Gentleman Traditions, l’uomo di Giannetto Portofino è… illustrato

In un tempo in cui tutto va veloce, si tende sempre più all’approssimazione per stare al passo con ciò che ci circonda, dimenticando, a volte, un fondamentale concetto che caratterizza l’essenza dell’uomo, ed in particolar modo, del gentleman. Fortunatamente, non è così per tutti. Basta vedere cosa ha creato Giannetto Portofino, luxury fashion brand italiano, per comunicare i concetti ai quali si ispira la propria collezione moda.

L’azienda, che da ben 30 anni veste i gentleman di tutto il mondo, in collaborazione con Arianna Tota (Marketing Director We/Me ADV) e con la preziosa matita dell’artista e illustratrice Valorize, ha deciso di regalare un’identità tutta particolare al galantuomo contemporaneo, che ha ritrovato il piacere di vestire con gusto, senza dimenticare il confort che gli permette di essere in pace con sé stesso.

Si chiama Gentleman Traditions, on air dal 17 novembre, ed è la campagna multisoggetto realizzata per raccontare i 15 outfit della nuova collezione Giannetto Portofino FW18.

Un modo decisamente innovativo di comunicare la potenza di un brand che vuole distinguersi dagli altri, così come fanno i suoi abiti indossati dagli uomini di cui sopra.

Al di là dei vetri una splendida veduta di Portofino, al centro della stanza il gentiluomo contemporaneo. Un uomo in grado di innovare ponendo la tradizione sotto una luce sempre nuova. Scatti illustrati, raffinati e intensi per raccontare una storia d’altri tempi: i tempi della cura, della pazienza, dei dettagli che fanno la differenza e che lo rendono unico. Insomma, un uomo che non dipende dal tempo, ma che è i grado di gestirlo, di dominarlo. Un uomo che fa dell’eleganza e del suo personalissimo stile un biglietto da visita sia per il proprio business, che per la vita privata. Giannetto Portofino, nella sua nuova collezione di parla di concetti che fortunatamente sono tornati alla luce e li descrive con l’arte del proprio design.

Giannetto Portofino

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *