Economia Sotto l’Ombrellone: il tema di quest’anno è la ripartenza

economia sotto l'ombrellone

Torna a Lignano Sabbiadoro la nuova edizione di Economia Sotto l’Ombrellone. Tre appuntamenti previsti nella provincia friulana per parlare di economia, in un momento in cui l’economia è chiamata ad una rapida ripartenza, seppur tra incertezze e difficoltà obiettive.

Tre le date in programma: la prima, oggi, in cui si parlerà di “Ripartenza di artigiani e PMI”, il 18 il tema sarà “Ripartire dall’e-commerce” il ed il 25 in cui l’argomento sarà “La Finanza per ripartire”.

Promosso dall’agenzia di comunicazione Eo Ipso, Economia sotto l’Ombrellone affronta quest’anno il delicato tema della ripartenza dopo la profonda crisi aperta dall’emergenza Covid. E la ripartenza per gli artigiani e le PMI è il tema del primo dei tre incontri in programma.

“Abbiamo voluto aprire la rassegna mettendo al centro dell’attenzione le piccole e medie aziende, quelle che rappresentano la specificità dell’economia nazionale e che sono state duramente colpite dal lockdown”, premette Carlo Tomaso Parmegiani, giornalista e responsabile editoriale Nordest di Eo Ipso, che modererà tutti gli incontri. “Partiamo da due dati: il primo riguarda l’impatto negativo del Covid sull’economia. Si stima che solamente in Friuli Venezia Giulia le imprese artigiane arrivino a perdere un miliardo e 200 milioni di euro nel 2020; più 600 milioni di euro concentrandosi sulla sola provincia di Udine. Il secondo è sulle prospettive: stando alle ultime indagini, non tutto sarebbe perduto: più di sei imprenditori su dieci si dicono fiduciosi nel futuro, indicando però il 2021 quale anno del ritorno alla ‘normalità’. Quindi, due sono anche le domande che ci poniamo: come poter ripartire fin da subito e cosa fare per poter arrivare al 2021?”.

Gli ospiti di Economia Sotto l’Ombrellone

A commentare questi temi sono stati chiamati due imprenditori: Giorgio Chiussi e Michael Genovese. Il primo è titolare della Sartoria Chiussi, realtà udinese che da quasi 150 anni (è stata fondata nel 1868) è sinonimo di alta qualità; il secondo, al contrario, è alla guida della giovanissima Abat-Jour. Dalla sua bottega di Udine esporta in quasi tutto il mondo i propri paralumi. Le loro storie si incroceranno con la visione d’insieme che il presidente di CNA Udine, Luca Tropina potrà dare.

L’incontro è a partecipazione libera e si svolge nel Chiosco n. 5 (Bandiera Svizzera), al civico 16 del Lungomare Alberto Kechler, in località Lignano Pineta a Lignano Sabbiadoro (UD), con inizio alle 18.30.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *