In ufficio il benessere arriva anche dall’acustica con il divisorio fonoassorbente

divisorio fonoassorbente

Distanziamento sociale anche in ufficio: argomento di estrema attualità al giorno d’oggi. Così come lo è l’isolamento acustico sul luogo di lavoro. A fronte di questo, Un processo di riprogettazione e restyling dell’ufficio o del luogo di lavoro in generale, deve essere efficiente ed efficace per far sì che le persone possano svolgere al meglio la propria attività o godersi il tempo libero in totale benessere, in comfort zone e spazi salubri e sicuri.

Fra lavoro e benessere

Dovendo ripensare il tutto per le note questioni sanitarie, forse è il caso di provare ad intervenire anche sull’acustica, per correggere il riverbero e il rimbombo provocato da voci, suonerie dei telefoni, sedie che si spostano, musica di sottofondo e non solo e assicurare così il massimo benessere alle persone. La dimensione acustica non deve essere infatti sottovalutata, in quanto elemento fondamentale per il comfort e la salute: Isolspace in tal senso, ha presentato Sunder Style, l’ultima novità della gamma di correzione acustica di design. 

Isolspace Sunder Style è un divisorio fonoassorbente decisamente elegante, pratico e maneggevole, studiato ad hoc come elemento separatore che funge da schermo protettivo per ambienti pubblici come uffici open space, spazi coworking, ristoranti, locali, palestre e attività commerciali che in questo momento necessitano di soluzioni funzionali che garantiscano il pieno rispetto delle distanze imposte per la sicurezza delle persone.

Grazie alla presenza della tecnologia fonoassorbente, il pannello è in grado di assorbire le onde sonore riverberate riducendo la coda sonora, migliorando così il comfort, acustico e non solo, dell’ambiente e il benessere e la tranquillità delle persone.

I pannelli di cui è composto Isolspace Sunder Style sono sostenibili, atossici, anallergici, resistono all’umidità e non disperdono polveri o sostanze volatili.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *