Investire online sui mercati finanziari, consigli per una vita da trader

Quando si investe sui mercati finanziari, ad esempio in azioni, l’unico soggetto che davvero ha a cuore il destino dei propri soldi è proprio l’investitore stesso.

In base a questa convinzione negli ultimi anni anche in Italia è cresciuto a dismisura il cosiddetto popolo dei trader online che, muniti di un PC o di uno smartphone, investono in strumenti finanziari di ogni tipo, dalle opzioni binarie ai derivati e passando per le criptovalute.

Per imparare a investire sui mercati, in linea con quanto viene consigliato su https://www.diventaretrader.com/ , si può operare in tutto e per tutto in proprio, seguendo i propri criteri e le proprie strategie, oppure si può sfruttare l’esperienza già maturata dai trader professionisti scegliendo ad esempio il cosiddetto copy trading.

Trading online dipendente e indipendente, le differenze

Ne consegue che bisogna fare la distinzione tra trader indipendenti, che investono solo ed esclusivamente facendo leva sulle proprie scelte, senza condizionamenti, e chi invece è un trader online dipendente in quanto magari segue in maniera passiva l’operatività di un gruppo di investitori più esperti. Molto spesso il trader dipendente è l’investitore in erba che, a causa del fatto che non ha maturato ancora un livello adeguato di esperienza sui mercati finanziari, prima di aprire una posizione non fa altro che andare alla ricerca di consigli utili e degli opinioni degli altri

Il passaggio da trader dipendente ad investitore indipendente è quindi quasi naturale dopo aver maturato esperienza sui mercati finanziari e magari dopo aver chiuso qualche trade in profitto seguendo proprio le opinioni ed i consigli degli altri. La maggioranza dei trader operanti sul mercato è indipendente in quanto si basa su criteri e su strategie che, fatte proprie, vengono seguite in maniera diligente senza deviare da quello che, tra l’altro, dovrebbe essere un metodo non solo personalizzato, ma anche vincente.

Trader dipendente o indipendente? Facciamo chiarezza!

Ma perché un trader è meglio che sia indipendente, ovverosia tale da fidarsi solo ed esclusivamente del proprio istinto e dei propri metodi piuttosto che fidarsi di qualcun altro? Ebbene, operare come trader dipendente, affidandosi quindi ai giudizi e alle opinioni degli altri, è quasi sempre fuorviante in quanto sul web i pareri sugli investimenti sono contraddittori e possono generare solo confusione, ovverosia più incertezze che certezze.

Nell’essere interessati, su uno specifico trade, alle opinioni degli altri, non sempre questo rappresenta la scelta e la soluzione migliore in quanto le strategie che si adottano sugli stessi strumenti finanziari variano da un trader all’altro. Per esempio c’è chi apre e chiude le posizioni sul mercato forex con grossi volumi in acquisto o in vendita, e con livelli di stop loss e di take profit molto ravvicinati in quanto sta facendo scalping online, e c’è chi invece investe per importi decisamente più contenuti e con un orizzonte temporale più lungo al fine di seguire la tendenza sui cross valutari ed amplificare i guadagni con l’effetto leva.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *