Moda e accessori

Inutile negarlo. Il businessman moderno ama vestirsi bene e soprattutto sentirsi a proprio agio con gli abiti che indossa. È un uomo che apprezza il ritorno ad uno stile elegante e ricco di appeal e va in contrapposizione con chi non crede che “l’occhio vuole la sua parte”. Nuove collezioni, fiere ed eventi, ma anche le tendenze più importanti del momento. In questa sezione è possibile trovare focus su accessori indispensabili per i manager, quali la cravatta, la camicia, o il blazer. In queste pagine vi parliamo di ciò che vediamo ad eventi importanti come il Pitti Uomo o durante le sfilate di Milano Moda Uomo in Italia, vi raccontiamo le storie delle grandi sartorie italiane e dei maestri che ne hanno fatto le fortune. Vi spieghiamo come deve vestire un manager moderno in inverno e durante l’estate e i dress code da rispettare in ufficio.

Maison Cilento 1780 firma la cravatta ufficiale del Giro d’Italia 2021

Per gli appassionati di ciclismo il Giro d’Italia rappresenta un momento determinante dell’anno e della stagione sportiva in particolare. Quella maglia rosa che campeggia indosso al vincitore della gara è certamente un sogno per i ciclisti che ne prendono parte. Ma per gli amanti dell’eleganza, c’è un modo per sentirsi un po’ parte integrante dello spettacolo a due ruote più glamour. Infatti, per il terzo anno consecutivo la cravatta ufficiale del Giro d’Italia 2021 è firmata Maison Cilento 1780.

“È sempre una grande emozione e onore poter collaborare con una manifestazione così leggendaria, specialmente in un anno così importante, che celebra il novantesimo anniversario della Maglia Rosa”, ha dichiarato Ugo Cilento, ottava generazione della famiglia che con passione, impegno, creatività e serietà è riuscita a far conoscere ed apprezzare lo stile italiano nel mondo.

cravatta ufficiale del Giro d’Italia

La cravatta ufficiale del Giro d’Italia 2021

Maison Cilento ha realizzato una cravatta in pura seta color blu navy con l’iconico disegno della bicicletta stilizzata posizionato centralmente sul sotto nodo. Sul codino si trova invece il logo del Giro d’Italia su sfondo grigio.

Le cravatte sette pieghe Maison Cilento sono ormai un must sartoriale. Realizzate in twill di pura seta, vengono confezionate nei laboratori napoletani seguendo le regole e le proporzioni dettate dalla grande esperienza partenopea.  La pregiata seta twill, prima di essere orlata, viene ripiegata su sé stessa sette volte per conferire alla cravatta uno spessore maggiore.

L’eleganza di un manager può partire dall’orologio

Si è sempre detto che l’abito non fa il monaco, e ovviamente risulta a tutti chiaro da dove questa affermazione tragga le proprie origini e il proprio motivo di esistere: non è corretto, e soprattutto non ci assicura di essere sempre nel giusto, giudicare una persona da ciò che indossa o comunque dalla prima impressione.

A questo modo di dire se ne associano tanti altri dello stesso tenore e contenenti lo stesso messaggio, come ad esempio “l’apparenza inganna”, o “non è tutto oro ciò che luccica”. L’obiettivo di queste affermazioni è estremamente chiaro e decisamente fondato: esprimere un giudizio definitivo basandosi sulla prima impressione, o limitandoci ad esaminare ciò che vediamo, trascurando tutto il resto che può essere celato dietro, rischia di condurci spesso in errore, e dobbiamo essere pronti a tornare sui nostri passi, a cambiare idea e a rimanere perennemente aperti alla possibilità di modificare le nostre valutazioni e ammettere che una sensazione o una percezione avute nell’immediato poi si siano rivelate errate. Detto questo, tuttavia, va sottolineato come la nostra mente e il nostro cervello lavorino associando ricordi, memorizzando concetti e legando immagini a sensazioni che sono state in grado di provocarci. E questo inevitabilmente ci condurrà a individuare ciò che già conosciamo sulla base di percezioni che difficilmente sono spiegabili in modo esclusivamente razionale.

L’eleganza sta anche nei piccoli dettagli

Proprio sulla base delle considerazioni esposte qui sopra, possiamo dire che l’estetica non è tutto, ma è sicuramente tanto. È spesso fondamentale mostrarci in modo impeccabile in situazioni rilevanti come ad esempio possono essere un colloquio di lavoro, un primo appuntamento con una nuova fiamma, o durante una riunione con dei clienti importanti per noi e per la nostra azienda. Per questo, scegliere il proprio outfit, la propria acconciatura e soprattutto i giusti accessori da abbinare, spesso rappresenta il nostro biglietto da visita, il modo migliore per presentarsi e far immediatamente trasparire le nostre caratteristiche e il nostro modo di essere, riassumendo tutti questi elementi grazie al giusto modo di apparire.

Un orologio per dare forza al nostro stile

Un orologio può rappresentare un dettaglio fondamentale nella cura del nostro outfit, un elemento estremamente caratterizzante: esistono orologi sportivi, ricchi di funzioni, con un’estetica aggressiva e accattivante, per l’uomo attivo, sportivo e deciso. Ci sono orologi più smart, istrionici, orologi per tutti i giorni, creativi e impattanti. Poi esistono orologi di gran classe, per il manager impeccabile che vuole trasmettere immediatamente la propria capacità di curare ogni dettaglio, come ad esempio gli orologi di Daniel Wellington, una linea di grande classe, adatti all’uomo che dà grande importanza al proprio stile: per chi ama il nero con un look total black, o un genere più classico con i colori gold e silver.

Collezione primavera-estate 2021 di Tombolini: leggerezza e confort prima di tutto

Leggerezza e confort, questi sono i capisaldi della nuova collezione primavera-estate 2021 di Tombolini e si chiama infatti Zero Gravity.

Una collezione come sempre ricca di glamour dedicata all’uomo che cerca eleganza e stile nel proprio outfit, che deve anche rispettare il proprio concept di vita quotidiana.

La collezione primavera-estate 2021 di Tombolini

La scelta è ricaduta su tessuti morbidi, elastici e tecnologici. Nel contempo le forme sono fluide, cadenti e completate da accessori e nuove idee che rendono il look più ricercato e contemporaneo, per un uomo meno formale ma comunque elegante, che viaggia e che si muove con distinzione in un ambito internazionale. Esempi lampanti sono il cappuccio al posto del sottogiacca, il pantalone ampio con coulisse in vita ed elastico alla caviglia, la t-shirt o la polo al posto della classica camicia, la scarpa stringata che lascia il passo alla speaker. Insomma, Tombolini ha voluto offrire alternative raffinate ai classici della stagione.
 
Con l’arrivo dell’estate, Tombolini colora i cotoni e i lini spaziando dai bianchi agli ecrù; il fresco lana più formale si tinge con palette che vanno dal grigio acciaio fino ai più intensi Blu Code distintivi del brand.

Due linee ben definite

Highliths punta su materiali fatti di mischie naturali di lino e cotone ma sempre con prevalenza di lana, nelle giacche si riscopre la voglia di disegnare con armature 3D.

Le linee del capo spalla sono mantenute nel rispetto dell’affidabilità e vedono caratterizzarsi con forme più ampie e fluide, lunghezze più generose, le spalle più dritte. I pantaloni continuano a puntare su bacino e cavallo più comodo, vita che si alza e si impreziosisce di dettagli quali pinces, cinture, coulisse e fondi con elastico, ma ora vengono corredati con dettagli di nuove impunture con punti sellaio sia sulle spalle che sulle piences dei davanti.

Il progetto Running, invece, punta su tessuti in micropoliestere high-tech o su tecno-lane realizzate partendo da jersey comodi e leggeri. I pantaloni, sempre più ricchi di dettagli, hanno coulisse in vita ed elastici al fondo, per un aspetto facile e gradevole alla vista.

L’abito Running dal pantalone con elastico in vita è in jersey tecnico ed è pensato per l’uomo che viaggia e al millennial globetrotter, le cui parole d’ordine sono comfort, eleganza e contemporaneità.

Tombolini Running SS21

Zayno Mirantico, stile sartoriale in un accessorio di stile

Creare uno zaino sartoriale perfetto per manager, professionisti ed in generale per coloro che hanno il desiderio di indossare qualcosa di glamour che non stoni con i completi moda che utilizza per l’ufficio.

MIRANTICO, azienda di Biella, ha creato una linea di zayno in cui la praticità richiesta da uno stile urban, si coniuga con l’anticatradizione sartoriale dei tessuti di Biella. Un progetto ancorato alla tradizionalità artigianale italiana, che punta alla costante ricerca di materie prime d’eccezione e all’unicità del “fatto a mano”, con l’ambizione di portare nell’accessorio quell’attenzione alle finiture e ai dettagli tipica di un capo d’abbigliamento sartoriale.

Gli Zayno sono ispirati alle borse utilizzate dagli sciatori alpini e sono caratterizzati da forme ergonomiche, da linee minimal, che combinate alla leggerezza e morbidezza dei materiali utilizzati, assicurano una grande sensazione di libertà, divenendo parte della silhouette di chi li indossa. 

Partito con l’impiego di tessuti pregiati, caratteristici dei più eleganti vestiti da uomo, col tempo MIRANTICO ha aggiunto proposte più tecniche e sportive, ma anche pelle rigenerata, in un’ottica direcupero sostenibile e circolare del valore delle risorse.

Tutti gli zayno MIRANTICO, compresi quelli realizzati in tessuto, vengono trattati con prodotti ecocompatibili privi di fluorocarburi, che rispettano i più alti standard internazionali di certificazione: pur conservando la morbidezza, senza dimenticare l’elevato fattore di resistenza alla pioggia e all’usura. 

Collezione SS 2021 di Aeronautica Militare: sempre fedele al suo DNA

Torna la primavera e torna la collezione SS 2021 di Aeronautica Militare, che punta tutto su concetti come futuro e ricerca.

Una collezione glamour che è fedele al suo DNA, che ha l’ambizione di mixare il nuovo con l’innovazione e trasmettere uno stile di vita che va oltre le tendenze di stagione.

Si presenta con 3 differenti linee: Pilot – Urban – AM Heritage, tutte in sintonia fra loro e accumunate da una forte identità. La collezione SS 2021 celebra il 36° Stormo, un reparto caccia dell’Aeronautica Militare, e le Frecce Tricolori, la nostra Pattuglia Acrobatica Nazionale. 

Linea Pilot

I capi di questa linea sono iconici e presentano una personalità forte e decisa e dallo stile intramontabile, rivisitati in chiave fashion attraverso l’utilizzo e la forza dei colori: le tinte neutre come bianco, verde militare e beige sono spezzate dal vitaminico e moderno verde lime, da zip nastrate in contrasto colore e da dettagli neri. Una linea per uomini d’azione che esprime l’orgoglio di appartenenza anche attraverso l’utilizzo di patch, stemmi e fregi coordinati tono su tono in nuance naturali.

Linea Urban

È caratterizzata da linee pulite e contemporanee per chi ama la sobrietà e ricerca un’eleganza discreta, modelli classici dove l’attenzione è rivolta soprattutto al comfort, alla vestibilità e alla qualità dei materiali. Tessuti ricercati e colori classici per capi funzionali, pratici e senza tempo. Vengono utilizzate nuove grafiche, sia fotografiche che di fumetto, sempre legate al mondo del volo.

collezione SS 2021 di Aeronautica Militare

Linea Heritage

Si presenta con capi decisamente casual e dal sapore autentico che mettono insieme qualità, comfort e stile contemporaneo. Perfetti per il tempo libero, sono ricchi di grafiche, pattern e blocchi di colore a contrasto.

collezione SS 2021 di Aeronautica Militare

Roberto Mancini nuovo ambassador di Paul&Shark

È l’allenatore della nazionale italiana di calcio, Roberto Mancini il nuovo ambassador di Paul&Shark, l’iconica casa di moda che da sempre è garanzia di eccellenza sia nella qualità dei materiali sia nelle lavorazioni.

Paul&Shark crea linee sportive, smart e di lusso combinando tessuti tecnici ed eleganti dettagli di stile. L’azienda e i suo nuovo ambassador Roberto Mancini condividono gli stessi valori e gli stessi interessi: il mare, la montagna, lo sport, l’avventura, e la difesa dell’ambiente.

In questa nuova avventura il tecnico azzurro collaborerà con Paul&Shark per una serie di capsule collection all’insegna di stile, sostenibilità, e tecnologia innovativa dei materiali.

Tre gli iconici look indossati da Mancini. C’è l’ispirazione velistica, in chiave lifestyle: giacca bianca con cappuccio Typhoon 20.000 Save the Sea in poliestere riciclata. 

La tecnologia Typhoon 20.000, engineered by Paul&Shark, è waterproof e windproof, ideale da indossare in barca o in città per affrontare con stile una giornata di vento o pioggia. Poi c’è pull Fisherman a coste blu in cotone organico con tasca laterale chiusa da bottone: l‘iconico maglione tradizionalmente indossato dai pescatori diventa must-have. 

Infine c’è Casual Friday, completato da pantaloni cargo in cotone organico stretch e sneakers in pelle total white l’eleganza senza tempo della riga bianca e blu di ispirazione Navy, declinata nel morbido pull girocollo Bretagne in cotone organico da indossare a contatto con la pelle o abbinato ad una polo in cotone organico piqué o ad una camicia di lino.

Dopo la partnership con il brand ambassador Antonio Giovinazzi, pilota dell’Alfa Romeo unico talento italiano del campionato di Formula 1, Paul&Shark si lega ad un altro personaggio sportivo di prestigio internazionale, che rappresenta in tutto il mondo lo stile e l’eleganza italiani.

Cristiano Gualtieri: vestire sempre trendy e alla moda con le calzature Fresh

La moda uomo punta sulle scarpe, dettando una tendenza che oggi si consolida soprattutto nei modelli made in Italy. Scarpe dall’alto valore produttivo, eclettiche e versatili, ideate per dare risalto al mondo dell’artigianalità e alle nuove tendenze dell’arte calzaturiera. 

Segue questo mood, il modello Fresh ideato da Cristiano Gualtieri, scarpa di punta dello storico calzaturificio di Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta, e oggi punto di riferimento di ogni concezione moda uomo casual classic.

Il successo della scarpa Fresh è sotto gli occhi di tutti. Dal 2004, anno della sua nascita, non ha mai smesso di stupire e, stagione dopo stagione, pur restando fedele alla sua forma originale, ha saputo intuire e anticipare tutte le tendenze in fatto di stile

Oggi, a elevarla è una concezione attenta ai nuovi diktat, che tiene conto di nuance e colori moda più attuali, per assicurare una perfetta aderenza ai moderni canoni estetici. Il tutto senza mai allontanarla dalla sua storica identità, punto di riferimento di ogni singola creazione.

È per questo che da oltre 16 anni i modelli Fresh firmati da Cristiano Gualtieri sono in cima alle wishlist della moda uomo per quanto riguarda le calzature. L’aderenza a uno stile definito ma dal carattere ampiamente versatile ne fa una calzatura passe-partout, quindi ideale sia per i look più classici sia per le tendenze più casual del vestire. 

Un accessorio must have, che si adatta a ogni contesto, per affrontare la vita con lo stile giusto e con un aspetto sempre impeccabile.

La produzione artigianale alla base del successo di Fresh

A fare del modello Fresh un’icona di stile senza tempo, è un iter produttivo sempre uguale a se stesso che punta alla massima qualità. 

Un processo artigianale dai valori elevatissimi, rispondente a tutti gli standard del Made in Italy, che nasce dalla competenza degli artigiani di Cristiano Gualtieri e da una passione che affonda le sue radici nella tradizione. Il risultato è una calzatura bella, sapientemente curata in ogni suo dettaglio, che racconta tutto il prestigio dell’arte manifatturiera italiana, per assicurare all’utilizzatore un prodotto d’eccellenza.

Naturalmente, i motivi che rendono le calzature Fresh di Cristiano Gualtieri dei modelli così esclusivisono da ricercare anche in alcuni particolari processi produttivi completamente artigianali. 

È il caso del frontalino antiscivolo, un elemento realizzato in cuoio, esclusiva della storica maison, il cui inserimento, pur prevedendo una robusta cucitura a macchina, si completa di accurati passaggi che vengono effettuati esclusivamente a mano.

Cristiano Gualtieri: le peculiarità del modello Fresh

Le calzature Fresh assicurano il meglio in fatto di estetica grazie a un design impeccabile, ottenuto da un sapiente processo di modelleria. 

Una qualità che si esprime sia nelle fasi di orlatura e assemblaggio sia nella cucitura, che rende ogni articolo privo di difetti.A enfatizzare questo aspetto, le lavorazioni in pregiato camoscio e tessuto, cui si affianca il design di gommini in silicone, posti nelle aree laterali della tomaia.

A fare il resto, una struttura che nasce per tenere il passo con i ritmi più moderni e supportare il piede in qualsiasi sfida quotidiana. Merito delle suolette in FOAM estraibili, valore aggiunto di tutte le produzioni di Cristiano Gualtieri, nonché della presenza di suole ammortizzanti, caratteristiche delle calzature Fresh. 

La suola di questo modello nasce, infatti, per accompagnare il piede a ogni passo, attutendo gli urti dell’impatto con il terreno e assicurando il massimo del comfort anche dopo una lunga giornata in piedi.

Ma l’eccellenza delle calzature Fresh si completa negli interni, dove ad accogliere il piede c’è una fodera in vitello che, nel pieno rispetto dell’attenzione ai dettagli di Cristiano Gualtieri, rende la calzatura impeccabile anche nelle aree meno visibili. 

La fodera di vitello, lavorata in concia vegetale ad acqua e dall’assetto completamente privo di pieghe o grinze, assicura infatti un risultato estaticamente perfetto e fa in modo che il piede resti sempre asciutto, anche dopo molte ore di utilizzo, ostacolando il sudore e la proliferazione di batteri.

Bentley e Breitling insieme per un cronografo esclusivo

Bentley Motors consolida il pluridecennale sodalizio con il produttore di orologi Breitling presentando l’esclusivo Premier B21 Chronograph Tourbillon 42 Bentley Limited Edition, realizzato in una serie limitata di soli 25 pezzi

Limited edition per appassionati firmato Bentley e Breitling

Reinterpretazione degli orologi da polso Breitling Premier originali degli anni ’40, il Premier B21 Chronograph Tourbillon 42 Bentley Limited Edition unisce un design esclusivo ad un approccio classico, che unisce eleganza e stile. L’orologio presenta una cassa da 42 mm in oro rosso 18 carati, pulsanti cronografici rettangolari, un cinturino in cocco marrone oro e un fondello trasparente in zaffiro che rivela il movimento con la sua massa oscillante in oro 22 carati. 

Alimentato dal calibro B21, il movimento tourbillon certificato COSC offre circa 55 ore di riserva di carica ed è impermeabile fino a 100 metri. Da sottolineare il quadrante verde, che ricorda l’iconico colore verde da corsa britannico (Bristish Racing Green) che caratterizza altri modelli che fanno parte della collezione Breitling e Bentley. 

La collaborazione tra Bentley Motors e Breitling è stata inaugurata nel 2002, quando il produttore d’auto inglese chiese di creare l’orologio che si trovava a bordo della Continental GT. Il Premier B21 Chronograph Tourbillon 42 Bentley Limited Edition, il quale rende omaggio sia a Willy Breitling, i cui orologi hanno cambiato il volto del cronometraggio, che a W.O. Bentley, che ha aperto la strada all’industria automobilistica, è una perfetta sintesi della storia quanto dei valori moderni che legano entrambi i brand

“Questo straordinario orologio incarna il nostro impegno comune per lo spirito pionieristico, la maestria artigianale e l’eccellenza tecnologica”, ha commentato il presidente e CEO di Bentley, Adrian Hallmark.

Il CEO di Breitling, Georges Kern, ha aggiunto: “Siamo orgogliosi di questo elegante simbolo dai valori condivisi dei nostri marchi: qualità, prestazioni ed eccellenza del design”.

Il fascino senza tempo degli orologi classici: le loro caratteristiche principali

Quella degli orologi classici è una moda senza tempo: la bellezza di questi accessori, infatti, è proverbiale ed inconfondibile, e avere al polso un orologio di questo tipo può influire in modo tutt’altro che trascurabile sul complessivo stile dell’outfit.

Orologi classici: un fascino che non tramonta

Il mondo dell’orologeria, ovviamente, si evolve in modo costante e, proprio come altri, è protagonista di progressi tecnici e tecnologici; nonostante ciò, tuttavia, è davvero suggestivo notare come gli orologi classici continuino ad essere un vero e proprio “must have” per l’uomo che ama curare il proprio stile.

Oggi i brand che propongono orologi classici sono tantissimi.

Alcuni produttori hanno alle spalle una storia antichissima: Bulova, ad esempio, è un marchio che nacque addirittura nel lontano 1875 e che ancora oggi può vantare un grande blasone a livello internazionale, non a caso portali specializzati in orologi da polso da uomo come RecensioniOrologi dedicano molti approfondimenti agli orologi Bulova.

Altri marchi sono invece molto più giovani e persino brand tecnologici come Samsung che oggi producono degli smartwatch, quindi degli orologi connessi ad Internet estremamente moderni nelle loro funzioni, scelgono di essere fedeli allo stile classico per soddisfare al meglio le esigenze di stile dei loro clienti.

Ma quali sono le caratteristiche più tipiche degli orologi classici?

Quella degli orologi classici è una categoria che include orologi con peculiarità differenti, tuttavia è comunque possibile evidenziare dei tratti distintivi che accomunano tutti gli orologi dal design tradizionale.

Le principali caratteristiche della cassa

Anzitutto, l’orologio classico maschile per eccellenza ha una cassa tondeggiante: modelli con forme più particolari, come ad esempio le casse esagonali, hanno infatti un’origine molto più recente.

Le sue dimensioni tipiche sono medie: gli orologi classici con un quadrante piccolo tendono infatti ad essere femminili, allo stesso modo i quadranti dal diametro particolarmente accentuato sono molto più vicini allo stile moderno.

Per quanto riguarda il materiale della cassa, non ci sono dubbi sul fatto che quello più diffuso sia l’acciaio; oggi in commercio capita di trovare molti modelli con una cassa in plastica, o addirittura in legno, ma nei modelli classici la cassa in acciaio è praticamente un must.

Un elemento visivamente molto evidente dell’orologio, strettamente correlato alla cassa, è inoltre la corona, ovvero la piccola manopola con cui si possono regolare le lancette.

Da questo punto di vista, non si registrano grosse differenze con gli orologi moderni: la corona infatti è di norma posizionata in corrispondenza delle ore 3, quindi esattamente al lato della cassa, tuttavia alcuni modelli classici possono prevedere anche una corona collocata ad ore 4, quindi leggermente più in basso.

Il quadrante degli orologi classici

Nel binomio composto da orologi analogici e digitali, non ci sono dubbi sul fatto che gli orologi classici debbano appartenere alla prima categoria.

Tra gli esperti del settore, in realtà, c’è anche chi definisce “classici” alcuni orologi di tipo digitale, come ad esempio alcuni modelli Casio, ma lo stile tipico dell’orologio classico è senz’altro quello che fa sfoggio di lancette.

È prassi inoltre che i numeri delle varie ore siano indicati sul quadrante: l’assenza dei numeri, o comunque la presenza solo di alcuni di essi, è più tipica dei modelli moderni.

Negli orologi classici il quadrante tende a presentarsi come piuttosto elaborato: oltre ai numeri, infatti, non possono mancare il brand del produttore e in alcuni casi anche indicazioni ulteriori, come ad esempio quelle relative alle capacità di impermeabilità, se si tratta di un modello diver.

Assai frequente è inoltre la presenza di un datario, tradizionalmente collocato in corrispondenza delle ore 3, e anche di “mini quadranti” riguardanti cronografo, fusi orari e altro ancora.

,

Campo Marzio: The colour of extraordinary, dalle borse agli accessori fino al mondo stationery

Artigianalità e design, tradizione e contemporaneità, sono questi i valori di Campo Marzio, noto brand italiano che nasce nel cuore di Roma nel 1933 nel rione IV da cui ha preso il nome.

Una bottega artigiana nel centro della città eterna, dove inizialmente venivano realizzate penne stilografiche e articoli per la scrittura, interamente fatti a mano come da tradizione. Questo amore per l’artigianalità nel tempo ha visto ampliare l’offerta con borse, accessori per il viaggio e il business, linee di pelletteria, articoli da regalo, proposte stationery oltre aipreziosi strumenti di scrittura, mantenendo la riconoscibilità dello stile italiano e definendo l’identità del marchio in tutto il mondo. 

La storia della Maison Campo Marzio

Sin dalle origini, forte della sua collocazione vicino a Montecitorio, Campo Marzio diventa il punto di riferimento per i politici, la borghesia illuminata e gli intellettuali del centro romano. L’apice del successo negli anni 70 e 80, quando la Maison diventa meta di personaggi della scena mondana, del mondo dell’arte e dello spettacolo che amano perdersi nel colorato mondo della boutique Campo Marzio.

Novant’anni di capacità tutta italiana nell’interpretare l’eleganza classica proprio attraverso il colore: dal laboratorio artigiano all’internazionalizzazione del Brand approdando nel mondo travel e business con lo scopo di trasferire l’artigianalità e la qualità, lo stile e la versatilità proprie del marchio. 

Il design personalizzato

Le collezioni e le proposte di Campo Marzio sono pensate e realizzate come oggetti di design e sposano l’emozione del colore valorizzandone lo storico heritage al servizio di uno stile lifestyle contemporaneo: oggetti unici di fatto grazie alla possibilità di personalizzazione.

Campo Marzio avvia nel tempo un percorso evolutivo con l’apertura di boutique nelle vie più prestigiose di tutto il mondo consolidando la propria riconoscibilità come Brand internazionale. Oggi infatti Campo Marzio è leader nel suo settore, con una rete distributiva di oltre cinquecento punti vendita tra boutique e prestigiosi negozi multibrand, in più di trenta Paesi. Altre importanti aperture sono previste quest’anno.

Francesco Giovagnoni alla guida di Campo Marzio

Alla guida di una rinnovata linea strategica e di nuovo indirizzo stilistico, è arrivato da due anni Francesco Giovagnoni in veste di Managing Director e Chief Executive Officer per condurre l’azienda, forte delle sue radici, verso un futuro arricchito da un’immagine sempre più contemporanea.

Ci racconta come sta direzionando questo importante progetto di nuovo posizionamento aziendale?

Campo Marzio ha un’origine nobile legata al mondo della scrittura in uno dei quartieri più rinomati di Roma, il rione Campo Marzio appunto, una storia importante nata nel 1933, un design e un savoir-faire del tutto italiano che si è sviluppato nel tempo portando Campo Marzio ad allargarsi nel settore merceologico a livello internazionale. Mi piace definire Campo Marzio oggi come un “cuore ibrido” in cui estetica, funzionalità̀ e armonia cromatica coesistono in perfetto equilibrio. L’unione di questi fattori è parte fondamentale del processo di progettazione e sviluppo del prodotto stesso, rappresenta un viaggio fuori dall’ordinario in cui forme, colori e materiali prendono vita. Senza paragoni ingenerosi la nostra ambizione sarebbe quella di essere un po’ come una piccola Apple, cioè riuscire a rendere ironici, colorati e giocosi prodotti di utilizzo quotidiano e rivestirli di un contenuto giocoso che funziona sempre in ogni contesto, specialmente oggi dove abbiamo assoluto bisogno di riprendere a sorridere!

Versatilità di creazioni che sposano la bellezza estetica con la funzionalità. È questo il segreto del successo?

I prodotti Campo Marzio incarnano perfettamente lo spirito di questi tempi, questo cambio di atteggiamenti del consumatore in cui la distanza fra i diversi ambiti della vita si sono ammorbiditi e tutti noi sperimentiamo quello che si definisce bleisure. Campo Marzio si posiziona perfettamente in questo crocevia di cambiamenti che stiamo vivendo e poiché non ci collochiamo nel segmento lusso, bensì in quello premium, mi piace immaginare di essere un prodotto aspirazionale per una donna più giovane cosi come diventare “Your Best Second Choice” per un target alto.

Puntiamo a proporre un prodotto accessibile, colorato che ti aiuta a migliorare l’umore, che può essere sia un regalo sia un gesto di auto gratificazione per sé stessi, che va benissimo per una passeggiata al parco, una giornata di scuola o una session di shopping in Place-Vendôme. Mi auguro presto torneremo alla nostra normalità dove i nostri prodotti ci accompagneranno durante tutta la giornata dalle riunioni di lavoro fino all’aperitivo o alla cena.

Cosa si intende in Campo Marzio per Progetti Speciali?

Campo Marzio rappresenta da sempre i valori dell’arte e delle tradizioni italiane e per noi è sempre stato importante sostenere progetti speciali legati al mondo della cultura, evidenziare il forte legame con Roma, nostra città di appartenenza. Questa sensibilità̀ creativa di Campo Marzio e la costante dedizione nella ricerca e nello sviluppo di proposte inedite è parte fondamentale della nostra filosofia aziendale. Da questi presupposti nascono e si sviluppano i progetti speciali che riguardano la creazione di un prodotto unico o di una capsule collection esclusiva, in cui si fondono tutte le conoscenze e i valori che Campo Marzio ha acquisito nel corso degli anni. Tra i progetti speciali legati alle nostre prestigiose collaborazioni ricordiamo solo per citarne alcune: Musei Vaticani e Pininfarina. Con i Musei Vaticani abbiamo realizzato una collezione di penne ispirate dai colori del Beato Angelico negli affreschi della cappella Niccolina, gioiello nascosto dei Musei stessi. Con Pininfarina abbiamo invece realizzato una capsule in cobranding di accessori come zaini e borsoni, con dettagli che richiamo sempre il nostro stile e la forza del nostro colore.

Il claim “the colour of extraordinary” è stato scelto perché il colore diventi il richiamo immediato del target che vi si identifica?

Si i colori sono da sempre la luce guida delle collezioni di Campo Marzio, e continuano ad essere un nostro marchio distintivo. Direi non solo i colori in sé ma l’accostamento tra le nuance e l’uso della luce, fattori tra di loro profondamente legati e che fanno la differenza rendendo extra – ordinario ogni singolo prodotto. 

La creatività di Campo Marzio è espressione di quell’estro, di quel gesto folle tutta italiano che tutti ci invidiano, e il nostro desiderio è quello di dimostrare la “straordinaria” versatilità dei nostri prodotti e di rendere Campo Marzio portavoce di un messaggio di colore, brio, contemporaneità e stile italiano.

Lei ha un lungo percorso nel lusso, prima in Bulgari poi in Damiani. Un carattere distintivo che certamente sta caratterizzando il rinnovamento strategico di Campo Marzio. Cosa porta delle sue esperienze, oltre al know-how specifico, in questa nuova e, immagino, avvincente sfida da perseguire? 

Ho un passato di lunga esperienza in aziende luxury che da sempre hanno rappresentato l’italianità all’estero, cosi come lo rappresenta Campo Marzio oggi, nonostante un segmento di mercato differente, posso affermare che non si tratta poi di una realtà così distante dalle altre.

Per fare un esempio Bulgari e Campo Marzio sono entrambe aziende fortemente radicate nel territorio romano, nate nel secondo dopo guerra in vie poco distanti l’una dell’altra nel centro di Roma. 

Entrambe sono realtà artigiane di alta qualità manifatturiera, dal design italiano e dalla capacità di far sognare il consumatore con un una grandissima creatività a livello mondiale. 

Harmont&Blaine celebra la Festa del Papà con una t-shirt in limited edition

La Festa del Papà è in arrivo. Per gli uomini che hanno figli, questa rappresenta una ricorrenza quanto mai importante, soprattutto per coloro, che a causa del tanto lavoro non riescono a trascorrere con i propri bambini tutto il tempo che vorrebbero.

Per celebrare la Festa del Papà, il prossimo 19 marzo, Harmont&Blaine ha voluto proporre una nuova t-shirt in edizione limitata realizzata in collaborazione con l’artista Jay C. Lohmann. 

Il Bassotto ed il suo… cucciolo

A seguito del successo della “Blaine T-Shirt Series by Jay C. Lohmann” con la maglietta presentata in occasione di San Valentino, che vedeva protagonista Blaine innamorato con il muso circondato da cuoricini, per la festa del papà il bassotto simbolo del brand è in compagnia del suo cucciolo, che tiene teneramente tra le zampe. 

La t-shirt con l’originale stampa – disponibile anche in taglie junior per una perfetta combo padre/figlio – è realizzata in jersey organico bianco è sarà in vendita dal 5 marzo sul sito aziendale.

,

Dan John apre allo shopping 4.0: sull’e-commerce si paga in criptovalute

Lo shopping on line attraverso l’e-commerce sta vivendo una nuova epoca. Certamente è in atto una evoluzione e anche nei metodi di pagamento le novità arrivano velocemente. È il caso di Dan John, azienda di moda maschile fondata da Daniele Raccah e Giovanni Della Rocca, che ora apre allo shopping 4.0 e alle criptovalute

Infatti, sull’e-shop dell’azienda si potranno acquistare camicie, abiti e accessori in sicurezza e con pochi click, pagando con bitcoin, ethereum, litecoin e bitcoin cash, e altre criptovalute verranno aggiunte nei prossimi mesi. Sarà sufficiente avere un account su Coinbase Commerce, la principale piattaforma online che consente di acquistare, vendere, trasferire e conservare le criptovalute. Il sito e-commerce di Dan John sarà il primo sito di abbigliamento maschile in Italia a consentire ai suoi clienti di utilizzare le criptovalute per il proprio shopping.

“Sebbene nello stile ci piace andare sul classico e restare fedeli alla tradizione, da sempre tutto il management è attento alle novità e alle innovazioni in ogni campo, dai tessuti alle nuove tecnologie. – Commentano Daniele Raccah e Giovanni Della Rocca – Ormai da anni vendiamo i nostri prodotti in tutto il mondo grazie al nostro sito web, e cerchiamo sempre nuovi modi per rendere l’esperienza di acquisto dei nostri clienti, dalla scelta dell’abito al pagamento, semplice e gratificante. Le criptovalute stanno prendendo sempre più piede e si sta sviluppando un nuovo tipo di economia. Noi non potevamo esimerci da fare la nostra parte, Dan John veste l’uomo moderno”.