Digitalizzazione delle PMI in Italia: ancora non ci siamo

PMI e digitalizzazione

Digitalizzazione, le PMI in Italia sono ancora indietro

Digitalizzazione delle PMI in Italia, a che punto siamo? Chi si aspetta qualcosa di positivo in tal senso, rimarrà certamente deluso dal risultato dello studio di GoDaddy che ha analizzato il profilo di circa 4000 PMI Italiane per elaborare il PMI Digital Index, un report sul livello di maturità digitale delle imprese nel nostro Paese.

Le aziende sono ancora lontane dalla digitalizzazione

Analizzando circa 120 parametri, divisi in 3 macro dimensioni, è stato calcolato il grado di digitalizzazione aggregato delle PMI che nel 2018 è pari a 54/100, un dato che sintetizza la propensione al digitale delle aziende e mostra chiaramente quanto molte realtà italiane siano fortemente indietro rispetto ad un processo che dovrebbe essere a ben altri livelli.

Sono ancora diverse le aree su cui le imprese italiane devono lavorare a fondo, a partire dalla presenza sui social network e sul web, visto che il 64% delle PMI non ha una pagina Facebook, il 32% non aggiorna il proprio sito da più di un anno e il 30% non possiede un sito web ottimizzato per la visualizzazione da mobile.

La geografia della digitalizzazione in Italia

L’Italia presenta poi situazioni molto diverse in base al contesto geografico, con le province del Centro che mostrano un grado di digitalizzazione superiore: Marche, Lazio e Sardegna si attestano come le 3 regioni più sviluppate, mentre Abruzzo, Liguria e Piemonte sembrano essere ad un livello di progresso meno maturo.

Sul podio a livello provinciale troviamo invece Imperia, Forlì-Cesena e Rimini, mentre chiudono questa classifica Rovigo, Cremona e Novara.

GoDaddy ha inoltre approfondito i singoli settori di appartenenza del campione di PMI analizzato, da cui è emerso che il segmento Alloggi e Ristorazione è il più evoluto digitalmente e che in determinati settori al crescere del fatturato aumenta anche la propensione al digitale, soprattutto per quel che riguarda il Reputation e il Digital Marketing Index.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *