Codex, Leonardo da Vinci ispira Pininfarina Segno

Codex Pininfarina Segno

Codex, idea che nasce dal genio di Leonardo da Vinci

Ve lo ricordate il criptex protagonista nel film “Il Codice da Vinci”, nel quale era contenuta la mappa per ritrovare il Santo Graal?  Quello che vi mostriamo lo ricorda molto: è uno scrigno in grado di racchiudere un oggetto, conservandolo come un tesoro prezioso. Si chiama Codex ed è una creazione Pininfarina Segno, ispirata dal genio di Leonardo Da Vinci e dedicata a chi ama la storia, un racconto fatto di enigmi, citazioni e, al tempo stesso, di maestria artigiana e design.

Prodotto in un’edizione limitata di 500 pezzi numerati, il Codex di Pininfarina Segno unisce la purezza dell’alluminio all’essenzialità del legno di noce massello, dando vita ad un elegante cilindro, splendido da esibire sulla scrivania del proprio ufficio, al contenuto del quale si può accedere solo allineando le lettere nella giusta sequenza per comporre il codice segreto che sigilla il contenuto.

Il Codex un contenitore di segreti da esporre sulla scrivania

Al centro del cilindro, uno spazio vuoto custodisce uno stilo Pininfarina Segno o anche informazioni preziose, o piccoli oggetti personali, rendendo Codex un vero secretaire di design, raffinato ed elegante.

L’idea nasce da un’iniziativa che ha impegnato in un progetto davvero cool gli studenti dell’Istituto Europeo di Design (IED) di Torino nella creazione di un oggetto originale che rispettasse i valori di innovazione, attenzione allo stile e alla qualità artigianale che rappresentano Pininfarina Segno.

Come dice Paolo Pininfarina, Presidente del Gruppo, “quando il design incontra l’innovazione nascono progetti straordinari. Grazie alla collaborazione con lo IED e alla creatività degli studenti abbiamo dato forma ad un nuovo capitolo di questa storia eccezionale”.

Davide Fabi, CEO di Signature, azienda responsabile del progetto Pininfarina Segno, sottolinea invece la vocazione del Brand a valorizzare la creatività dei giovani talenti “la collaborazione con istituti d’eccellenza come lo IED rappresenta linfa vitale: per noi, le idee ed i progetti dei designer di domani sono, già oggi, importanti stimoli, spunti su cui lavorare”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *