Curriculum, i 4 errori da non fare assolutamente!

Il curriculum rappresenta una sorta di carta d’identità per un professionista e, affinché venga tenuto nella giusta considerazione, occorre che sia stilato in modo perfetto. Eppure continuano a girare… cose dell’altro mondo!

Come si compila un curriculum, i professionisti lo sanno bene, ma per coloro che hanno delle lacune, EasyHunters, società specializzata nel settore HR, ha reso note alcune caratteristiche che un CV non deve assolutamente avere.

“Ci sono una serie di errori – dichiara Francesca Contardi, Managing Director di EasyHunters – che fanno sì che il cv venga immediatamente cestinato. Alcuni sono assolutamente banali e quindi facilmente evitabili: errori di battitura, foto in costume da bagno o assenza di informazioni di contatto (o, ancora peggio, informazioni di contatto sbagliate). Altri, invece, sono a mio parere più gravi perché compromettono, in una fase delicata come la selezione, la fiducia che necessariamente deve instaurarsi tra azienda o responsabile HR e candidato. Pensiamo, ad esempio, ad un neolaureato che vanta un’esperienza pluriennale in un certo ambito, al manager di 25 anni che dichiara di aver guidato multinazionali (ovviamente leader nel loro settore) o al brillante studente che, a neanche 22 anni, ha già una laurea specialistica e 3 master conseguiti nelle università più prestigiose del mondo. E questi atteggiamenti, che non vengono mai percepiti come innocente volontà di arricchire il proprio cv per essere più interessanti, portano ad un unico risultato: candidatura eliminata. Un cv vincente è innanzitutto sintetico, chiaro, preciso e naturalmente corrispondente alla realtà”.

Ma quali sono gli elementi di un curriculum vitae che fanno sì che questo venga immediatamente cestinato, secondo EasyHunters?

Lunghezza eccessiva

È vero che è fondamentale che siano completi, precisi ed esaustivi, ma un cv di 15 pagine probabilmente non sarà mai letto dall’inizio alla fine. Meglio non superare le due pagine, mettendo le esperienze professionali in ordine cronologico (dalla più recente/attuale a quella più lontana nel tempo) e poi il percorso accademico e scolastico.

Foto in costume da bagno, foto di gruppo o del matrimonio

Se si decide di inserire la foto, evitare assolutamente quelle non professionali scattate ad una festa, in spiaggia o sulle piste da sci. Anche i selfie, è bene ricordarlo, non sono una buona idea.

Esperienze accademiche o professionali improbabili

È giusto, quando si scrive il proprio cv, presentarsi al meglio e mettere in luce tutte le competenze, conoscenze ed abilità. Questo, però, non autorizza nessun candidato ad inserire esperienze mai fatte o corsi/master mai frequentati. Chi si sovrastima viene sicuramente scartato a priori e, anche nel caso in cui si riesca ad arrivare al colloquio, il selezionatore non ci metterà molto a capire che si tratta di invenzioni.

Errori di battitura, informazioni sbagliate, discordanti o vaghe

Prima di inviare il cv c’è una sola cosa da fare: leggerlo, possibilmente più di una volta. Niente fa un effetto peggiore di un errore di battitura, un refuso o una h di troppo. Attenzione anche alla forma: agevolare la lettura (spazi e margini corretti, grassetti per evidenziare i passaggi fondamentali) ed evitare espressioni troppo comuni e vaghe che rendono i cv tutti uguali (capacità di lavorare in team o di problem solving). Non dimenticare, infine, di inserire in modo molto chiaro le informazioni di contatto, senza commettere errori.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *