Larusmiani ha presentato la sua capsule collection dedicata ad Automobili Amos

capsule collection LARUSMIANI per Automobili Amos

Larusmiani, una capsule collection dedicata ad Automobili Amos

Fra la passione per la moda e quella per le automobili. Larusmiani ha presentato a Milano la sua capsule collection dedicata ad Automobili Amos, in collaborazione con Alcantara, nella boutique storica dell’azienda in Via Montenapoleone 7.

Nella vetrina di Larusmiani, diverse automobili rigorosamente hand made in Italy, quali la Futurista by Automobili Amos, una Lancia Delta S4, una Ferrari 275 GTB, una Delta Rally di un pilota e collezionista italiano di Lancia, e una Formula 1 Alfa Romeo della squadra corse Kessel con numero di gara 22, curiosamente l’anno di Fondazione di Larusmiani e di Kessel.

Una collezione per gentlemen driver

L’obiettivo della capsule è stato quello di creare dei capi pratici e funzionali che rispecchino l’estetica e i modi d’uso di vestire tipici dei gentleman driver, in pratica degli amanti della guida, col pallino dell’abbigliamento di gran classe

Il DNA bespoke di Larusmiani è ben evidente della capsule handmade in Italy, ma il focus della collezione si sposta sullo sportswear rappresentato nei capi outerwear come la sahariana verde militare, la giacca oversize con dettagli scamosciati realizzate con tessuti tecnici rain e stormtex e ricamate con il logo appositamente ideato per la partnership e il velcro tipico del mondo automobilistico customizzato ad hoc che può essere cambiato a seconda del pilota dell’auto.

Il capo iconico della collezione Larusmiani è certamente la speciale tuta, ispirata al mondo racing, ideata in tre materiali: Alcantara, velluto e tessuto tecnico. A completare la capsule sono alcuni nuovi Gentlemen’s Essentials, accessori interamente prodotti a mano da esperti artigiani che custodiscono il know-how acquisito da Aldo Lorenzi, proprietario della leggendaria Boutique G. Lorenzi di Via MonteNapoleone, personalizzati in esclusiva per questa iniziativa, come il porta casco e il set avvolgibile di attrezzi per auto, entrambi realizzati interamente in Alcantara.

Le dichiarazioni degli artefici di questa capsule collection

Guglielmo Miani, CEO e Presidente di LARUSMIANI, annuncia: “E’ sempre un piacere poter collaborare con due brand di questo calibro che rappresentano non solo l’eccellenza nel settore automobilistico nel mondo, ma che fanno anche parte del lifestyle di LARUSMIANI, nel condividere la pura passione per le automobili, la stessa attenzione e cura maniacale nei dettagli, proprio come Eugenio è riuscito a fare con la Futurista, che senza dubbio rappresenta appieno il desiderio estremo di creare il meglio nell’ambito automotive. ”

Eugenio Amos rimarca l’innovativa collaborazione dichiarando: “Quando Automobili Amos era poco più che un’idea, pensavo già ad una potenziale collaborazione con LARUSMIANI, azienda che rappresenta l’italianità al meglio, con valori e principi molto simili a quelli che hanno costituito AA stessa. Seguivo con grande interesse la loro neonata pagina Instagram e potevo identificarmi con i prodotti di Lorenzi e le bellissime stoffe di Larus, fantasticando su come le nostre aziende avessero potuto incontrarsi e creare a quattro mani, promuovendo il bel paese che tanto abbiamo a cuore. Spero che ora il mondo dell’auto possa essere sdoganato e apprezzato anche in un luogo in cui tradizionalmente è stato snobbato e che sia l’inizio della celebrazione dell’auto non solo come oggetto ma come arte, design e moda.”

“Siamo molto compiaciuti di aver collaborato con LARUSMIANI e Automobili Amos per la realizzazione di questa capsule collection” aggiunge Andrea Boragno, Presidente e CEO di Alcantara. “Una straordinaria occasione per celebrare la versatilità di Alcantara, capace di coniugare tradizione e innovazione all’insegna del Made in Italy. I valori del tailor made e del lifestyle globale, che da sempre ispirano la strategia del nostro brand, emergono ancora di più nel nuovo look della Boutique, negli interni delle auto presentate e nei pezzi della collezione”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *