Le nuove case? Tante richieste per i professionisti della ristrutturazione

smartworking

Case più funzionali ed esteticamente più belle. La pandemia, tra le tante trasformazioni apportate al nostro stile di vita, ci ha regalato la consapevolezza del fatto che vivere in un ambiente domestico “piacevole” e funzionale anche alle nuove esigenze lavorative è essenziale.

Ed infatti, la piattaforma Houzz, riferimento nella ristrutturazione e nel design che mette in contatto proprietari di casa e professionisti del settore, ha analizzato i dati del mese di gennaio 2021 rivelando che in Italia la domanda di professionisti della ristrutturazione e progettazione della casa è più che raddoppiata rispetto allo stesso periodo del 2020 (+146%). 

Siamo stati costretti ad adattarci a una nuova normalità: la casa si è ormai una scuola, un ufficio, una palestra e, più in generale, luogo in cui passare il tempo libero. Milioni di italiani si sono ritrovati a pensare a come modificare, personalizzare o ricostruire gli spazi per adeguarsi ad una nuova dimensione di casa e l’alto numero di ricerche di professionisti su Houzz per ristrutturazioni e nuovi progetti ne è la prova.

Una crescita importante nella richiesta di professionisti del settore edile e interiore designer

A gennaio le imprese edili sono state le più ricercate sulla piattaforma, +735%, con un’impennata di click 8 volte maggiore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Al secondo posto, i progetti di ristrutturazione del bagno continuano ad essere molto popolari. Le ricerche inerenti al design e a professionisti dediti alla ristrutturazione di bagni hanno visto un incremento di interesse del +388%. Anche architetti, interior designer e architetti d’interni hanno sperimentato un aumento della domanda rispetto al 2019, soprattutto durante il mese di agosto (rispettivamente del 152%72% e 57%).

Ma da quale parte d’Italia arriva maggiormente la ricerca di professionisti? Il Lazio risulta essere la regione con l’incremento della domanda più alto (+300%),  mentre l’area di Como ha visto un aumento del 179% durante il mese di gennaio, rispetto allo stesso periodo del 2020. Quanto alle città metropolitane di Roma e Milano, l’aumento delle ricerche rispetto all’anno passato ha raggiunto rispettivamente il 65% e il 63%.

L’incremento della domanda ha coinvolto anche i progetti di ristrutturazione portati avanti dai proprietari di casa nel mese di gennaio. Sulla piattaforma le ricerche inerenti alla ristrutturazione edilizia sono infatti quintuplicate (+619%), quelle relative alla ristrutturazione di appartamento sono raddoppiate (+161%) e quelle inerenti allaprogettazione edile hanno visto un aumento del +129%. L’interesse dei proprietari di casa è virato però anche sul miglioramento degli spazi da un punto di vista progettuale, soprattutto per quanto riguarda bagni e cucine. Houzz ha infatti assistito ad un aumento della domanda per i servizi di progettazione architettonica (+114%), progettazione del bagno (+88%), design di interni (+72%) e progettazione cucine (+15%).

“Visto il tempo passato in casa durante la pandemia, ottimizzare la funzionalità degli spazi domestici è diventata una priorità per molti proprietari. Stiamo assistendo ad un aumento della domanda di progetti di ristrutturazione o miglioramento della casa in tutto il paese, con i proprietari di casa che si rivolgono ai professionisti su Houzz per progetti come la ristrutturazione del bagno, il ripensamento degli spazi interni e il rinnovo della cucina”, ha dichiarato Andrew Small, Vice President of Industry Marketing di Houzz. “La pandemia ha evidenziato il bisogno di sentirci a nostro agio nella casa che abbiamo scelto da vivere, anche quando invitiamo i professionisti all’interno delle nostre abitazioni. I recenti aggiornamenti apportati alla piattaforma, come la possibilità di organizzare videoconferenze per programmare incontri virtuali con i professionisti attraverso Houzz Pro, permettono ai progetti di procedere in modo sicuro ed efficiente nonostante il periodo di restrizioni”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *