p.A. in collaborazione con l’Università di Bologna e l’Università di Cagliari, consente di rilevare i parametri bio-vitali di YOUCARE attraverso sensori polimerici impercettibili “serigrafati” nel tessuto. Tali parametri vengono inviati ad una centralina miniaturizzata che registra i dati, li converte in formato digitale, inviandoli in logica bidirezionale ai dispositivi come smartphone o smartwatch.

Insomma, si tratta di un abbigliamento intelligente che potrebbe rappresentare il primo passo verso un nuovo modello di monitorizzazione della salute di ciascuno di noi.

Microsoft: annunciato l’aggiornamento del sistema operativo. Arriva Windows 11!

In occasione dell’ What’s Next for Windows, Microsoft ha annunciato l’imminente arrivo della nuova versione del proprio sistema operativo: Windows 11. Una notizia importante per chi lo attendeva da tempo, addolcita ulteriormente dal fatto che sarà disponibile sui nuovi PC e attraverso un aggiornamento gratuito per i PC Windows 10 idonei entro la fine di quest’anno.

Le caratteristiche di Windows 11

L’obiettivo principale è stato quello di modernizzare e rendere migliore l’esperienza di chi lo usa, partendo dal nuovo pulsante Start e dalla barra delle applicazioni fino ad arrivare a ogni suono, carattere e icona. Attraverso i nuovi layout Snap, i gruppi Snap e i desktop di Windows 11 l’esperienza dell’utilizzo del multitasking e l’organizzazione di Windows risultano decisamente migliorati.

L’integrazione di Teams direttamente nella barra delle applicazioni ara assicura una connessione istantanea a messaggi, chat, voce o video con chiunque, su Windows, Android e iOS.

Widgets è un nuovo feed personalizzato abilitato dall’AI, che permette di visualizzare contenuti su misura direttamente sul proprio desktop. Per gli sviluppatori e gli editori, Widgets apre nuove opportunità all’interno di Windows per offrire contenuti personalizzati.

Il nuovo Microsoft Store

Rappresenta il punto di accesso unico e affidabile per app e contenuti, creando un ecosistema più aperto per gli sviluppatori e i creator e garantendo un’esperienza più veloce e sicura per i professionisti IT.  

Luce blu: gli italiani ne conoscono gli effetti ma anche a letto guardano i device

La salute prima di tutto. Ah no, lo smartphone prima di ogni cosa, persino a letto! Tutti ormai sanno che l’esposizione alla luce blu emessa dagli schermi di TV, smartphone, tablet, computer ed e-reader può influire negativamente sul riposo notturno, inibendo la melatonina, l’ormone che induce il sonno. Malgrado ciò sono in molti quelli che non ci rinunciano. A mettere in evidenza questo aspetto è uno studio  di Emma – The Sleep Company, tra le aziende a più rapida crescita in Europa nella produzione di sistemi per il sonno, attraverso una survey ha indagato i comportamenti degli italiani circa l’utilizzo di device la sera a letto prima di addormentarsi.

Ebbene, i dati che evidenzia la ricerca sono davvero preoccupanti. Infatti, gli italiani faticano a riposare bene durante la notte, basti pensare che quasi la totalità di loro (96%) dichiara di avere un sonno notturno disturbato almeno una o due volte al mese, mentre è più di 1 su 4 (28%) che di rado trascorre notti veramente rigeneranti e senza risvegli. 

La luce blu è una tematica non sconosciuta agli intervistati, anzi, dall’analisi emerge che quasi due terzi di essi (69%) sa di cosa si tratta e conosce i possibili risvolti negativi alla sua esposizione nelle ore serali in camera prima di dormire. Nello specifico, i due disturbi più noti agli utenti italiani sono l’interferenza con i tempi di addormentamento (57%) e il sonno notturno difficoltoso (31%), pochi (4%) invece sono coscienti del probabile strascico mattutino, ovvero un arduo risveglio. Non stupisce quindi che quasi 8 italiani su 10 (79%) siano a conoscenza dell’esistenza del “filtro protezione occhi” pensato per contenere gli effetti della luce blu, sebbene poi oltre la metà (53%) non lo utilizzi.

Non solo, pare che gli italiani utilizzino i propri device fino a poco prima di abbandonarsi al sonno. Infatti, sono davvero in pochi a non avere alcun dispositivo elettronico in camera da letto quando stanno per andare a dormire: meno di 1 su 10 (9%).

I dispositivi più utilizzati in camera da letto

Lo smartphone è il più fedele compagno la sera. Infatti, tra i device preferiti dagli utenti del Bel Paese c’è proprio lui (75%), seguito dalla TV (55%), e ancora dal PC (21%), tablet (16%) ed e-book (7%). 

Gli inseparabili del cellulare sotto le coperte prevalentemente utilizzano i social media (40%) e navigano online (37%). È tuttavia nutrita la schiera di quanti prima di dormire lo utilizzano per chattare e guardare video e programmi in streaming oppure on demand (entrambi 23%) e leggere (20%). 

Chi non vuole rinunciare a tablet e laptop anche in camera da letto, prevalentemente trascorre almeno un’ora online ed è impiegato a navigare sul web (23%), usare i social (18%), guardare video o film (15%) o a leggere (14%). Ma non solo, c’è anche chi gioca (11%), si diletta in shopping online (10%) o controlla le ultime e-mail (10%).

,

Sanificazione degli uffici: Sanixair presenta strumenti che ci aiutano a respirare meglio anche a lavoro

Il Covid-19 ha cambiato il nostro modo di vivere e probabilmente certe attenzioni ce le porteremo appresso per tutta la vita. Tra le nostre nuove abitudini, certamente c’è la mascherina, il lavarsi le mani, l’igienizzazione delle stesse. Ma anche di tutti gli ambienti che abbiamo intorno. In particolare, la sanificazione degli uffici è fondamentale.

L’aspetto della qualità dell’aria va tenuto nella giusta considerazione, perché nei nostri uffici ci trascorriamo tantissime ore della nostra giornata e siccome il più delle volte non ci siamo solo noi, ecco che l’esigenza di respirare aria più pura possibile diventa essenziale.

Per rispondere a queste esigenze, nasce Airsplit di Sanixair che garantisce la sanificazione degli uffici (così come delle case) per abbattere costantemente virus, batteri e sostanze inquinanti, così come i cattivi odori, assicurando a chi vive le strutture aziendali un ambiente salubre e controllato nel rispetto delle norme (D.Lgs 81/2008) evitando la “Sick Building Syndrome”.

Grazie alla sua tecnologia Sanixair offre un servizio di sanificazione completa, in continuo ed in presenza di persone, trattando efficacemente aria e superfici, venendo così incontro alle criticità degli ambienti aziendali.

Per interventi di sanificazione in spazi più ridotti, Sanixair ha creato anche la gamma AirBox, particolarmente indicata per le realtà aziendali che prevedono un flusso continuo di ingressi nelle stesse

Che cos’è il sottosistema WLS Windows per Linux

L’ultimo decennio è stato caratterizzato da uno sviluppo tecnologico generalizzato, in particolare nell’ambito del mondo digitale. Gli appassionati di informatica e di tutti gli aspetti legati ai vari software, motori di ricerca e sistemi operativi possono usufruire di vantaggi e possibilità prima irrealizzabili. Una novità recente inerente al campo dei sistemi operativi è l’alleanza digitale fra Linux e Microsoft; il senso della svolta deriva dal fatto che fino a poco tempo fa non era possibile utilizzare contemporaneamente, sfruttando a pieno le loro funzionalità, i due sistemi operativi. Era infatti necessario installarli separatamente potendo usufruire delle facoltà di un solo sistema per volta. Dopo una dura rivalità fra le due componenti, finalmente è arrivata la possibilità di poter installare Linux su Windows, potendo gestire nella totalità tutte le sue funzioni. 

Il sottosistema di Windows per Linux

WSL permette la coesistenza di Linux e Windows 10

WSL è l’acronimo della definizione sottosistema di Windows per Linux, ovvero la componente che permette di poter utilizzare tutte le funzioni e applicazioni direttamente sul sistema operativo Microsoft. La complessità che caratterizzava questa operazione è superata attraverso un processo virtuale riguardante Hyper-V di Microsoft: attraverso questo espediente tutte le peculiarità del sistema Linux saranno gestibili direttamente tramite la creazione di una finestra CMD.

Installare Linux su Windows non è mai stato così semplice

L’installazione di WSL sul proprio computer non compromette minimamente le sue prestazioni

Chiarite le linee generali relative alla possibilità di poter finalmente sfruttare a pieno le potenziali di Linus installandolo direttamente sul sistema Windows senza stratagemmi complessi, è importante sottolineare quanto sia diventata lineare e sicura sia l’installazione che la gestione sul proprio computer. Per prima cosa, a differenza di quanto accadeva precedentemente, non essendoci più la necessità di installare componenti aggiuntive, le prestazioni del proprio computer non risentono minimamente di questo appesantimento. Ciò deriva dal fatto che di fatto viene introdotto nel sistema Windows solamente il Kernel di Linux che ovviamente risulta impercettibile in termini di spazio nella memoria del pc. Inoltre, nonostante l’interazione fra Linux e Microsoft è praticamente impossibile che Windows si arresti in maniera improvvisa compromettendo i propri dati o eventuali lavori durante lo svolgimento. 

Quali sono i vantaggi di WSL

Tutte le funzionalità di Linux sempre a disposizione senza dover fare a meno delle peculiarità di Windows 10

Il primo elemento favorevole legato all’opportunità di poter usufruire del sottosistema di Windows per Linux è la possibilità di poter accedere alla moltitudine di programmi, funzioni e peculiarità di Linux senza dover separare i due sistemi operativi godendo a pieno di tutte le caratteristiche uniche del sistema operativo Linux. Non ci sarà più bisogno di usufruire di processi di virtualizzazione per poter accedere alle diverse caratteristiche, garantendo vantaggi percepibili non solo a chi ha già ampie conoscenze nell’ambito dell’informatica ma anche a chi muove i primi passi nel mondo digitale. 

La seconda versione di WSL

Nasce WSL 2 per ottimizzare il coretto funzionamento di tutte le applicazioni di Linux

Per quanto l’introduzione di WSL sia stata una svolta dal punto di vista del rapporto fra Microsoft e Linux, grazie alle potenzialità di poter sfruttare questa componente in concomitanza di Windows 10, al suo lancio sono stati riscontrati diversi limiti strutturali che hanno trovato una pronta risoluzione da parte degli sviluppatori. Infatti, quello che è definito WSL 1 non dava correttamente la possibilità di poter gestire in autonomia e senza intoppi alcune applicazioni classiche come ad esempio Docker. Ciò dipendeva principalmente dalle limitazioni derivanti dall’Hyper-V. Questa problematica è stata risolta con il lancio di WSL 2, ancor più ottimizzato per una maggiore completezza di utilizzo a favore della sicurezza e stabilità del proprio computer oltre che del sistema operativo principale. Infatti, potendo usufruire di un hypervisor nativo a differenza della versione precedente, le dinamiche di comunicazione fra i due sistemi operativi sono agevolate, notando in maniera chiara una maggiore fluidità dei programmi, velocità nella risposta dei dati e nello scaricamento dei diversi pacchetti. 

Utilizzare Ubuntu e Python grazie a WSL

WSL permette di poter sfruttare i vantaggi di Ubuntu e di cimentarsi in nuovi linguaggi di programmazione

Una novità sostanziale relativa alla possibilità di poter utilizzare Linux direttamente su Windows 10 grazie al sottosistema WSL è relativa ad Ubuntu. Attraverso questa componente sarà possibile cimentarsi in percorsi di programmazione di ogni genere sfruttando diversi linguaggi di programmazione. Uno dei più noti e diffusi negli ultimi tempi è Python. Questo linguaggio informatico presenta peculiarità e competenze uniche nel settore, ma la sua complessità non può essere gestita da chi muove i primi passi nel campo. A supporto di chi, pur non avendo le competenze, desidera sfruttare a pieno le funzionalità di Ubuntu è quindi le opportunità legate a questo linguaggio di programmazione innovativo, può contare su un corso professionale di Python online, capace di conferire tutte le nozioni base o complesse legate al suo funzionamento, al fine di avviare verso una corretta gestione per trarne tutti i benefici possibili.

Cambiare operatore di energia elettrica: quali sono gli aspetti da valutare?

Se si desidera cambiare operatore di energia elettrica per la casa, o anche per il proprio business, sarà utile per confrontare le varie offerte più economiche al fine di poter scegliere quella più conveniente per le proprie esigenze.

Energia elettrica

Tutte le persone possono selezionare il proprio fornitore di energia elettrica, proprio come avviene per tutte le altre utenze domestiche. Bisogna valutare bene la scelta in base al proprio consumo e abitudini in casa o in ufficio.

Il primo modo per risparmiare la bolletta è quella di usare l’energia elettrica in modo furbo, ponderando bene l’utilizzo degli elettrodomestici, controllando la temperatura del riscaldamento e condizionamento nell’abitazione e altro; in secondo luogo, è importante fare affidamento a delle offerte di energia elettrica per casa convenienti.

L’energia elettrica è molto importante per la vita quotidiana, in quanto grazie ad essa sarà presente la luce in casa, l’acqua calda se si usano i boiler, il funzionamento degli elettrodomestici, delle televisioni, riscaldamento dell’abitazione se si utilizzano le pompe di calore e alimentazione se si ha in casa la cucina a induzione.

Senza di essa non si potrebbero avere tutte questi vantaggi, che oggi giorno sono fondamentali.

Scegliere tra tariffa dell’energia monoraria o bioraria

È meglio monoraria o bioraria? Questo dipende da persona a persona e dalle proprie abitudini. Il prezzo della prima ha un costo unico al kWh per ogni giorno della settimana in qualsiasi ora. È ideale per chi consuma energia in tutta la giornata, in modo più o meno costante.

Per quanto riguarda, invece, il prezzo dell’energia elettrica bioraria, esso è al kWh e varia in base ai giorni della settimana e alle ore del giorno.

Le fasce sono queste:

  • F1 dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 19;
  • F2 dal lunedì al venerdì, dalle 7 alle 8 e dalle 19 alle 23;
  • F3 dal lunedì al venerdì, dalle 23 alle 7, fine settimana e giorni festivi.

L’energia elettrica costa maggiormente durante il giorno e di meno la sera e il fine settimana. È ideale per chi lavora molto durante la giornata e, quindi, consuma di più la sera.

Tariffe energia elettrica green

Si possono scegliere anche queste tipologie di tariffe, che producono energia da fonti rinnovabili che non inquinano l’ambiente.

Esse sono molto vantaggiose, in quanto consentono di risparmiare le spese per l’energia elettrica, proprio come le altre tradizionali. Oltre a ciò un valore aggiunto risulta quello che si tratta di energia pulita che protegge la salute di ogni individuo, poiché non si omettono sostanze inquinanti come il monossido di carbonio e si rispetta in pieno l’ambiente.

Scegliendo una di queste tariffe green si contribuirà a tutelare l’ambiente, ovvero un’azione piccola che però ha una grande importanza, specialmente in questo momento caratterizzato dalla crisi climatica e dal riscaldamento globale.

Prima di effettuare un contratto con una compagnia di energia elettrica green, bisogna essere sicuri che sia completamente in questo modo.

Così risparmierai sicuramente, evitando inutili sprechi e avendo delle ottime abitudini in casa.

Come cambiare fornitore di energia elettrica?

Se le bollette sono superiori a quanto si consumi realmente e si pensa che ci possano essere delle offerte migliori sul mercato, allora è necessario cambiare promozione. È molto semplice il passaggio: quando si avrà scelto e confermato l’offerta, sarà l’operatore a gestire tutto e a comunicare la chiusura di contratto della vecchia compagnia.

Questo passaggio di compagnia avverrà in circa due o tre mesi senza, però, interrompere il servizio di energia elettrica. Quando saranno finiti tutti i passaggi, verrà letto il contatore per l’emissione dell’ultima bolletta.

Esistono tariffe a prezzo fisso, in cui il prezzo viene deciso dal fornitore, e quelle a prezzo variabile nel quale il costo varia in base a diversi fattori.

Quando si cambia fornitore non è mai necessario subire alcun costo aggiuntivo, a meno che non sia previsto e comunicato in anticipo dall’azienda in questione.

Inoltre, molte aziende hanno aggiunto la possibilità di scegliere anche come pagare le bollette che, oltre al bollettino postale, potrà essere fatto anche con carta di credito o banca e, in questo modo, sarà addebitato l’importo direttamente sul conto corrente, evitando così lunghe file.

Microsoft Surface Laptop 4: l’innovazione è servita…

In un momento in cui il pc portatile è un nostro inseparabile compagno di lavoro e che dallo stesso, come visto in questo articolo, si cercano sempre prestazioni maggiori. In questo contesto, Microsoft ha annunciato il lancio del nuovo Surface Laptop 4, frutto di un processo di innovazione che preserva le sue caratteristiche più amate dai consumatori, e nuovi accessori Microsoft, studiati appositamente per ottimizzare le proprie esperienze di meeting virtuali.

Microsoft Surface Laptop 4: le caratteristiche

Dsponibile per un pubblico consumer e businessil nuovo Surface Laptop 4 ha mantenuto il suo design iconico, la cura dei dettagli e i materiali del modello precedente, ma è stato ottimizzato per una migliore fruizione di tutte le esperienze Microsoft. Questo nuovo straordinario strumento di lavoro sarà disponibile in Italia nella versione con display touchscreen 3:2 PixelSense da 13,5” o nel modello da 15”, con finiture di metallo nell’elegante colorazione nera o platino, impreziosito dal tocco unico dell’Alcantara.

Sarà inoltre possibile scegliere tra un processore Intel® Core™ di undicesima generazione oppure il processore mobileAMD Ryzen™ con Radeon™ Graphics Microsoft Surface® Edition (8 core), entrambi in grado di garantire un’esperienza di utilizzo fluida, perfetta per rispondere a tutte le esigenze moderne di multitasking.

Il Surface Laptop 4 include altresì una fotocamera frontale HD integrata con incredibili capacità operative in condizioni di scarsa luminosità e un microfono da studio in array, per assicurare una resa audio potente e cristallina, durante le video call, le conference coll ed in cereale le video chiamate. Il nuovo dispositivo Surface permette inoltre di fruire dei propri contenuti preferiti comodamente e da qualsiasi luogo in maniera immersiva, grazie ad un display touchscreen con 201 PPI e altoparlanti Dolby® Atmos ™.

Microsoft assicura Surface Laptop 4 e tutti i dispositivi firmati Microsoft sono progettati per ambienti di lavoro ibridi e per assicurare il controllo delle informazioni sensibili, offrendo una sicurezza immediata grazie ad hardware, firmware, software e protezione dell’identità integrati.

Accessori di qualità elevatissima

Microsoft ha anche annunciato l’arrivo delle nuove Surface Headphones 2+ for Business e un nuovo assortimento di accessori audio e video certificati per Microsoft Teams e perfetti per interagire con le proprie app preferite di video conferenza.

Surface Headphones 2+ for Business conservano tutte le funzionalità della famiglia Surface Headphones, tra cui 13 livelli di cancellazione attiva del rumore, innovativi cuscinetti auricolari, un avanzato sistema di 8 microfoni per garantire un suono nitido ed incredibile e un’autonomia fino a 18 ore e mezza per l’ascolto della musica o fino a 15 ore per le chiamate vocali. A partire da oggi, Headphones 2+ for Business si avvalgono della certificazione per Microsoft Teams, con l’inclusione dell’apposito dongle per garantire un’esperienza di meeting e chiamate virtuali ancora più solida grazie ai controller Teams on-ear.

Altri accessori presentati sono il Microsoft Modern USB & Wireless Headset, la Microsoft Modern USB-C Speaker e la Microsoft Modern Webcam.

5 caratteristiche essenziali che deve avere un notebook

Notebook, ormai è un inseparabile compagno di lavoro. Ma che caratteristiche deve avere? C’è chi preferisce lavorare sui tablet, ma il notebook è certamente più pratico e funzionale, soprattutto ora che in molti lo utilizzano per il loro home working.

5 caratteristiche essenziali per un notebook

Secondo gli esperti di Dynabook, sono 5 le peculiarità di cui tenere conto e che rendono il nostro notebook uno strumento di lavoro preziosissimo.

  • Qualità dello schermo: quando si sceglie un notebook per uso aziendale, la dimensione del display è spesso un’esigenza primaria. Per molti dipendenti la grandezza dev’essere tale da sostituire comodamente il display del desktop, ma allo stesso tempo deve essere abbastanza compatto per permettere frequenti spostamenti. I notebook con schermi da13,3” a 14,1” rappresentano un ottimo compromesso. Oltre alla dimensione, sono importanti anche la risoluzione così come il numero di pixel e la visibilità di tutte le informazioni. Un altro elemento chiave è la flessibilità, perciò optare per un display luminoso e senza riflessi permetterà di lavorare ovunque, anche all’aperto. 
  • Prestazioni e velocità: in passato era necessario scegliere tra potenza di elaborazione e durata della batteria. Oggi non è più così, lavorando da remoto la potenza di elaborazione deve supportare non solo l’esecuzione delle attività quotidiane, ma anche le operazioni in background, come la connessione allo storage in cloud, a VPN aziendali e altre modalità simili di accesso da remoto. Quando si pensa alle prestazioni, si dovrebbe considerare anche la struttura del dispositivo: optare per un laptop con chassis in magnesio garantisce sicuramente una maggiore resistenza e flessibilità in caso di spostamenti. Inoltre, mantenere un PC sicuro e funzionante è fondamentale, per questo Dynabook offre la ‘Reliability Guarantee’, che in caso di guasto nel primo anno dall’acquisto offre la riparazione e il rimborso del notebook.
  • Tastiera: spesso un laptop aziendale è funzionale al solo inserimento di dati, per questo sono essenziali una tastiera integrata e un dispositivo di puntamento di buona qualità, soprattutto se si lavora in spazi ristretti. I tasti devono essere ben distanziati e avere una buona reattività. Inoltre, scegliere una tastiera resistente al versamento dei liquidi aiuterà a far fronte ad alcuni possibili problemi. Un’altra caratteristica importante è la retroilluminazione, utile sia quando si viaggia sia quando si lavora la sera a casa in ambienti dove si stanno svolgendo altre attività.
  • Connettività: lavorare da casa spesso significa cambiare diverse postazioni, dal tavolo della cucina alla camera da letto fino al divano, e può risultare particolarmente utile mettere in pausa il proprio PC e riattivarlo dopo pochi istanti, grazie a funzionalità di accensione/riavvio istantanea o di ibernazione rapida in grado di interrompere e riprendere il lavoro velocemente. L’autenticazione biometrica tramite volto o impronte digitali, per un accesso veloce e sicuro, è un’opzione da considerare. Inoltre, se si lavora su un tavolo, una docking station con connettività Thunderbolt 3 o USB Type-C, permetterà di collegare e scollegare i dispositivi con estrema facilità.
  • Funzionalità multimediali: un aspetto a cui spesso non si pensa quando si sceglie un notebook business sono le funzionalità multimediali. Tuttavia, la pandemia in corso ha evidenziato quanto sia essenziale che altoparlanti, microfoni e webcam siano di buona qualità per interagire al meglio con colleghi e clienti. 

“La crescente diffusione dello smart working ha accentuato ulteriormente l’importanza di valutare con cura le caratteristiche di un notebook per permettere ai dipendenti di svolgere al meglio il proprio lavoro”, ha dichiarato Massimo Arioli, Business Unit Director Italy di Dynabook Europe GmbH. “Dynabook offre un’ampia gamma di dispositivi adatti alle diverse attività aziendali, dagli ultra-mobile 2 in 1, perfetti per chi è sempre in movimento, alle potenti workstation per chi non si allontana dalla scrivania. Inoltre, è possibile assegnare un modello diverso ad ogni dipendente senza rendere complicate le attività di gestione. Grazie a immagini software, opzioni di alimentazione e soluzioni di docking comuni alla maggior parte dei modelli, consentiamo di gestire tutti gli asset IT in modo semplice ed efficiente”.

,

Microsoft Viva, la nuova piattaforma di Employee Experience

Si chiama Microsoft Viva ed è la nuova piattaforma di Employee Experience pensata per integrare gli strumenti per il coinvolgimento, l’apprendimento, il benessere e l’individuazione, oltre che la condivisione di know-how dei dipendenti delle aziende direttamente all’interno del flusso di lavoro. 

“Se c’è una cosa che abbiamo imparato dall’ultimo anno è la necessità di coniugare tecnologia, dati e insight per creare luoghi di lavoro sostenibili e innovativi, capaci di ripristinare il capitale sociale perso con il passaggio ad ambienti di lavoro ibridi”, ha dichiarato Satya Nadella, CEO di Microsoft. “Quando investiamo nelle nostre persone e nell’esperienza dei dipendenti, possiamo avere un impatto diretto sul loro coinvolgimento, sulla loro dedizione, sulla soddisfazione dei clienti e sulla redditività. Quando le persone crescono, il business prospera”. 

“Il mondo del lavoro sta cambiando e va verso un futuro caratterizzato da servizi innovativi con un focus sulla creatività, sul coinvolgimento e sul benessere delle persone, che possa aiutare le aziende a costruire nuove culture guidate da ingegno e resilienza”, ha commentato Jared Spataro, Corporate Vice President, Microsoft 365 di Microsoft. “Il nostro obiettivo è quello di fornire una piattaforma per l’Employee Experience che possa aiutare le organizzazioni a creare una cultura aziendale florida con dipendenti motivati e leader illuminati”.

Come funziona Microsoft Viva

Microsoft Viva si basa su Teams e Microsoft 365 per sfruttare le 4 aree chiave dell’esperienza dei dipendenti – coinvolgimento, benessere, apprendimento e know-how – tutte all’interno di un’unica piattaforma che permette a dipendenti e professionisti delle aziende di dare il meglio al lavoro. Microsoft ha annunciato un set iniziale di moduli di Viva che offrirà funzionalità innovative e la possibilità di integrazione con le soluzioni di un vasto e crescente ecosistema di partner. Sarà inoltre possibile ampliare la piattaforma, consentendo ai clienti di integrare le proprie soluzioni per l’Employee Experience con Viva per renderle ancora più accessibili ai dipendenti.

I quattro moduli di Microsoft Viva

  • Viva Connections, che fornisce un accesso personalizzato per il digital workplace, dove i dipendenti possono trovare comunicazioni interne e risorse aziendali, come policy e benefit, e partecipare a community come i gruppi di risorse per i dipendenti, il tutto da una singola app personalizzabile su Microsoft Teams. L’app Connections per Teams sarà disponibile via desktop in anteprima pubblica a partire dal prossimo mese, mentre l’app mobile arriverà nel corso dell’anno.
  • Viva Insights, che offre a dipendenti, manager e leader approfondimenti personalizzati e azionabili, in grado di contribuire alla crescita delle persone all’interno delle organizzazioni. Le esperienze personali e gli insight, visibili solo al dipendente, aiutano le persone a riservare il giusto tempo alle pause, alla concentrazione e all’apprendimento, così come a rafforzare le relazioni con i propri colleghi.  I manager e i leader possono vedere i trend a livello di squadra e di organizzazione, così come i suggerimenti per bilanciare meglio la produttività e il benessere.  Gli approfondimenti sono generati a partire da dati aggregati e anonimizzati per garantire la privacy. Inoltre, una nuova dashboard consente alle aziende di combinare il feedback dei dipendenti dalla piattaforma Glint di LinkedIn con i dati sulla collaborazione di Viva Insights, permettendo ai leader di identificare con maggiore precisione le difficoltà dei team, modificare proattivamente le regole di lavoro, e quindi misurare l’impatto di questi cambiamenti nel tempo. Basandosi sugli investimenti esistenti di ogni organizzazione, Viva Insights può anche attingere ai dati di strumenti di terze parti come Zoom, Workday e SAP SuccessFactors. L’app Viva Insights in Teams e la nuova dashboard Glint e Viva Insights sono ora disponibili in anteprima pubblica.
  • Viva Learning, che rende le opportunità di formazione e sviluppo professionale più accessibili nel flusso di lavoro. Questa funzionalità aggrega tutte le risorse di apprendimento disponibili per un’azienda in un unico luogo, compresi i contenuti di LinkedIn Learning, Microsoft Learn, fornitori di terze parti tra cui Skillsoft, Coursera, Pluralsight ed edX, oltre al portfolio di contenuti dell’azienda. Dai corsi di apprendimento tradizionali ai contenuti di micro-apprendimento, gli utenti possono scoprire, condividere, assegnare e monitorare una grande varietà di training come parte naturale della giornata lavorativa. L’app Viva Learning è ora disponibile in anteprima privata e, a partire da quest’anno, offrirà integrazioni con i principali sistemi di gestione dell’apprendimento tra cui Cornerstone OnDemand, Saba e SAP SuccessFactors.
  • Viva Topics, che permette di entrare in possesso di nuove conoscenze e aiuta le persone a raggiungere gli esperti di tutta l’organizzazione. Utilizzando l’intelligenza artificiale per catalogare i dati dei clienti in Microsoft 365 e sfruttando la capacità di integrare informazioni provenienti dai servizi di terze parti come ServiceNow e Salesforce, Viva Topics mostra automaticamente schede di argomenti all’interno delle conversazioni e documenti di Microsoft 365 e Teams. Facendo clic su una scheda si apre una pagina contente documenti correlati all’argomento, conversazioni, video e persone. Viva Topics è ora generalmente disponibile come add-on per i piani commerciali di Microsoft 365.

“Nel corso dell’ultimo anno abbiamo vissuto un’evoluzione accelerata degli ambienti di lavoro, nonché del nostro stile di vita, e abbiamo compreso l’importanza della tecnologia a supporto di tutte le nostre attività quotidiane. Lo scorso autunno, il numero di utenti attivi ogni giorno su Microsoft Teams è arrivato a 115 milioni, mentre gli utenti Microsoft 365 di tutto il mondo hanno dedicato oltre 30 miliardi di minuti in un solo giorno alla collaborazione”, ha affermato Luba Manolova, Direttore della Divisione Microsoft 365 di Microsoft Italia. “Tuttavia, da una nostra recente indagine condotta su un campione di oltre 600 manager e dipendenti di grandi imprese italiane sono emerse la sensazione di essere più isolati e meno in relazione con i colleghi, la difficoltà nel delegare in modo efficace e supportare i team virtuali (61%) e le complessità affrontate nel tentativo di promuovere una forte cultura di squadra in questo scenario di remote working (63%). Grazie a Microsoft Viva intendiamo aiutare le persone a sentirsi più connesse, supportate e a realizzare il proprio potenziale, ma anche a gestire al meglio il proprio tempo – evitando il rischio di burnout – e a trovare più facilmente informazioni utili e percorsi di formazione che possano aumentarne il livello di soddisfazione”.

,

Easy Mobility Edenred, nuovo strumento per il walfare aziendale

Uno strumento walfare al servizio delle aziende e dei professionisti che ne fanno parte. Si chiama Easy Mobility Edenred, una vera e propria piattaforma modulare dedicata alla pianificazione e alla gestione degli spostamenti casa – lavoro, sviluppata in partnership con Movesion srl, società leader nel settore della mobilità. 

“L’offerta di soluzioni pensate da Edenred per la mobilità e il welfare aziendale grazie a Easy Mobility diventa ancora più ricca e in linea con le nuove esigenze espresse dal mondo dell’impresa e del lavoro – dichiara Damien Joannes, Direttore Welfare di Edenred Italia –  In un contesto come quello che stiamo vivendo, caratterizzato da cambiamenti radicali nella mobilità connessi all’emergenza sanitaria, diventa sempre più importante poter pianificare gli spostamenti, renderli più sicuri ed efficienti, in termini di tempo e di costi, e meno impattanti sul traffico e sul conseguente inquinamento. Lo strumento che abbiamo sviluppato con il fondamentale contributo di Movesion offre, grazie all’innovazione tecnologica, risposte immediate a tali esigenze, in grado di adattarsi ai cambiamenti e che contribuiscono a migliorare la qualità della vita dei lavoratori e a rendere più efficaci i piani di spostamento casa-lavoro delle aziende”.

Cos’è e a chi si rivolge

Easy Mobility Edenred è uno strumento pensato per le aziende che vogliono sviluppare piani di spostamento casa – lavoro dei propri lavoratori e rappresenta una soluzione innovativa in grado di soddisfare le diverse esigenze legate al mobilita management, raccogliendo in un unico strumento tutte le informazioni legate alla mobilità e alla sostenibilità. 

Il funzionamento della piattaforma, molto semplice ed intuitivo: infatti, si basa sulla raccolta e sull’analisi, grazie a questionari web-based personalizzati, di tutte le esigenze e le abitudini dei lavoratori ovviamente legate al mondo della mobilità, integrate con informazioni connesse alla collocazione delle sedi aziendali e ai servizi di trasporto disponibili sul territorio.

Il monitoraggio in tempo reale dei dati acquisiti permette di avere una immagine della mobilità aziendale in tempo reale, dando la possibilità di sviluppare piani di intervento coerenti con i bisogni che emergono. Le azioni studiate dall’azienda, partendo dalle informazioni raccolte e con il contributo di un team qualificato di professionisti, rendono possibili risultati importanti in termini di qualità della vita dei lavoratori, ottimizzazione dei costi legati alla mobilità, adozione di soluzioni di spostamento meno impattanti sull’ambiente.

La piattaforma digitale è composta da moduli interattivi che offrono un ampio ventaglio di servizi che vanno dall’acquisto di biglietti e abbonamenti per il trasporto pubblico (Mobility Ticket), alla condivisione tra colleghi del percorso casa – lavoro (Mobility Pooling). Dall’aggiornamento continuo su notizie riguardanti mobilità e trasporto (Mobility News), alla possibilità di accedere a servizi di car sharing a prezzi agevolati (Mobility Sharing). Dalla ricerca del tragitto più adatto grazie alle funzionalità del miglior cerca-percorso multimodale (Infomobility), alla prenotazione in tempo reale del parcheggio (Parking). Dalla possibilità di visualizzare posizione e orari delle navette aziendali (Shuttles), alla  raccolta in un unico modulo di tutte le app dedicate al trasporto pubblico, al car sharing, al bike sharing e al car pooling, indispensabili per la mobilità  (Modulo App). Un panorama completo e articolato di servizi e strumenti semplici da utilizzare e in grado di migliorare in maniera significativa la qualità degli spostamenti dei lavoratori e rendere più efficiente la gestione della mobilità aziendale. Il tutto introdotto dalla sezione Values, in cui l’azienda illustra il piano di intervento e le soluzioni adottate, i valori sui quali si basano, e sensibilizza i dipendenti su temi come la mobilità sostenibile e il rispetto dell’ambiente. 

iLens: stanno arrivando le lenti del futuro

Registrare i ricordi facendo un semplicissimo occhiolino. Oppure, misurare le distanze anche questo in un batter d’occhio. Ma anche utilizzare zoom digitale e cambiare il colore degli occhi. Sono le caratteristiche della lente a contatto intelligente attualmente studiata dagli esperti della vista di Lenstore, in collaborazione con il futurologo britannico Richard Watson.

iLens, lente a contatto smart

L’obiettivo è creare iLens, una lente a contatto smart con comandi e funzioni super innovativi. Grazie all’utilizzo della realtà aumentata, con iLens sarà possibile accedere ai nuovi mondi virtuali, cambiar e il colore degli occhi dal proprio telefonino e molto altro ancora. 

“In un futuro remoto – spiega Richard Watson – c’è la possibilità che gli schermi di piccole dimensioni saranno sostituiti da lenti a contatto intelligenti in grado di proiettare ologrammi di computer portatili o smartphone nella realtà aumentata. Perciò non esisteranno più computer portatili, schermi digitali, smartphone, tv o tablet”.

A cambiare è lo stesso concetto di realtà aumentata. Come se fosse tutto nel nostro cervello ma basterà un semplice “batter d’occhio” per fotografare, fare lo zoom,  e molto altro ancora. In particolare, iLens promette di riguardare i ricordi: ossia sarà in grado di  registrare ricordi in un batter di ciglia, per poterli riguardare ogni volta che lo si vuole. Questo sarà possibile grazie alla tecnologia bluetooth che permetterà di salvare i ricordi sullo smartphone dopo averli registrati. In pratica, invece di premere il tasto sul telefono, basterà fare l’occhiolino. 

I ricordi a portata di… occhio

iLens permetterà anche di monitorare il tempo passato davanti allo schermo di un pc. Una sorta di promemoria che aiuterà a capire quanto tempo i nostri occhi hanno fissato uno schermo. 

Inoltre, iLens potrà monitorare la qualità dell’aria a cui siamo esposti. Permetterà, ad esempio, di essere allertati sulla presenza di pollini, molto utile per chi soffre di allergie stagionali. 

Lo zoom ottico immediato, la migliore qualità della vista, l’abilità di vedere al buio sono altri concetti su cui si sta sviluppando lo studio di iLens. 

“Il concetto di lente a contatto intelligente è una nozione davvero elettrizzante – ha spiegato Roshni Patel, Manager dei servizi professionali a Lenstore – questi nuovi strumenti tecnologici, non solo aiuteranno a migliorare il rendimento di incarichi lavorativi o personali, ma renderanno le persone indipendenti da dispositivi digitali e quindi proteggeranno la vista da affaticamento e stanchezza degli occhi”. 

Il futuro appartiene agli occhi e con iLens non si potrà perdere neanche un secondo della propria vita.