Motori : Auto e Moto News

Una delle passioni maschili per eccellenza! In questa sezione troverete le notizie sulle ultime novità dell’automotive, ma anche su quelle inerenti l’appassionante mondo delle due ruote. Dai marchi più prestigiosi come Mercedes-Benz, Porsche, Lamborghini e molti altri, fino ad arrivare ad automobili più economiche ma che si distinguono per stile e praticità. La mobilità è un fattore che interessa molto i manager moderni perché spesso il fattore tempo è indispensabile nei loro spostamenti, sia in città che fuori. Grande risalto alle nuove tecnologie nell’ambito della trazione elettrica e ibrida, anche quando questa riguarda il mondo delle moto e degli scooter. L’automobile rispecchia spesso lo spirito del manager e dell’uomo dei nostri tempi: SUV, spider, auto sportive, ma anche berline e supercompatte. Ce n’è per tutti i gusti!

Nuova Kia Sportage: spicca il design incentrato sul guidatore

Ci eravamo tutti affezionati all’ultimo look della Kia Sportage, iconico SUV della Casa coreana. L’azienda invece ha pensato che fosse arrivato il momento giusto per cambiare ed ha presentato la nuova Kia Sportage.

Giunta alla quinta generazione, la Sportage ha saputo nel tempo diventare un punto di riferimento nel settore. Il nuovo modello è stato sviluppato su una inedita piattaforma: la nuova Kia Sportage mixa alla perfezione un design incentrato sul guidatore con un interno premium all’avanguardia caratterizzato da un display curvo integrato, che racchiude i più moderni sistemi di tecnologia e connettività.

Nuova Kia Sportage

Il concetto di abitabilità indica che tutti all’interno dell’abitacolo possono beneficiare di spazi ai vertici della categoria sia per la testa sia per gli arti inferiori. Grande anche la capacità del bagagliaio,in virtù anche di una praticità e facilità di utilizzo davvero notevole.

“Il nostro nuovo Sportage è d’ispirazione per la categoria SUV in tutti i sensi”, ha affermato Artur Martins, Senior Vice President e Head of Global Brand and Customer Experience Division di Kia Corporation. “Che si tratti del design lungimirante, degli interni stellari, della tecnologia di ultima generazione, dei propulsori efficienti e potenti, dei più alti livelli nei sistemi di sicurezza o delle più recenti innovazioni ingegneristiche che garantiscono una guida reattiva e ottimale, il nuovissimo Sportage è il massimo dei SUV”.

In versione a passo lungo e a passo corto, il SUV Kia punta molto sulla sicurezza attiva e passiva forte di sistemi high-tech a supporto del guidatore (ADAS), basati sulla piattaforma evoluta sviluppata da KIA. Il nuovissimo Sportage presenta numerose innovazioni tecnologiche di alto livello, come il sistema E-Handling di Kia che migliora le prestazioni dinamiche del veicolo nonché l’agilità e la stabilità. Inoltre, la quinta generazione di Sportage offre una raffinata sospensione a controllo elettronico (ESC) per un comfort ottimale con un livello di sicurezza superiore in ogni momento, grazie al controllo continuo degli ammortizzatori in tempo reale.

Off road: non delude

Come qualsiasi SUV di rispetto, la nuova Sportage propone una modalità Terrain che assicura ottime capacità di mobilità anche su fondi a ridotto attrito, come neve, fango e sabbia, in piena sicurezza

Le motorizzazioni

I propulsori di ultima generazione di Sportage assicurano bassi consumi e ridotte emissioni ma al tempo stesso hanno una erogazione della potenza fluida e corposa tale da soddisfare qualsiasi esigenza, per un comportamento da SUV poliedrico che sa essere anche sportivo e divertente da condurre.

Nuova Kia Sportage

Nuovo Dacia Duster: più glamour, ma sempre fedele al suo storico DNA

Il nuovo Dacia Duster sarà commercializzato da settembre prossimo e si presenta con grandi novità, pur mantenendosi fedele al suo storico DNA.

“Duster è la rivoluzione del SUV firmata Dacia. Dal 2010, con ben presto 2 milioni di clienti, è una vera e propria icona della Marca Dacia. Rinnovare un’icona non è affatto semplice! Fin dall’inizio, questo veicolo vanta una linea riconoscibile ed attrattiva. Vi abbiamo apportato alcune evoluzioni per una maggiore modernità e freschezza. Nuovo Duster è ancora più Duster, ancora più Dacia. Essenziale, robusto e sempre accessibile a tutti”, ha dichiarato Lionel Jaillet, Direttore Performance Prodotto di Dacia.

Nuovo Dacia Duster

Il design del nuovo Dacia Duster

Pur mantenendo inalterato il proprio stile, il nuovo Duster è ora più bello, moderno e ricco di novità interessanti. La prima è certamente il frontale rinnovato con i nuovi gruppi ottici dotati di luci diurne a forma di Y. Una forma inedita, da cui traggono ispirazione i rilievi 3D della nuova griglia della calandra cromata. Tutto ciò per conferire al SUV una maggiore personalità.

Il design del nuovo spoiler posteriore e dei nuovi cerchi in lega da 16” e 17” è stato progettato nella galleria del vento, per permettergli di avere una maggiore aerodinamicità.

Nuovo Dacia Duster

Interni pensati per viaggiare in comodità

Al centro della progettazione c’è la voglia di mettere gli occupanti dell’abitacolo in condizioni ideali per viaggiare in assoluta comodità. Le sellerie di Nuovo Duster sono totalmente nuove: i tessuti e la forma dei nuovi poggiatesta offrono migliore ergonomia e sostegno. Essendo più sottili, i poggiatesta consentono ai passeggeri dei sedili posteriori di avere una migliore visibilità verso la parte anteriore e viceversa.

Un’importante novità è rappresentata dall’introduzione di una consolle centrale rialzata dotata di un ampio bracciolo scorrevole su 70 mm, che presenta un vano portaoggetti chiuso da 1,1 litri e due prese USB di ricarica per i passeggeri dei sedili posteriori, a seconda del livello di allestimento. A prescindere dall’allestimento scelto, l’equipaggiamento di serie comprende il computer di bordo, l’accensione automatica dei fari e il limitatore di velocità con comandi al volante retroilluminati. Insomma, ora il Duster è perfetto per ogni necessità, cittadina ed extraurbana.

Nuovo Dacia Duster -interni

La tecnologia è di casa

Oltre al sistema audio Dacia Plug & Music (radio, MP3, USB e Bluetooth), sono disponibili due nuovi sistemi multimediali intuitivi: Media Display e Media Nav. Il primo vanta 6 altoparlantiradio DAB, connettività Bluetooth®, due porte USB e funzione Smartphone Replication cablata compatibile con Apple CarPlay® ed Android Auto®, mentre il secondo è un sistema multimediale che si arricchisce della navigazione a bordo e della connettività Wi-Fi per Apple CarPlay® ed Android Auto®. La plancia presenta un inedito touchscreen da 8”.

Motorizzazione e trasmissione

La gamma delle motorizzazioni tutta nuova per assicurare piacere di guida e riduzione delle emissioni di CO2. È ora disponibile con trasmissione automatica EDC a 6 rapporti con il motore TCe 150, mentre la versione ECO-G 100 dispone di un serbatoio GPL con una capacità aumentata di circa il 50%, ossia 49,8 litri.

Nuovo Duster vanta ora una trasmissione automatica EDC a 6 rapporti, disponibile con la motorizzazione TCe 150 a 2 ruote motrici, che garantisce tutto il comfort e il piacere di guida di una trasmissione automatica, pur mantenendo livelli di consumo del carburante ed emissioni di CO2 simili a quelli di una trasmissione manuale.

Ecco la gamma completa del nuovo Dacia Duster:

  • Diesel: dCi 115, a 2 o 4 ruote motrici, con trasmissione manuale a 6 rapporti
  • Benzina:
    • TCe 90 a 2 ruote motrici con trasmissione manuale a 6 rapporti
    • TCe 130 a 2 ruote motrici con trasmissione manuale a 6 rapporti (non commercializzato in Italia)
    • TCe 150 a 4 ruote motrici con trasmissione manuale a 6 rapporti (non commercializzato in Italia)
    • TCe 150 a 2 ruote motrici con trasmissione automatica EDC a 6 rapporti
  • Bifuel benzina-GPL: ECO-G 100 a 2 ruote motrici con trasmissione manuale a 6 rapporti
     

Pneumatici Kormoran: cosa hanno ereditato dalla famiglia Michelin?

Gli pneumatici dell’auto sono uno dei fattori fondamentali per la sicurezza quando si guida: devono quindi assicurare una perfetta tenuta su tutti i tipi di strada, una pressione corretta e un’ottima stabilità, che consente un giusto spazio di frenata. Gli pneumatici Kormoran, sottomarca del Gruppo Michelin, presentano tutte queste caratteristiche, garantendo il più alto livello di prestazioni su terreno asciutto e bagnato, e permettendo al guidatore cambi di direzione sicuri anche ad alte velocità e in curva.
L’Azienda Michelin offre ai clienti questo tipo di prodotti, meno costosi ma ugualmente funzionali, che provengono da Paesi esteri, in alternativa agli pneumatici Premium. I Kormoran, provenienti dalla Polonia, sono stati prodotti dalla fabbrica Stomil Olsztyn dagli anni 60; nel 1995 Michelin, il colosso francese, ne ha acquisito la proprietà, ribattezzando la compagnia Michelin Polska.

Gli pneumatici Kormoran sono suddivisi in City, Roads e On/Off, per soddisfare ogni tipo di prestazione, e sono oggi presenti in quasi 2.500 punti vendita in tutta Europa; l’azienda è anche specializzata nella produzione di pneumatici molto resistenti per autobus, camion e rimorchi, grazie alla notevole robustezza della miscela di gomma utilizzata.
Annualmente Michelin Polska si impegna a sviluppare nuovi piani per migliorare la qualità e la durata dello pneumatico, grazie al prezioso supporto di un Team di Ingegneri e progettisti, che, grazie alle nuove tecnologie e ai continui aggiornamenti, apportano grandi migliorie ai prodotti. 

L’eredità di Michelin

Ci si chiede, spesso, che differenza sostanziale esista fra gli pneumatici Michelin Premium e la sottomarca Kormoran, e che cosa abbiano ereditato i Kormoran dalla storica casa Michelin.
Dopo vari test e prove su strada si può affermare che le gomme Michelin e le Kormoran hanno lo stesso grado di robustezza e durata, sia per quanto riguarda la guida a bassa velocità sia quella a velocità mista o alta. Come le gomme Michelin, le Kormoran sono state progettate per viaggiare con qualsiasi condizione del clima, garantendo una buona tenuta sia d’estate che d’inverno, con pioggia, neve e fango. Il rapporto qualità/prezzo è ovviamente buono per gli pneumatici Kormoran, che, pur non avendo l’altissima qualità dei prodotti Premium Michelin, restano un buon prodotto per chi cerca sicurezza. Le recensioni dei clienti risultano positive, riportando soddisfazione per questi pneumatici dal prezzo contenuto ma dalle buone prestazioni.

Ma oltre alla robustezza, gli pneumatici Michelin e Kormoran condividono comfort e affidabilità, oltre a un ottimo comportamento su strada. Michelin è, infatti, molto famosa per l’alta tenuta di strada, anche nelle gare di Formula 1, e i suoi pneumatici sono molto resistenti sia al freddo che al caldo, caratteristica che ha passato anche alla sua sottomarca Kormoran, che offre, comunque, un’esperienza decennale in fatto di gomme All Seasons. Anche l’utilizzo di materie prime di ottima qualità e i numerosi test di verifica del prodotto sono un’eredità della casa francese, che mette al primo posto, da sempre, la soddisfazione e la sicurezza del cliente.
Michelin, dopo l’acquisizione, ha adattato tutti gli impianti della fabbrica polacca alle sue norme, riattrezzandoli e coinvolgendoli nella medesima rigorosa ricerca del controllo di qualità.

In conclusione

Il mercato delle gomme offre un’infinità di possibilità fra cui scegliere, e a volte ci si ritrova indecisi sul da farsi, non sapendo se optare su uno pneumatico ad altissima qualità, ma ad un costo più elevato, oppure su uno pneumatico di marca meno prestigiosa, ma più a buon mercato. Nel caso di Michelin e Kormoran, le gomme di seconda linea condividono con quelle Premium le stesse tecnologie di produzione e una buona parte dei materiali, offrendo sicurezza e affidabilità in entrambi i casi. Chi sceglie un prodotto Premium ricerca la massima eccellenza e uno pneumatico completo sotto tutti i punti di vista, ma bisogna tenere in considerazione il fatto che Michelin Polska ha venduto, dall’acquisizione, oltre un milione di pneumatici Kormoran, segno inequivocabile della qualità del prodotto, diventando uno dei più grandi produttori in Europa, grazie anche ai prezzi contenuti, come ci ricordano gli specialisti di  uno dei più gettonati siti di vendita di pneumatici online nella loro sezione dedicata a questa marca. Kormoran ha ereditato da Michelin, inoltre, un’altissima qualità del servizio e dell’assistenza, confermati da una clientela sempre più numerosa.

Naturalmente, ogni utilizzatore dovrà tenere in considerazione il tipo di utilizzo che farà delle gomme, quanto viaggerà e in quali luoghi, per capire se è meglio optare su uno pneumatico robusto e sicuro, ma più economico, grazie alla delocalizzazione del prodotto, o su uno pneumatico che offre qualcosa in più ma a costi più alti. Analizzando le caratteristiche degli pneumatici appena descritti, possiamo constatare, senza alcun dubbio, che il marchio francese Michelin, uno dei più affidabili al mondo, ha trasmesso le sue caratteristiche e le peculiarità fondamentali alla fabbrica acquisita in Polonia, che è diventata oggi uno dei maggiori produttori di gomme, sia per mezzi privati, sia per mezzi di lavoro. Lo stile Michelin e l’ottica di lavoro della casa francese sono quindi gli stessi per entrambe le fabbriche, con la differenza del prezzo e, probabilmente, della durata. A voi la scelta.

Torna il Salone dell’Auto di Ginevra 2022 con un nuovo concept

Il Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra (GIMS) ha aperto le iscrizioni per la sua prossima edizione che si svolgerà dal 19 al 27 febbraio 2022. Gli espositori avranno tempo fino a metà luglio per iscriversi all’evento 2022. Questa 91a edizione del Salone promette di essere promettente e senza precedenti.

Era tutto pronto per l’edizione del 2020, ma la pandemia ha costretto gli organizzatori ad annullare il Salone un giorno prima dell’inaugurazione. Quest’anno, nulla è stato organizzato e voci insistenti davano il Salone dell’Auto ormai per spacciato. Invece, lo storico evento, punto di riferimento per le maggiori case automobilistiche del mondo, riapre i battenti e si prepara per l’edizione del 2022. 

Il prossimo Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra si terrà al Palexpo, fiera accanto all’aeroporto internazionale,  tra soli nove mesi. Visto questo tempismo molto stretto, gli espositori sono già invitati a registrarsi e iniziare a preparare il loro stand, per questo evento che sarà senza dubbio uno dei più importanti nel loro calendario di marketing. 

Prefigurando una diversa edizione, il Direttore Generale del GIMS Sandro Mesquita ha annunciato: “Con l’apertura delle iscrizioni, viene ufficialmente lanciata l’organizzazione del GIMS 2022. Io e il mio team non vediamo l’ora di presentare il nostro concept agli espositori e, successivamente, al pubblico. Ci auguriamo sinceramente che la situazione sanitaria e le condizioni quadro politiche legate al COVID-19 ci permettano di dare vita a questo progetto”.

Un Salone storico

Torna quindi il GIMS, riferimento imprescindibile dei saloni automobilistici da oltre un secolo, con l’ambizione di sorprendere appassionati ed espositori. 

Il Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra è dal 1905 un trampolino di lancio per il futuro della mobilità. Ampiamente riconosciuto come il più importante salone dell’auto d’Europa e uno dei più prestigiosi e influenti al mondo, il GIMS attira ogni volta più di 10.000 giornalisti e più di 600.000 visitatori a Ginevra. 

La Forma del Futuro: lo stile Pininfarina in mostra a Torino

È stata inaugurata presso il  MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile di Torino la mostra “La Forma del Futuro”, un percorso espositivo che racconta, con il contributo di 16 esemplari d’eccezione, la capacità di Pininfarina di immaginare il futuro e dargli forma anticipando i tempi e tendenze.

Uno stile inconfondibile

Nel corso di tre generazioni e oltre 90 anni di storia Pininfarina ha proposto concept car che hanno mostrato al mondo soluzioni formali e tecniche affascinanti improntate al rispetto dell’ambiente e delle risorse, ma pur sempre all’insegna del design. Fantasie a quattro ruote, nate per ammaliare costruttori e pubblico ai saloni automobilistici internazionali, oppure come risposta a tematiche ecologiche e crisi energetiche. Modelli che esplorano e influenzano le nuove tendenze estetiche e tecnologiche. Alcuni evolutivi, altri estremi, fuori dai canoni estetici della loro epoca.

Da tale premessa nasce  “La Forma del Futuro”, mostra che rimarrà aperta al pubblico fino al 12 settembre 2021 che non solo raccontano la storia di una prestigiosa casa di design, ma anche la vita di uomini d’ingegno che, con il loro intuito e la loro capacità di circondarsi di talenti, hanno dato un contributo fondamentale al progresso dell’automobile. 

Pininfarina in mostra a Torino

Storia di design e di uomini d’ingegno

“In un anniversario così importante per la nostra azienda, che celebriamo al Mauto con un anno di ritardo a causa dell’emergenza sanitaria – ha commentato il Presidente Paolo Pininfarina – guardiamo al nostro percorso concentrandoci su capolavori che, ciascuno a modo proprio, hanno rappresentato un salto in avanti nella concezione dell’automobile. Il design ha la capacità di migliorare continuamente la vita delle persone e fornire la risposta per immaginare un nuovo futuro. Questa è la nostra missione, e lo sarà anche per i prossimi 90 anni”. 

La mostra proposta dal Mauto non si limita a celebrare le intuizioni del passato, ma intende stimolare una riflessione sull’auto di domani. “La forma del futuro è sempre al centro di ogni nostro pensiero – commenta l’AD Silvio Angori. – Nel prossimo decennio l’automobile non sarà più come l’abbiamo pensata e realizzata per 90 anni. Sarà connessa, condivisa, elettrificata, autonoma. Noi siamo dentro questa rivoluzione. La fertilizzazione incrociata tra tutte le nostre competenze, dall’automotive all’architettura, dall’interior design all’experience design, determinerà la mobilità del futuro firmata Pininfarina”. 

Benedetto Camerana, Presidente del MAUTO, commenta: “La mostra per i 90 anni di Pininfarina rinnova l’impegno del MAUTO a promuovere una conoscenza scientifica del design dell’automobile. Celebrare la straordinaria storia del marchio torinese, esplorandone anche i percorsi futuri, per noi significa valorizzare la grande competenza del nostro territorio. Riguardando ancora una volta i capolavori presenti nella mostra, e gli altri da noi esposti in permanenza, vedo emergere una sintesi continua che definisce l’idea di un classicismo universale: ogni auto, ogni prototipo, pur rispondendo alle necessità di un momento storico e anticipandone altre in divenire, si impone allo sguardo per il suo valore senza tempo, sospeso tra passato e futuro. Il caso esemplare di questa condizione è la Cisitalia 202, un’opera d’arte industriale che dal 1947 e da Torino continua a conquistare gli occhi del mondo”.

Una mostra tra passato glorioso e futuro innovativo

Il percorso espositivo inzia con la sezione ARTE, dedicata all’icona Pininfarina per eccellenza, la Cisitalia 202. L’area STILE introduce alla ricerca in grado di dettare le scelte stilistiche degli anni a venire. Una costante nella storia di Pininfarina, sempre perseguendo l’obiettivo numero uno, ovvero la creazione di automobili che esprimano bellezza e il buon gusto tipicamente italiano. Un approccio che trova nella relazione con Ferrari, quest’anno giunta al 70° anniversario. Segue, nell’area RICERCA, una sfilata di esemplari che testimoniano la ricerca formale e aerodinamica, gli studi sulla sicurezza e sull’architettura degli interni, la sperimentazione di nuovi materiali riciclabili ed ecocompatibili, l’applicazione di propulsioni amiche dell’ambiente. Lasciando l’area RICERCA si entra nella seconda parte dell’esposizione, dove ogni vettura è uno spettacolo irripetibile. Si inizia con l’area TECNOLOGIA, dove troviamo due oggetti di ricerca applicata al mondo delle vetture da corsa. Prima del gran finale, la mostra regala, con l’area MITO, uno sguardo su quei capolavori che, grazie al loro stile senza tempo, sono entrati nell’immaginario collettivo come sinonimo di bella automobile italiana, sovente anche grazie a Hollywood: tra tutti, il Duetto guidato da Dustin Hoffman nel film Il Laureato. 

A chiudere il cerchio è l’area FUTURO perché qui troviamo la Pininfarina che verrà. Intanto due concept che, per aspetti diversi, raccontano la visione Pininfarina dell’auto di domani.

Pininfarina in mostra a Torino

Appassionati di motori in festa: a giugno c’è la 1000 Miglia 2021

Torna la Freccia Rossa. No, non parliamo di treni ultraveloci, ma della manifestazione automobilistica storia più affascinante che ci sia. Dal 16 al 19 giugno ritorna sulle strade d’Italia la 1000 Miglia 2021.

Sono 375 le auto ammesse in gara oltre ad alcuni esemplari di particolare pregio iscritti in Lista Speciale, che partiranno dalla tradizionale rampa di Viale Venezia a Brescia per farvi ritorno sabato 19. Lungo tutta la lunghezza del percorso saranno all’incirca duecento i Comuni attraversati dalla meravigliosa scia di auto d’epoca, come da tradizione, farà il giro di boa a Roma al termine della seconda giornata di gara.

Le novità del 2021

La 1000 Miglia 2021 sarà inoltre caratterizzata dal tema “Crossing the Future”, claim che arricchisce il logo di questa edizione e che incarna perfettamente la doppia anima del brand, che oggi congiunge da una parte tradizione e heritage e dall’altra innovazione e sperimentazione. Crossing the Future è infatti il file rouge che unisce la 1000 Miglia storica, all’epoca vetrina delle auto più tecnologiche e innovative, con la 1000 Miglia rievocativa, che si propone lo stesso obiettivo affiancando alle auto d’epoca quelle elettriche della 1000 Miglia Green e le moderne Supercar e Hypercar della 1000 Miglia Experience. 

“1000 Miglia è sempre stata una finestra sul futuro dell’automobile – Spiega a questo proposito Alberto Piantoni, Amministratore Delegato di 1000 Miglia srl – Dal 1927 al 1957, la gara è stata sinonimo di sperimentazione, innovazione tecnologica e futuro dell’automobile. Oggi vogliamo riportare in vita lo stesso spirito e l’audacia di quegli anni per rispondere alle sfide che caratterizzano la mobilità e il mondo di oggi, a partire proprio dal tema della sostenibilità. Lo abbiamo fatto, per esempio, con l’introduzione delle auto elettriche della 1000 Miglia Green che dal 16 al 19 giugno dovranno ripercorrere questa sfida in modalità elettrica”. 

“Ci piace pensare a questa edizione della 1000 Miglia come più di una semplice gara: un vero e proprio volano di rinascita per l’Italia intera – ha commentato il cav. Aldo Bonomi – che concretamente supporti il turismo dei Comuni che incontreremo. Stiamo lavorando inoltre per trasformare la 1000 Miglia in un’icona internazionale che contribuisca ad affermare il nostro Paese nel mondo: un compito che sarà possibile, se tutto andrà bene, grazie anche al progetto della Fondazione 1000 Miglia.” 

Pneumatici estivi 2021: la classifica dei migliori

Effettuare una manutenzione periodica alla propria auto è di assoluta importanza non solo per preservarne l’integrità ma anche e soprattutto per una questione di sicurezza stradale. Tra i componenti a cui bisogna prestare attenzione troviamo senza dubbio gli pneumatici in quanto sono direttamente coinvolti nella tenuta di strada e devono garantire comfort e aderenza. Nei mesi più caldi dell’anno è necessario optare per i cosiddetti pneumatici estivi i quali, a differenza di quelli invernali o degli all seasons, sono caratterizzati dalla presenza di scanalature di dimensioni ridotte e da una mescola pensata per resistere perfettamente alle temperature bollenti dell’asfalto. Attualmente nel mercato si trovano numerosi modelli diversi, ognuno con le proprie caratteristiche tecniche, ma quali sono i migliori? Scopriamolo insieme in questa nostra classifica.


I migliori pneumatici estivi

Continental SuperContact 6

Il SuperContact 6 è l’ultimo arrivato in casa Continental e ha rubato l’intera scena in pochissimo tempo grazie ad un ottimo equilibrio tra affidabilità e performance senza rinunciare al comfort. Grazie alla nuova tecnologia Black Chili viene garantita un livello di aderenza senza precedenti per un perfetto connubio tra pneumatico e manto stradale. L’auto sembra essere incollata all’asfalto anche a velocità elevate (grazie anche alla presenza dell’innovativa cintura tessile adattiva Aralon 350) e tutte le vibrazioni provenienti dalla superficie vengono brillantemente assorbite regalando un ottimo comfort e una insonorizzazione pressoché perfetta. È disponibile da 18″ a 24″ e in versione SUV. 

GoodYear Eagle F1

Passiamo ora allo pneumatico Eagle F1 di GoodYear: un prodotto che punta tutto sulla maneggevolezza e sulla silenziosità; due aspetti che gli hanno permesso di raggiungere un enorme successo in tutto il mondo facendo contenti milioni di automobilisti. La mescola presente nell’Eagle F1 è in silice ad alta superficie e insieme alla carcassa rigida permette di avere un’ottima precisione di guida anche ad alta velocità e su qualsiasi tipo di asfalto. Tra i tanti miglioramenti portati rispetto al suo predecessore troviamo quello relativo agli spazi di frenata. Questi ultimi, infatti, sono stati sensibilmente ridotti (fino a 2 metri in meno su asfalto asciutto) grazie alla tecnologia ActiveBraking. Da sottolineare anche l’aspetto legato ai consumi in quanto il nuovo sistema FuelSaving ha permesso di ridurre notevolmente le emissioni di anidride carbonica nell’aria semplicemente abbassando il peso complessivo dello pneumatico. Ottimo anche il livello di protezione dei cerchi. Disponibile anche per fuoristrada.

Michelin Pilot Sport 4

Come sappiamo Michelin non ha bisogno di presentazioni nel mondo automobilistico e con la gamma Pilot Sport 4 ha alzato ulteriormente l’asticella proponendo uno pneumatico di altissima qualità e perfetto per garantire la massima aderenza nel periodo più caldo dell’anno. Si adatta perfettamente al manto stradale garantendo sempre la massima reattività e precisione di guida oltre ad un comfort e ad una silenziosità di molto maggiori rispetto al suo predecessore grazie soprattutto alla nuova tecnologia Dynamic Response e ad un disegno del battistrada completamente rivisto. La nuova mescola di elastomeri e silice idrofoba, inoltre, hanno reso i pneumatici Pilot Sport 4 funzionali anche su asfalto umido aumentandone la sicurezza. Infine, sono stati anche ridotti gli spazi di frenata, è stata aumentata la durata chilometrica del pneumatico ed è stato leggermente ridotto il peso complessivo per consumi minori.

Pirelli Cinturato P7

Passiamo ora al Made in Italy con i Cinturato P7 prodotti da Pirelli. Si tratta di pneumatici disponibili nella gamma che va da 16″ a 20″ ed è stato progettato con l’intento di garantire a tutti gli automobilisti la massima performance su asfalto asciutto per un’esperienza di guida aggressiva e reattiva. Tutto ciò è stato possibile realizzarlo sfruttando al massimo i materiali utilizzati ed il disegno del battistrada. Il livello di rumorosità, anche a velocità molto elevate, è stato notevolmente ridotto grazie alla tecnologia PNCS (Pirelli Noise Cancelling System) capace di far percepire un rumore all’interno dell’abitacolo fino al 50% inferiore garantendo una buona comodità anche in caso di viaggi di lunga durata. Un altro aspetto da sottolineare parlando dei Cinturato P7 è quello legato alla sicurezza offerta. Le tecnologie Seal Inside e Run Flat, infatti, lavorano insieme per permettere di proseguire la propria marcia anche in caso di foratura ed evitando così spiacevoli e pericolose perdite di controllo.

Hankook Ventus S1 Evo 3

I pneumatici Hankook Ventus S1 Evo 3 rientrano nella categoria dei top di gamma e sono stati scelti da diverse case automobilistiche come prodotti di serie per le loro auto premium. L’intero progetto ha avuto fin dall’inizio un unico obiettivo: garantire ad ogni cliente la miglior prestazione possibile su asfalto asciutto e caldo. Dal punto di vista tecnico troviamo un disegno del battistrada rinnovato e caratterizzato da scanalature ad incastro che offrono un buon grip anche su superfici umide o bagnate aumentando la versatilità degli pneumatici e di conseguenza anche la loro sicurezza. La mescola Aqua Pine è formata da un mix di diversi materiali che combinano le loro proprietà fisiche e chimiche per offrire un’ottima rigidità che alla guida si traduce in reattività e precisione. Ottima anche la durata grazie all’utilizzo di speciali cinture metalliche rinforzate che riducono anche le vibrazioni trasmesse nell’abitacolo. Disponibili anche per SUV.

Bridgestone Turanza T005

Il pneumatico Bridgestone T005 è uno dei migliori della sua categoria e, nonostante sia classificato come estivo, offre delle buone prestazioni anche sul bagnato offrendo un ottimo equilibrio tra performance e versatilità. Rispetto al modello precedente, il nuovo T005 presenta un profilo del battistrada rinnovato ed è caratterizzato da numerose scanalature laterali e centrali capaci di drenare un grande quantitativo di acqua in caso di pioggia improvvisa.
Nella mescola è integrata l’innovativa tecnologia Nanopro-Tech la quale garantisce sempre una perfetta reattività e precisione di guida in qualsiasi condizione e su tutti i tipi di asfalto. È realizzata interamente con speciali polimeri ed è rafforzata da speciali cinture metalliche che ne migliorano la durata e riducono il rischio di forature. Ridotte anche la resistenza al rotolamento, che si traduce in ridotti consumi di carburante e emissioni di CO2, e il livello di rumorosità per una marcia all’insegna della comodità.

Pirelli PZero

Ultimo ma non per qualità, il pneumatico Pirelli PZero è la scelta ideale per tutti gli automobilisti che sono alla ricerca di un prodotto versatile e conveniente che garantisca delle buone prestazioni su asfalto asciutto senza rinunciare a comfort e precisione di guida. L’esperienza su strada e nel mondo del motorsport ha permesso agli ingegneri Pirelli di trovare nuove ed innovative soluzioni capaci di offrire un livello di aderenza che trova davvero pochi rivali nell’intero settore. Anche in questo caso, così come abbiamo già visto nei Cinturato P7, ritroviamo le tecnologie PNCS e Seal Inside. Rispetto a questi ultimi però presentano una durata chilometrica e delle prestazioni sul bagnato decisamente inferiori.

Tutti questi pneumatici hanno in comune l’elevato investimento in termini di studio e progettazione e la conseguente qualità. Tutti  sappiamo che la qualità si paga ma, per fortuna, la globalizzazione ed il web ci permetto di usufruire dei comparatori, che offrono in un solo luogo la possibilità di trovare offerte anche molto vantaggiose per l’acquisto di prodotti di qualità. I tecnici di Gomme Miglior Prezzo, in molteplici occasioni, hanno consigliato agli automobilisti di puntare su sicurezza e affidabilità quando si tratta di acquistare pneumatici, poiché questo elemento può rivelarsi vitale quando ci si trova su strada.

Golf GTI Clubsport 45: una serie speciale per omaggiare la più feroce di tutte

Il marchio GTI su una Golf rappresenta il top per gli amanti di un modello cult che da 45 anni vediamo sfrecciare sulle strade: era il 1976. E per festeggiare questo anniversario, Volkswagen ha presentato una serie: la Golf GTI Clubsport 45, basata sulla GTI Clubsport da 300 CV.

Golf GTI Clubsport 45: le caratteristiche

Non è una GTI come tutte le altre. Si presenta infatti con un 2.0 TSI che eroga 55 CV in più della già fantastica Special, pensata per la pista. Esteticamente si distingue per le prese d’aria maggiorate, per l’alettone posteriore sportivo dal disegno specifico che ottimizza i flussi e per l’impianto di scarico sportivo in titanio della Akrapovič con due uscite separate agli estremi del paraurti posteriore.

Il tetto è completamente nero con l’alettone posteriore dello stesso colore, stilizzazione che nasce in omaggio al portellone nero della prima GTI. La Clubsport45, vanta poi il pacchetto Race di serie i cerchi in lega Scottsdale da 19 pollici in nero lucido con cordone rosso che richiama la classica linea della calandra GTI, impianto di scarico sportivo e la rimozione del limitatore di velocità massima che le permette di toccare i 270 km/h, oltre a fare lo 0-100 km/h in 5,6 secondi. Un tornado da scaricare su pista.

Golf GTI Clubsport 45

All’interno ci si esalta con le tre lettere che da sempre identificano la Golf più feroce e sono riportate sugli schienali dei sedili anteriori Premium Sport. Il logo “45” sulla razza centrale del volante multifunzione sportivo identifica ulteriormente l’unicità di questa serie speciale.

La Golf GTI Clubsport 45 è ora disponibile in Italia al prezzo di listino di 51.900 Euro.

Golf GTI Clubsport 45

Nuova Kia EV6: crossover elettrico che guarda al futuro

Sono già tantissime le prenotazioni online della nuova Kia EV6 arrivate a meno della presentazione ufficiale. Un crossover elettrico che vuole ridefinire i canoni della sua categoria, capace di prestazioni di grande livello.

Kia EV6 è un crossover che guarda al futuro: è il primo BEV del nuovo corso del design di Kia ispirato dalla filosofia “Opposites United”. L’attenzione è ovviamente tutta per la capacità di ricarica a 800 V che permette a EV6 di passare dal 10 all’80% di carica della batteria in soli 18 minuti, mentre la versione GT, progettata per soddisfare automobilisti attenti alle prestazioni e al piacere di una guida entusiasmante, è capace di fare lo 0-100 km/h in appena 3,5 secondi, raggiungendo una velocità massima di 260 km/h.

“EV6 è il simbolo della nuova Kia. È un modello nato per ispirare ogni viaggio, attraverso un design dal carattere forte, un’ingegneria all’avanguardia, tecnologie innovative e le prestazioni entusiasmanti della trazione elettrica – ha affermato Ho Sung Song, Presidente e CEO di Kia – EV6 rappresenta anche l’inizio della strategia a lungo termine di Kia per una mobilità sostenibile, accelerando la transizione non solo verso il trasporto a zero emissioni, ma anche all’utilizzo di una catena di produzione eco sostenibile”.

Il design della Kia EV6

Una novità importante riguarda il frontale della nuova KIA EV6 che presenta una evoluzione del “tiger face” di Kia, reinterpretato appositamente per la nuova era elettrificata. Elementi caratterizzanti del “Digital Tiger Face” sono le luci diurne dall’aspetto moderno ed elegante con un sistema d’avanguardia di illuminazione dinamica “sequenziale”. Nella parte inferiore spicca una grande presa d’aria che visivamente allarga il frontale dell’auto accentuandone l’immagine high tech. Nella zona laterale spicca l’aspetto da crossover moderno, elegante e aerodinamico. Una linea ben definita corre lungo la parte inferiore delle portiere per puntare verso l’alto sul profilo dei passaruota posteriori così da enfatizzare lo slancio alla vista laterale, mentre la parte posteriore è caratterizzata da un montante C inclinato con un inserto in nero lucido, che contribuisce ad ampliare l’impatto visivo del lunotto. Sopra quest’ultimo, è stato posizionato uno spoiler con due specifiche canalizzazioni per convogliare l’aria verso un secondo spoiler inferiore, alla cui base trova spazio la firma luminosa del raffinato gruppo ottico posteriore.

Kia EV6

Abitacolo di ottimo livello

Grande spazio e versatilità caratterizzano gli interni della EV6. Jochen Paesen, Vice President for Interior Design, ha dichiarato: “Le persone generalmente vengono prima attratte dalle linee esterne dell’auto ma poi si innamorano degli interni, dove trascorrono la maggior parte del loro tempo. Quindi, progettare uno spazio stimolante per EV6 è stata la cosa più importante per noi”.

Davvero bello il grande display audiovisivo e di navigazione caratterizzato da un profilo curvo e privo di interruzioni.

Kia EV6

Tutta la potenza del motore elettrico

A spingere la Kia EV6 ci sono propulsori che prevedono configurazioni con pacchi batteria ad alta tensione sia nella configurazione ad elevata autonomia (77,4 kWh) sia in quella ad autonomia standard (58,0 kWh). È il primo veicolo elettrico di Kia ad essere disponibile sia trazione a due ruote motrici (2WD) che trazione integrale (AWD).

La versione a due ruote motrici (2WD) con batteria da 77,4 kWh ha un’autonomia superiore a 510 chilometri nel ciclo combinato WLTP.

La EV6 a quattro ruote motrici (AWD) invece ha una coppia massima di ben 605 Nm ed è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in soli 5.2 secondi. Il pacco batteria da 77,4 kWh è abbinato a un motore elettrico da 168 kW (229 CV) che trasmette la potenza alle sole ruote posteriori mentre per i modelli AWD, questo viene affiancato da un secondo propulsore posizionato sull’asse anteriore che porta ad una potenza massima totale di ben 239 kW (325 CV). 

Kia EV6
,

Triumph Thruxton RS “one off” per celebrare la 10ª edizione della The Distinguished Gentleman’s Ride

Si svolgerà domenica 23 maggio la 10ª edizione della The Distinguished Gentleman’s Ride, evento che mixa sapientemente i valori dei gentleman moderni e la passione per il mondo delle moto e che negli anni è stata in grado di raccogliere ha livello globale oltre 27.450.000 $.

Per festeggiare l’ottavo anno di partnership e i 10 anni di successi della The Distinguished Gentleman’s Ride, una speciale Triumph Thruxton RS “one off” verrà svelata prima dell’evento, e data in premio al vincitore del Gentlefolk Competition 2021.

Per prendere parte alla competizione e giocarsi la vittoria finale, sarà necessario registrarsi sul sito www.gentlemansride.com dove sono disponibili tutte le informazioni dettagliate.

The Distinguished Gentleman’s Ride ai tempi del Covid-19

Impossibile non risentire, anche per questo evento, degli effetti della pandemia. Per questo il format originario di The Distinguished Gentleman’s Ride dovrà necessariamente variare: laddove non sarà possibile o consigliabile prevede un raduno “Covid-safe”, si confermerà ad esempio il format “Ride Solo Together” utilizzato a settembre 2020.

Paul Stroud, Chief Commercial Officer di Triumph: “Siamo orgogliosi di essere il principale partner di Distinguished Gentlemen’s Ride per l’8° anno consecutivo, ed è stupendo avvicinarci alla celebrazione del 10° Anniversario della manifestazione. La collaborazione tra noi e la DGR si è rivelato incredibilmente prezioso per aumentare la visibilità e il sostegno alla ricerca medica contro il cancro alla prostata e in supporto alla salute mentale maschile: due temi importanti per ogni uomo, non solo per gli appassionati delle nostre moto. Come ci aspettavamo, il valore di questa partnership cresce e si evolve di anno in anno”.

Mark Hawwa, Fondatore & Direttore diThe Distinguished Gentleman’s Ride: “Difficile credere a dove siamo arrivati in soli 10 anni, ripensando al piccolo gruppo di eleganti uomini e donne che montando in sella alle proprie moto classiche hanno dato vita alla prima Distinguished Gentleman’s Ride. Abbiamo stabilito connessioni preziose e incontrato persone meravigliose in questi anni: e questo certamente si può dire per Triumph Motorcycles. Siamo insieme dal 2014, e sono orgoglioso di constatare quanti appassionati ci hanno seguito a livello globale, indossando i propri abiti migliori e contribuendo alla raccolta fondi tramite una semplice cavalcata in moto. L’obiettivo è superare la somma complessiva di 30 milioni di dollari, tramite un grande evento globale che dimostri la nostra passione ma anche l’assoluto senso di responsabilità nel far fronte alle restrizioni anti-COVID che troveremo nei vari Paesi del mondo. Lo faremo tutti insieme”.

Land Rover Defender V8, l’evoluzione della specie

Potenza, ma anche prestazioni di livello velocità e accelerazione. Land Rover presenta il suo Defender V8. Il SUV inglese si svela in due varianti: la Defender V8 525 CV e l’ammiraglia Defender V8 Carpathian Edition mixano alla perfezione performance e capacità off road di primo livello. I prezzi della nuova Defender V8 partono da 120.600 Euro.

Potenza più velocità per la nuova V8

Alle tradizionali caratteristiche fuoristradistiche della Defender, ora si aggiungono quelle che derivano dalla grande potenza del 5.0 litri V8 Supercharged da 525 CV, che unito alle sospensioni riviste ed alla taratura della trasmissione, è l’emblema della Defender più veloce di sempre.

La potenza del V8 sovralimentato, abbinato alla trasmissione automatica ad 8 rapporti, è di 525 CV, con una coppia di 625 Nm. La Defender V8 90 accelera da 0 a 100 km/h in 5,2 secondi e raggiunge i 240 km/h. I dati dei consumi e delle emissioni di CO2 sono rispettivamente 14,7 l/100 km e 332 g/km.

Per quanto concerne l’off road, invece, arriva il programma Dynamic del Terrain Response, disponibile solo sulle Defender V8. Questo supporta il guidatore nello sfruttare il carattere più dinamico e l’equilibrio del 525 CV, su asfalto e su terreni sciolti.

Iain Gray, Senior Manager, Powertrain Advanced Engineering di Jaguar Land Rover, dichiara: “Il 5.0 litri V8 Supercharged potenzia ulteriormente la personalità unica della Defender. La sonorità è fantastica, le prestazioni incredibili: guidarla è un vero piacere. Il nostro compito è stato quello di ottimizzare la taratura del gruppo motore/trasmissione della Defender, per ottenere reattività su strada e fine precisione in off-road – qualità che si dovevano aggiungere alle inarrestabili capacità all-terrain e di guado”.

Land Rover Defender V8

Estetica e non solo…

La Defender V8 vanta particolari esterni esclusivi che la rendono unica rispetto al resto della gamma: distintivi diversi, quattro speciali terminali di scarico e cerchi da 22″ in lega con finitura Satin Dark Grey. La Defender V8 è identificabile anche dalle pinze freni Xenon Blue e dai dischi freni da 20”.

Tante sono le possibilità di personalizzazione della Defender, grazie all’arrivo dei nuovi pack esterni: il Bright Pack, l’Extended Bright Pack e l’Extended Black Pack, che arricchiscono l’inconfondibile profilo della Defender con particolari esclusivi.

Ma la Defender V8 è anche supertecnologica: infatti, vanta una nuova connettività che è parte integrante degli aggiornamenti. L’infotainment Pivi Pro della Defenderha ora un nuovo ventaglio di scelte, inclusa la possibilità di avere il grande touchscreen da 11.4″*. La stazione di ricarica wireless con amplificatore di segnale integrato è ora di serie con il Comfort and Convenience Pack, per una maggiore praticità e qualità delle chiamate.

David Hemming, Chief Product Engineer di Jaguar Land Rover, dichiara: “Il lancio del V8 apre una dimensione nuova in termini di guida coinvolgente e capacità in off-road della Defender. Veloce e divertente, rappresenta il vertice della famiglia Defender, ed è tanto gratificante su strada quanto capace in off-road. Abbiamo anche aumentato l’appeal della famiglia Defender con nuovi modelli, i Pack opzionali e la nuova connettività: c’è veramente una Defender per ognuno”.

La Defender V8 Carpathian Edition

Più esclusiva che mai, la Carpathian Edition si basa sulla Defender V8 e vuole rappresentarne la più recente espressione del design, delle prestazioni e delle capacità, mentre la XS Edition, che sostituisce la First Edition che tanto successo ha riscosso, si distingue per un design su misura con specifiche migliorate sia all’interno che all’esterno della vettura. Si distingue per il tetto, il cofano e – per la prima volta – il portellone, in colore a contrasto Narvik Black. Fra i particolari esterni spiccano le finiture dei distintivi V8 Carpathian Edition, gli occhioni di traino Satin Black e le caratteristiche pinze freni Xenon Blue.

Gli esterni sono stati rifiniti con il Satin Protettive Film di Land Rover. Questa pellicola poliuretanica riciclabile semiopaca applicata alla carrozzeria, protegge in ogni situazione, dai graffi in parcheggio ai rovi in fuoristrada.

All’interno, la Defender V8 Carpathian Edition vede presenti gli stessi upgrade della V8, con accenti Miko Suedecloth e Robustec sui sedili, volante in Alcantara e soglie illuminate.

Defender XS Edition

La XS Edition, che come detto va a sostituire la versione First Edition, si posiziona al di sopra della SE e presenta un trattamento esclusivo per interni ed esterni; è disponibile in entrambe le versioni, 90 e 110.

Esternamente la XS si distingue per il trattamento in tinta di carrozzeria del rivestimento inferiore e degli archi passaruota, e per i cerchi da 20″ Satin Gray torniti al diamante. Le tinte esterne sono quattro: Silicon Silver, Hakuba Silver, Gondwana Stone e Santorini Black.

Nell’abitacolo interno, spiccano i sedili riscaldabili, a 12 regolazioni elettriche e con memoria, della XS sono rivestiti in Grained Leather, mentre la traversa è verniciata a polvere in colore Light Grey spazzolato. Le soglie illuminate in metallo completano gli interni. La XS Edition è disponibile con motorizzazioni P400 benzina, P400e Plug-in Hybrid Electric Vehicle (PHEV) e D250 Mild Hybrid Electric Vehicle (MHEV) diesel.

Land Rover Defender V8

Assicurazione auto: come trovare quella più adatta?

La tua polizza auto sta per scadere e vuoi scoprire se ci sono migliori opportunità di copertura? Hai deciso di dare un taglio alle spese e vorresti trovare una RCA migliore di quella che hai attivato? Ebbene con questa guida sarai sicuramente capace di scovare l’occasione migliore che ti farà risparmiare e che ti renderà soddisfatto della scelta. Scommettiamo? 

L’auto… costa!

Dopotutto l’auto è un costo passivo che può diventare ingombrante per cui bisognerebbe procedere periodicamente a dare una rinfrescata a quelle spese che, nel tempo, aumentano senza che ce ne rendiamo conto. La polizza auto è una di quelle perché, molto di frequente, sopraggiungono offerte migliori della tua. Per questo risulta fondamentale richiedere più preventivi, così da valutare quale sia l’offerta più valida. Tuttavia, questo può comportare una perdita di tempo non indifferente, per questo ci si può affidare a dei comparatori, ad esempio è possibile valutare la propria assicurazione auto su Assicurazione.it.

Cosa valutare tra i preventivi?

Nello specifico il costo di una polizza auto prevede una serie di costi fissi e alcuni variabili, ovvero differenti tra le diverse compagnie. Al tempo stesso questi determinano i massimali e le franchigie che sono le cifre massime a cui avrai diritto in caso di sinistri. Per di più molto dipende dall’età, dal tuo veicolo, dal tuo passato alla guida e da alcune variabili che determinano il rischio che la polizza corre assicurandoti. Quindi i costi non sono fissi ma estremamente variabili e sono correlati principalmente dalla classe di merito, dal tipo di vettura, dal numero di chilometri percorsi e dal tuo attestato di rischio. 

La Legge Bersani e le opportunità di risparmio

Con la Legge Bersani del 2007 è possibile beneficiare di un incentivo molto interessante per le nuove assicurazioni. In pratica questa legge permette di ereditare la miglior classe di merito della famiglia e, quindi, si tratta di una ipotetica riduzione che potresti prendere in considerazione prima di attivare una nuova polizza. Inoltre le assicurazioni oggi offrono la possibilità di installare la scatola nera che, oltre a garantirti migliori standard di sicurezza per via del rilevamento GPS permette anche di ottenere un considerevole sconto sul premio assicurativo. Questo si verifica solamente quando ti comporti civilmente in strada e nel rispetto di determinati parametri indicati proprio nel contratto di assicurazione.

Altri modi per risparmiare sulla polizza auto 

Un altro modo per risparmiare sull’assicurazione auto è quello di pagare in un’unica soluzione. Si tratta di uno stratagemma che consente alle compagnie di disporre di maggior liquidità che, pertanto, si traduce in uno sconto ulteriore al momento dell’attivazione della polizza.  Infine cambiare polizza è già di per sé un modo per risparmiare. Difatti oggi non esiste più il tacito rinnovo, per cui non ti servirà fare una disdetta. Cambiando polizza e servendoti di altre compagnie più convenienti, quindi, potrai avere tutto il tempo che ti serve per individuare la miglior offerta per le tue esigenze. Prima di attivare una polizza, tuttavia, considera anche i servizi aggiuntivi come l’assistenza legale, l’assistenza stradale o la protezione dai danni accidentali. Tutte queste voci costituiscono un plus aggiuntivo che talune compagnie offrono periodicamente tramite pacchetti all inclusive piuttosto convenienti.