L’effetto cyclette nelle nostre carriere: i momenti di stop possono essere utili

Sarà capitato a tutti. Ritrovarsi in momenti particolari della propria vita in cui si lavora tantissimo, si fatica altrettanto e i risultati non arrivano. Con un pugno di mosche in mano ci si pone l’amletica domanda: “ne vale davvero la pena?”.

L’effetto cyclette

Più o meno tutti sanno cosa è una cyclette? Per i pochi che non lo sapessero, si tratta di un attrezzo ginnico che permette di allenarsi pedalando, seduti su un sellino, proprio come si fa in bicicletta. La differenza, ovviamente è che la cyclette è ferma, non si muove: grazie ad una strumentazione particolare, permette di valutare, in base alle pedalate, quanti chilometri avremmo percorso, quante calorie abbiamo “consumato”, magari anche la velocità media di pedalata che abbiamo tenuto durante il nostro allenamento. Ottimo, no?

Ora, prendete un ciclista e chiedetegli di allenarsi su una cyclette. La sua risposta sarà: “Scordatelo”. A prescindere dal fatto che ci sia il sole o la pioggia, il vero ciclista per allenarsi monterà in sella alla sua bici e inizierà a pedalare, sentendo il vento sulla faccia, la luce negli occhi che cambia in base al percorso, le vibrazioni che trasmettono le ruote che girano sull’asfalto.

Quando sembra di pedalare a vuoto

Alle volte la vita ci pone metaforicamente su una cyclette, quando il nostro desiderio sarebbe quello di provare le sensazioni del ciclista sulla strada. La fatica è sempre la stessa: pedaliamo, ci stanchiamo, ma il risultato tangibile è che siamo sempre fermi allo stesso punto. Nemmeno un soffio di vento sul nostro viso, la luce è sempre la stessa, attorno a noi i soliti confini definiti.

Se proprio non possiamo far nulla per cambiare le cose, forse, è il momento di accettare la situazione e pensare a come ottimizzare il nostro “allenamento” sulla cyclette. Ridettiamo sulla possibilità che ci offre di mantenere in forma il nostro corpo, anzi, a farlo migliorare e irrobustire, facendo forza sulle gambe ed immaginando un progetto, un’idea, il futuro. D’altro canto le performance migliori arrivano a seguito di un duro allenamento e ne sono la conseguenza diretta.

Imparare ad accettare i momenti di break nella nostra vita e nella carriera, provando a sfruttarli per rinforzarci, può rappresentare una grande opportunità di crescita. Pedalare a vuoto? Può essere una sensazione effettiva, ma la realtà dei fatti è che, come per i nostri muscoli non fa differenza se si pedala in strada o chiusi in palestra, noi continuiamo ad imparare e a fare esperienze, anche stando (apparentemente) fermi sul posto. È solo l’effetto cyclette…

Reagire alle difficoltà per diventare l’eroe della propria vita

Si riparte verso il futuro, quello che le luci del capodanno 2023 hanno illuminato qualche giorno fa. Dopo le Feste in famiglia e con gli amici appena terminate, smontati gli addobbi natalizi, si torna a concentrarsi sul lavoro, sui progetti immediati e quelli ad ampio raggio.

Continua a leggere

Arriva il 2023: il calendario va guardato pensando agli impegni

Osservando negli ultimi giorni i vari social network balzano all’occhio i tantissimi post sui ponti del 2023. La collocazione delle festività, infatti, permetterà sfruttando pochi giorni di ferie, di stare a casa per diversi giorni.

Continua a leggere

Andiamo avanti con coraggio verso una luce che indichi la direzione

Andiamo verso il periodo più particolare dell’anno, quello in cui le vacanze estive sono solo un bel ricordo (del quale comunque si continua a sentire nostalgia) e si cominciano ad intravedere le prime luci delle feste natalizie.

Continua a leggere

Le vacanze sono finite, è ora di ricominciare a lavorare per costruire qualcosa di bello

Sembra ieri che eravate stesi al sole sotto l’ombrellone. Ed effettivamente per qualcuno è proprio così. Per altri, magari, il ricordo risale ad un paio di giorni prima, ma il concetto non cambia. Le vacanze sono finite per tantissimi di noi e l’idea di ricominciare a lavorare può certamente spaventare.

Continua a leggere

Le difficoltà dei “visionari” e la volontà di superarle: amare il proprio lavoro non basta!

“Fai il lavoro che ti piace e non lavorerai nemmeno un giorno della tua vita”. Una frase che risuona molto spesso nella testa di chi fa impresa. È davvero così? Sicuramente se si fa un lavoro che si ama si è in vantaggio rispetto a chi è costretto a fare qualcosa che non gli piace.

Continua a leggere

Meditare su sé stessi, ok. Ma possiamo farlo in ogni momento, a prescindere…

Hanno fatto scalpore le parole del Principe Harry d’Inghilterra, secondo il quale i dipendenti che lavorano dovrebbero meditare e riflettere su sé stessi almeno un’ora al giorno. Onestamente credo che questo sia un saggio consiglio, che deve far riflettere non solo i datori di lavoro, ma ogni singolo lavoratore.

Continua a leggere

Il nuovo anno è un libro bianco da scrivere. Il 2022 rappresenta un’opportunità

Sarà una ripartenza “Covid permettendo”. Questo mese, il primo del 2022, inizia infatti fra mille incertezze e diecimila dubbi. Le varianti del virus che da due anni ci tiene in scacco condizionano fortemente le nostre vite e di conseguenza le nostre scelte.

Continua a leggere

Arrivano le Feste: pianificare uno stop dal lavoro per godersi questo periodo senza stress!

Temperature che calano a picco, luci che intorno a noi si accendono e si spengono, traffico sulle strade in forte aumento. Lo spirito delle Feste è davvero contagioso e, anche se ormai inizia sempre prima ad aleggiare per ovvi motivi commerciali, è dai primi giorni di dicembre che realmente avvolge tutti noi.

Continua a leggere

Siamo a Novembre: non cominciate a parlarmi del “se ne riparla dopo le Feste”!

Ci avviciniamo a grandi falcate verso un periodo dell’anno che io personalmente non amo in modo viscerale, ovvero quello delle Festività Natalizie. Ma voglio precisare, non per le Festività in sé, che adoro come molti di voi. Mi spiego. Già si vedono vetrine agghindate con luci e palline colorate, piccoli alberi di Natale ai piedi dei quali viene posta dell’ovatta o del polistirolo a mo’ di neve caduta… ma il problema è che siamo solo a Novembre!

Continua a leggere

Manager in difficoltà e il coraggio di mantenere accesa la fiammella della speranza

In passato abbiamo scritto della solitudine dei manager, dei businessman, soprattutto nei momenti bui. E già perché le difficoltà prima o poi arrivano per tutti. Ora, pensiamo a chi ha sempre “lavorato presso…” e chi invece ha cercato di procacciarsi il lavoro sfruttando le proprie competenze e le proprie capacità.

Continua a leggere

Settembre, il mese dei progetti e delle ripartenze. Siete pronti?

Basta farsi un giro sui vari social network per comprendere l’umore di chi dopo 15-20 giorni di vacanza torna al lavoro. È cupo, nero. La sveglia che suona, gli abiti da ufficio da tornare ad indossare, il traffico

Continua a leggere