,

Lupin III e 500 Abarth: insieme per una nuova avventura

Lupin III e 500 Abarth

Due miti per molti, due icone della gioventù di parecchi. A quarant’anni dall’immortale capolavoro “Lupin III – Il Castello Di Cagliostro”, il ladro più famoso del mondo torna al cinema con un nuovo spettacolare film, insieme alla sua inseparabile 500. 

Il brand Abarth ha reso omaggio a uno dei più celebri personaggi dei cartoni animati, per l’appunto Lupin, legatissimo alla piccoletta di Casa Fiat, prendendo parte come partner ufficiale dell’evento di ieri presso il The Space Odeon di Milano dove la 595 Abarth, espressione di performance e stile, è stata la protagonista del Yellow Carpet all’ingresso del cinema. 

Lupin e la 500: una storia d’amore

L’amore di Monkey Punch per la Fiat 500 gialla è a tutti noto ed è rinnovato dal regista Takashi Yamazaki anche in “Lupin III – The first”. Abarth 595 infatti rappresenta la versione tecnologicamente più avanzata e grintosa, proprio come questo nuovo film con una veste grafica in full CGI, distribuito da Anime Factory.

Dal 27 febbraio sarà possibile lasciarsi trasportare in una nuova storia di Lupin III che vedrà la città di Parigi e il Messico e il Brasile diventare teatro di una caccia al tesoro senza precedenti, a bordo dell’iconica 500.

Lupin III e 500 Abarth

500 Abarth: lra lusso e sportività

È uno dei modelli più glamour e affascinanti. Affiancata da una Fiat 500 storica, anch’essa gialla, la Abarth 595 Turismo protagonista della serata è pensata per tutti quegli automobilisti che non vogliono rinunciare al comfort e agli aspetti più lifestyle dell’utilizzo dell’auto pur disponendo di una vettura altamente prestazionale.

Sotto il cofano 165 CV, per un rapporto peso/potenza di 6,3 kg/CV e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi. All’interno dell’abitacolo si trovano la selleria in pelle Abarth accuratamente rifinita e accattivante, perfettamente abbinata allo stile elegante di 595 Turismo. 

Lupin III e 500 Abarth

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *