,

Dress code estivo: 6 indumenti da evitare in ufficio!

In quasi tutte le città italiane (ed Europee) il caldo bollente si fa sentire, eccome. 30-35 gradi sono difficili da sopportare già di per sé, se ci mettiamo poi che ciascuno di noi per andare a lavorare deve vestire “in un certo modo”, capiamo bene che la situazione è tutt’altro che piacevole. Eppure ci sono dei limiti che non possono e non devono essere travalicati: in ufficio ci si deve presentare con un dress code impeccabile, anche con situazioni climatiche difficili. Noi abbiamo raccolto una serie di indicazioni sugli indumenti assolutamente da evitare

La cravatta, in un ambiente formale può essere anche risparmiata, la giacca forse anche, ma per la parte superiore del corpo, è auspicabile scegliere una camicia o una polo. No alla maglietta dunque e assolutamente no alla canotta stile mare.

In qualche ufficio, i bermuda sono tollerati ma se vogliamo comunque mantenere intatto il nostro appeal, il pantalone corto sarebbe da evitare. Scegliete piuttosto un pantalone di lino e vi sentirete ugualmente a vostro agio!

Attenzione ai calzini! Le attuali tendenze mostrano come il “senza calzino” sia ormai un must, ma per chi preferisce uno stile sobrio, il calzino continua ad essere irrinunciabile anche d’estate. L’errore da non fare è indossare calzini alla caviglia o degli orribili “fantasmini” che fuoriescono dalle scarpe. Sceglietene modelli che aderiscano perfettamente al piede e non superino mai l’altezza della scarpa!

Sono bandite le infradito e i sandali. Se c’è una cosa che negli uffici dovrebbe essere evitata è proprio di indossare le ciabattine. Vanno benissimo per il mare, per una passeggiata serale al porto, ma nel luogo di lavoro non sono assolutamente tollerabili.

Ultimo ma non ultimo un accessorio molto utilizzato d’estate, ovvero il cappellino con la visiera. Potete indossarlo in automobile, mentre passeggiate in strada, ma quando siete sul posto di lavoro, riponetelo!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *