Giornata dello stagista: le soft skills per conquistare il lavoro

lavoro da casa

Negli Stati Uniti è più conosciuta come la “National Intern Day”, alle nostre latitudini il 29 luglio è definita come la Giornata dello Stagista.

Per lo stagista, o tirocinante, quello dell’apprendistato è forse il periodo lavorativo più brutto, in quanto, nell’incertezza di riuscire, si fatica il doppio (se non il triplo), per mettere in tasca, nella migliore delle ipotesi, un terzo di quello che fanno gli altri, nello stesso numero di ore. Eppure gli stage, nelle aziende serie, possono essere davvero utili per formare professionisti qualificati: l’importante è che il periodo di apprendistato sia delimitato temporalmente.

Gli stagisti e la pandemia

Certamente gli stagisti sono tra le categorie che più hanno risentito del problema della pandemia. Secondo uno studio del sito internet Glassdoor, solo negli USA il 50% dei programmi di stage è stato cancellato nella primavera del 2020. Ulteriori conferme a tal proposito giungono da un sondaggio, di portata globale, condotto dall’International Labour Organization in collaborazione con la Commissione Europea: 6 tirocinanti su 10 (58%) hanno visto interrompere il proprio periodo formativo in azienda in tempo di pandemia.

L’indagine ha visto rispondere oltre 900 aziende e la percentuale più alta di interruzioni, pari al 64%, è stata registrata all’interno delle grandi imprese e delle multinazionali. Anche l’Italia si dimostra sulla stessa lunghezza d’onda: a ottobre 2020, infatti, stando ai dati forniti dal Ministero del Lavoro, gli stage extracurricolari, retribuiti e svolti al di fuori del percorso scolastico si sono ridotti del 48%, passando da 185mila a poco più di 96mila. Queste interruzioni e riduzioni hanno spinto sempre più giovani e potenziali stagisti a lavorare sulla loro crescita personale, in particolar modo, in ottica soft skills che, come indicato da USA Today, sono sempre più ricercate dai datori di lavoro

Ma in che modo? Secondo la rivista economica statunitense Fast Company, i giovani hanno identificato ben tre modalità con cui poter apprendere le competenze desiderate: seguire i consigli dei più esperti, partecipando a eventi di networking o facendo interviste informative, scaricare dei contenuti video, oppure vivere delle esperienze di volontariato. A tal proposito è importante citare anche PR Newswire: entro il 2024, infatti, il mercato globale della formazione proprio sulle competenze trasversali dovrebbe crescere di ben 15 miliardi con un tasso composto di crescita annuale dell’11%. E ancora, University World News ha realizzato un studio sul tema secondo cui l’insegnamento delle soft skills diventa fondamentale a tal punto che diversi datori di lavoro in Ruanda hanno contribuito all’inclusione di competenze come la comunicazione, l’imprenditorialità e l’alfabetizzazione informatica nell’istruzione superiore, in modo tale da formare nella maniera più completa possibile i nuovi giovani lavoratori ormai prossimi a terminare gli studi. 

Massimo De Donno, fondatore di GenioNet e ideatore di Genio in 21 Giorni, il corso di formazione sul metodo di studio personalizzato che viene distribuito in oltre 50 sedi tra ItaliaSpagna, Svizzera, Inghilterra e Stati Uniti, ha dichiarato a tal proposito. “Per imparare le soft skill non è sufficiente leggere o studiare, sono necessari un percorso educativo e formativo di qualità e, allo stesso tempo, anche un ambiente positivo ricco di esempi o modelli da cui poter apprendere queste nuove competenze o abilità. La messa in pratica di queste soft skill, all’interno di un vero e proprio laboratorio applicativo, ci consente di crescere in modo tale da consolidare le competenze stesse poi nel quotidiano. Per approfondire quanto affermato in precedenza, noi di Genio abbiamo istituito la Soft Skills Academy, un percorso grazie al quale i nostri corsisti hanno l’opportunità di costruire il loro futuro, partendo proprio da pilastri di assoluto spessore e importanza come le competenze trasversali”.

Secondo un recente sondaggio pubblicato da HR Executive le 5 competenze più richieste dai datori di lavoro sono: è la tendenza al teamwork (57%), seguono la comunicazione efficace (55%), il time management (46%), il problem solving (45%) e, infine, la creatività (44%). A queste vanno aggiunte quelle indicate da Best Colleges, ovvero la flessibilità, la capacità di collaborare, di organizzarsi, quindi anche di rispettare le scadenze, di essere reattivi ai feedback e, infine, l’attitudine alla gestione dei conflitti all’interno del workplace. 

10 soft skills per conquistare il posto di lavoro secondo Massimo De Donno

  1. Il teamwork, ovvero la capacità di saper lavorare in gruppo.
  2. Il time management, quindi l’attitudine ad organizzare il lavoro e a rispettare le scadenze.
  3. La comunicazione efficace: si tratta di una dote fondamentale sia per interfacciarsi con i clienti sia con i propri colleghi di lavoro.
  4. Il problem solving, il qualeconsiste nell’abilità di trovare soluzioni adeguate a prescindere dall’imprevisto lavorativo.
  5. La creatività: le idee originali vengono sempre considerate con grande attenzione. 
  6. La gestione di eventuali conflitti sul posto di lavoro.
  7. La leadership, quindi la capacità di prendere decisioni e assumere l’iniziativa
  8. La flessibilità, ovvero l’adattamento alle diverse situazioni all’interno del workplace.
  9. La reattività ai feedback e l’attitudine di adeguare la propria operatività ad essi.
  10. La tendenza a collaborare attivamente con i propri colleghi.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *