Manager: anglosassone o mediterraneo?

Trasformazione e incertezza. Se è vero che le aziende sono continuamente sottoposte a cambiamenti in termini tecnologici ed economici, è anche vero che questi non vengano colti nel breve periodo e che le classi dirigenziali possano avere qualche problema di gestione. In tutti i settori, dal pubblico al privato, dalle banche alle assicurazioni, dalle piccole aziende alle multinazionali, sono spesso necessari dei processi di ristrutturazione che richiedono risorse dedicate e impegno costante.

In primis l’obiettivo è raggiungere risultati economici ma per farlo è necessario che siano applicati modelli di business moderni, gestibili a prescindere dal management che li ha impostati. Essere troppo focalizzati sull’ottenimento di risultati nel breve periodo il più delle volte si rivela una scelta superficiale che non può cogliere i profondi meccanismi di relazione con gli stakeholder ma orientarsi troppo al futuro rischia di trascurare mile stones necessarie da raggiungere per poter avanzare. Cosa fare dunque?

Il giusto trade-off tra azioni di breve durata e cambiamenti strutturali 

Secondo MBS Consulting, esperta nella consulenza di direzione, un processo di trasformazione efficace richiede al management almeno 5 capacità fondamentali:

1 Logico, forse banale, ma essenziale è avere una Visione di cambiamento con un orizzonte temporale di almeno 5-10 anni sullo scenario di riferimento e sul posizionamento strategico. La chiarezza verso gli stakeholder e in particolare gli azionisti è un passaggio chiave per permettere al management di implementare il nuovo sistema di valori e il posizionamento che si intende perseguire.

2 Per rendere concreta una visione è necessario ripensare le Regole di funzionamento dell’organizzazione ed essere rigorosi nel farle rispettare in un’ottica di coerenza, secondo priorità, che evidenzi lo stile di leadership.

3 Per il successo di un qualsiasi programma di trasformazione, è fondamentale incontrare il Consenso interno ed esterno intorno alla visione, attraverso un piano di stakeholder engagement che va costantemente manutenuto. Dipendenti, clienti, fornitori, partner di business, autorità e istituzioni politiche, media, comunità di riferimento devono essere gestiti in un’ottica di confronto.

4 Tra gli aspetti soft del cambiamento è bene ragionare in termini di Simboli. Un programma di trasformazione richiede azioni simboliche, in particolare riguardo alle scelte inerenti le persone. Premiare in modo visibile l’impegno ed il merito e  isolare la resistenza al cambiamento.

5 Poter garantire all’azienda una solidità duratura al di là della propria presenza fisica, è necessario diventare manager generativi, guardando oltre il proprio ruolo per lasciare in eredità una buona gestione e lasciare la propria impronta di cambiamento senza che questa abbia bisogno di lui per essere sviluppata. Tuttavia, la Generatività in Italia è rara e culturalmente ancora distante.

La classe dirigente in Italia: manager anglosassone o mediterraneo?

In Italia il management si polarizza su due profili contrapposti: il manager anglosassone e quello mediterraneo. Il primo, specializzato sugli aspetti hard del cambiamento (visione e regole), è più carente sul fronte della sensibilità emotiva-relazionale e debole sugli aspetti soft (consenso e simboli). Lucido e determinato rispetto al processo di trasformazione, può rischiare di restare distaccato dalla struttura operativa, a prescindere dai risultati conseguiti. Il manager mediterraneo ha una forte sensibilità politica ed è capace di ottenere risultati a breve grazie ad una spiccata gestione del consenso e di team building, ma risulta essere poco efficace nei cambiamenti strutturali. Se da un lato è in grado di attivare un processo di trasformazione, dall’altro lo fa solo in superficie, lasciando che la sua visione strategica si esaurisca con il suo mandato personale. Una classe manageriale in grado di integrare le capacità di entrambi i profili è la chiave del successo per ottenere risultati e cambiare in profondità le grandi aziende.

Tratto da Uomo&Manager di Ottobre 2017

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *