,

I manager dormono bene? Uno studio dimostra che non è così…

manager dormono bene

I manager dormono bene? Il sonno è fondamentale per il nostro benessere, soprattutto quando durante il giorno si hanno davvero tanti impegni lavorativi.

Secondo l’indagine del Centro Studio Performance di 4 MAN Consulting, società di consulenza aziendale specializzata in performance management che da anni aiuta imprenditori e professionisti a migliorare le proprie performance e Rinaldi Group, storica azienda produttrice e distributrice di materassi, prima in Italia a certificare il benessere ed il comfort, si è rilevato che su oltre 1.000 imprenditori e professionisti, circa l’82% soffre di disturbi del sonno e di questi l’87% dorme su un materasso non adatto alle proprie caratteristiche fisiche. Lo studio è stato svolto in previsione del 19 marzo 2021 si celebrerà in tutto il mondo la Giornata Mondiale del Sonno (World Sleep Day)

Cambiare materasso può essere quindi sufficiente? “Un dato prevedibile, ma che non ci si aspettava fosse così alto – spiega Roberto Castaldo, CEO & Founder 4 MAN – Lo studio ha rilevato che il sonno è uno dei primari momenti di ristoro e quindi del benessere ed impatta in maniera evidente sulle performance. La scelta del materasso, della posizione, della luce e delle consuetudini pre sonno sono solo alcune delle variabili che incidono sui livelli di efficienza”.

Secondo l’EBIA, l’associazione Europea dei produttori di materassi, la spesa procapite media per l’esercizio fisico è di 10 euro a settimana e 20 euro settimana per la nutrizione, solo 2 euro settimana per il sonno. Questo aspetto è in grande controtendenza rispetto al tempo dedicato a questi pilastri del benessere: 0,5 h/ giorno per l’esercizio fisico, 1h/gg per la nutrizione e 7/8 h gg per il sonno. “Questo dato – spiega Roberto Castaldo – mostra quanto il percepito da luoghi comuni impatta sulle nostre abitudini. Nel mondo dello sport sono anni che si dedica attenzione al benessere legato al sonno come maggiore variabile sulle performance, e questo è evidente anche nel caso del lavoro. Dormire è uno dei bisogni primari dell’uomo e le persone trascorrono in media 25 anni della propria vita dormendo, ne consegue che non è possibile sottovalutare il modo in cui si dorme, soprattutto perché ha un’incidenza innegabile sulle performance”.

I disturbi del sonno incidono molto

Quante volte vi siete trovati alle 3 di notte con gli occhi sbarrati, pensando agli impegni dei giorni successivi o a quel lavoro che vi preoccupa? I risvegli notturni dovuti ai disturbi del sonno spesso ci creano molti problemi che non ci permettono di affrontare la giornata lavorativa al 100%. Si fa sempre più forte, quindi, la necessità di intervenire sul modo in cui si dorme avendo uno stile di vita più sano, eliminando alcune cattive abitudini, come ad esempio evitare di utilizzare lo smartphone prima di andare a letto, e anche scegliendo il materasso adatto, così come la posizione che assumiamo per addormentarci. La scelta del materasso, la qualità dell’aria e la luce dell’ambiente, associati ad esercizi di respirazione e metodologie di gestione dei task ed una corretta alimentazione, mettono la nostra mente ed il nostro fisico nella condizione di performare di più e meglio. 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *