L’Imprenditore dell’anno 2018: Alessio Lorusso vince il Premio Startup

Alessio Lorusso vince il Premio Startup 2018

Alessio Lorusso, CEO di Roboze, è il vincitore del “Premio Startup 2018”, assegnatodurante la XXII edizione de “L’Imprenditore dell’anno 2018” organizzato da Ernst & Young.

“Quando solo nel 2015 presentavamo la nostra prima soluzione al mondo, non avrei mai pensato di realizzare i nostri obiettivi in così poco tempo”, dichiara Alessio Lorusso, CEO & Founder di Roboze. “Abbiamo sfidato le logiche della progettazione di macchine per la produzione additiva con vantaggi competitivi chiari, reali e innovativi. Il mercato ci sceglie perché la nostra tecnologia è semplicemente la migliore in quanto progettata e prodotta in base alle reali esigenze delle industrie manifatturiere. Questo premio è il risultato degli sforzi e dell’impegno costante dell’intero team Roboze; ed è proprio a loro che dedico questo riconoscimento. Non è stato facile ma ci abbiamo sempre creduto e questo premio è l’ennesima conferma che siamo sulla strada giusta per conquistare e rivoluzionare l’intero mercato a livello globale”, conclude Lorusso.

Il “Premio Startup”, fu istituito per la prima volta in occasione dell’edizione 2015, e rappresenta un riconoscimento creato dalla volontà di dare spazio e visibilità a personalità giovani e brillanti che, partendo da un’idea originale e nuova, sono riusciti a dar vita ad un’impresa proponendo al mercato nuovi prodotti, nuovi processi, nuovi metodi e nuovi servizi, riuscendo a ritagliarsi uno spazio nel mondo imprenditoriale italiano e non solo.

Da oltre vent’anni Ernst & Young intende, con questo evento, premiare e valorizzare la capacità degli imprenditori italiani di intraprendere e guidare con un approccio innovativo e una visione strategica le sfide del futuro.

Alessio Lorusso è stato recentemente inserito nella classifica 2018 di Forbes tra i 30 manager europei under 30 più promettenti, nella categoria “industry”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *