L’importanza di una camicia perfetta

la camicia perfetta

Anche se le mode vanno e vengono, ci sono alcuni capi di abbigliamento maschile che sono dei capisaldi, da avere sempre nel guardaroba. In ogni periodo questi casi si differenziano, per tessuti, colori o anche per stile di alcune delle loro parti. Alcuni di questi capi non variano poi così tanto con la moda: l’esempio più calzante è quello della camicia.

Mentre i modelli di giacche e di pantaloni possono variare in modo significativo a seconda della moda del momento, la camicia tende a rimanere più o meno fedele a se stessa. Per questo motivo avere a disposizione camicie di qualità è fondamentale; dalla camicia si parte poi per “costruire” il proprio stile.

Le caratteristiche di una camicia di qualità

Una buona camicia è prodotta in un tessuto di alta qualità, solitamente cotone pregiato, come ad esempio il twill di cotone egiziano, o anche in zephir. Si tratta di tessuti sottili ma robusti, che garantiscono la massima vestibilità, durata nel tempo e un aspetto gradevole anche dopo molte ore di utilizzo. Oltre a questo la camicia di buona fattura deve essere ben rifinita, con cuciture sottili e quasi invisibili e bottoni in materiale gradevole, possibilmente non trasparenti. Anche in Italia abbiamo ottimi produttori di capi di questo tipo, basti pensare alla collezione Gherardi camicie, con capi alla moda preparati con tessuti fatti per resistere nel tempo.

Scegliere la camicia “giusta”

Sono vari gli elementi da considerare quando si acquista una nuova camicia, a partire dal taglio. Anche se, in linea di massima, i modelli di camicia non si differenziano più di tanto tra loro, è anche vero che si possono trovare in commercio tagli che hanno caratteristiche peculiari, più o meno adatti a seconda del fisico di chi li deve indossare. Ad esempio per chi ha una corporatura asciutta e snella sono disponibili nei negozi specializzati camicie dal taglio slim, perfette da indossare sotto le giacche all’ultima moda. Per chi invece ha una corporatura leggermente più imponente questo tipo di camicia è del tutto sconsigliato, perché esalterebbe eccessivamente le forme; meglio acquistare un modello più fluido e non eccessivamente attillato o sciancrato.

Il colore della camicia

Solitamente uno dei criteri fondamentali per la scelta della camicia è il colore del tessuto. Conviene mantenersi su tonalità chiare e poco impegnative, come ad esempio l’azzurro o il grigio ghiaccio, così come è importante avere a disposizione nel guardaroba almeno una camicia bianca, il capo elegante per antonomasia. Se si amano le fantasie ci si può poi sbizzarrire, tra quadretti, righe e minuscoli pallini o altri decori. Da ricordare che più la fantasia è evidente e di grandi dimensioni e più la camicia diviene adatta ad un abbigliamento casual e sconsigliata invece per accompagnare un abito classico. In commercio si trovano anche camicie di qualità dai colori accesi, come ad esempio il viola, il blu, il marrone o il grigio scuro. Questi capi sono adatti solo in particolari occasioni, sconsigliati invece per l’utilizzo quotidiano in ufficio, o nelle situazioni formali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *