Industria metalmeccanica: focus sul rugosimetro

rugosimetro

Nel campo industriale spesso si devono effettuare rilevazioni e misurazioni al fine di effettuare un lavoro il più preciso possibile.

In questi casi è fondamentale affidarsi ad una strumentazione efficace, che sia in grado di migliorare ulteriormente l’abilità del lavoratore. 

Il rugosimetro

È importante, allora, saper scegliere degli strumenti pensati appositamente per i professionisti. Tra questi, ad esempio, c’è il rugosimetro. Com’è facile intuire dal nome, questo serve a misurare la rugosità delle superfici, in modo da avere un’idea precisa e corretta della presenza di eventuali irregolarità. Di conseguenza, tale misurazione consentirà di poter intervenire e correggere le imperfezioni. 

Essendo digitali, inoltre, sono facilmente utilizzabili: basta mettere il rugosimetro a contatto con la superficie interessata ed esso restituirà la rugosità secondo il parametro selezionato tra quelli disponibili (Ra, Rmax, Rz).

I parametri con cui vengono espresse le irregolarità sono fondamentali, poiché aiutano a comprenderle in modo preciso, senza l’approssimazione o l’imprecisione che potrebbe derivare da un giudizio solamente visivo.

È bene tenere a mente che la rugosità non è solamente un fattore estetico. Essa è in grado di incidere anche sulle prestazioni del prodotto ultimato, quindi sui suoi successivi utilizzi, come la durata nel tempo, il rumore generato, oppure sul consumo di energia.

È quindi fondamentale tenere sotto controllo questo aspetto per creare prodotti di qualità che sappiano distinguersi dagli altri.

Dove trovarlo

Sul web è possibile oggi trovare diversi siti che mettono in vendita questo strumento. Tra questi troviamo, ad esempio, ARW Misure, che nel proprio catalogo propone anche il rugosimetro, oltre a vari altri strumenti pensati proprio per i professionisti.

Uno degli utilizzi più diffusi per questo mezzo di misurazione, nel campo industriale, è quello nella metalmeccanica.

In questo caso viene per lo più usato per misurare la rugosità superficiale durante o dopo le varie fasi della lavorazione a macchina utensile, dalla fresatura e tornitura fino alle fasi di rettifica e lappatura.

Avere un buon rugosimetro per curare anche i minimi dettagli è quindi fondamentale per creare prodotti di qualità e farli distinguere sul mercato.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *