Isaia, 60 di successi sartoriali del “fatto a Napoli”

60 anni Isaia

Erano gli anni ’20 quando Enrico Isaia, capostipite della famiglia, diede il via ad un’impresa, aprendo un negozio di tessuti per i più rinomati sarti di Napoli.

Negli anni successivi, Enrico creò un piccolo laboratorio situato accanto al negozio, dove artigiani esperti realizzavano abiti maschili su misura.

Nel 1957 i fratelli Enrico, Rosario e Corrado Isaia trasferirono l’attività a Casalnuovo, un paese vicino a Napoli, dove la metà dei residenti erano sarti professionisti. In appena un decennio, Isaia si trasformò da piccola attività di famiglia ad una importantissima impresa di moda, producendo vestiti di alta qualità per i più prestigiosi atelier italiani.

All’inizio degli anni ’80, quando il brand si è imposto all’attenzione globale grazie a strategie di business più aggressive, Isaia ha iniziato un processo di industrializzazione e internazionalizzazione che ha portato alla distribuzione dei suoi prodotti in ogni parte del mondo: in Europa, Giappone, Cina e America.

Il successo di Isaia si basa sul concetto di “fatto a Napoli”, un valore significativo sia come tradizione sartoriale napoletana, che come conoscenza esclusiva del prodotto, stimato in tutto il mondo.

Isaia produce i suoi capi esclusivamente ed interamente in Italia, a Casalnuovo di Napoli, sottoponendoli a severi controlli di qualità durante le numerose fasi di produzione.

La bravura dei suoi manager e dei suoi maestri sarti, è stata quella di reinterpretare il concetto di storia e di combinare la tradizione con l’innovazione, la cultura sartoriale dell’ago e del filo con le tecnologie all’avanguardia, continuando a innovare il suo stile.

L’evento di celebrazione del 60esimo anno del marchio, che si è tenuto durante la Milano Fashion Week di giugno, ha visto la presentazione di 15 modelli che hanno introdotto la nuova collezione Primavera/Estate 2018 intitolata “Coral Bird Eyes-60th Anniversary”. La citazione all’ “occhio di pernice” non è casuale, infatti si tratta di uno dei motivi più in voga nel tessile per sartoria maschile nella seconda metà degli anni ’50. Esattamente il periodo in cui avviene la fondazione di Isaia.

Il logo del Sessantesimo è stato quindi disegnato sull’ “occhio di pernice” ed è in evidenza sia sui sottocolli che nelle varie fantasie dei tessuti che compongono la proposta estiva 2018.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *