Perché scegliere l’illuminazione domotica per casa e ufficio

illuminazione domotica

Quando arriva il momento di progettare l’impianto di illuminazione per un ufficio o per una casa occorre prestare un surplus di attenzione, così da fare in modo che il risultato sia sempre bello, funzionale ma soprattutto pratico. Per mettere ogni elemento in rete, creando una struttura solida e affidabile, bisogna scegliere un impianto di illuminazione domotico

È chiaro che essendo il pianeta dell’illuminazione domotica in costante espansione sarà necessario rivolgersi a specialisti del settore per poter ottenere consigli e info utili alla progettazione. Gli esperti di King Led offrono ad esempio un catalogo aggiornato e facile da consultare, assieme ai migliori consigli per comprendere le potenzialità del proprio appartamento in relazione alla sua illuminazione. 

Molte volte capita, tornando stanchi la sera dal lavoro, di accomodarsi sul divano e accendere la tv per poi ricordare di non aver spento la luce in camera o nel corridoio. O magari accade che, dopo essere usciti e già arrivati a metà strada sul tragitto del lavoro, ci si ricorda di aver lasciato accesa la tv o le luci della cucina. L’impianto di illuminazione domotico è pensato anche per risolvere piccoli grandi disguidi come questi. Si potrà infatti tenere tutto sotto controllo e intervenire attraverso lo smartphone o un tablet

È un concetto estremamente moderno e all’avanguardia, che identifica un modo nuovo e più smart di vivere il proprio appartamento. Vediamo quali sono le sue caratteristiche distintive. 

Come avviene la gestione degli apparecchi

È possibile distinguere essenzialmente tra le lampadine con e senza ‘hub’ ovvero provviste o meno di una centralina, che rende più agevole il controllo e la sincronizzazione degli apparecchi. Diventa possibile, proprio grazie alla centralina, raggruppare le luci per stanza oppure gestirne singolarmente il funzionamento. 

Ma come operano i sistemi di illuminazione domotica? Fanno ricorso al sistema wireless. Grazie alla rete di casa, alla quale si connettono, si stabilisce una connessione diretta con il nostro cellulare. Tramite app ogni punto luce potrà così essere sempre sotto controllo. E’ possibile anche installare dispositivi provvisti della funzionalità GPS, in grado di rivelare la nostra posizione e – quando si sta per tornare a casa – di accendere le luci così da evitarci di rientrare al buio. 

Così l’impianto luci si collega agli assistenti vocali

Abbiamo accennato alla possibilità di gestire le luci dell’appartamento tramite app dello smartphone. Una funzionalità ulteriore e sempre più apprezzata è poi quella relativa alla messa in connessione delle lampadine con gli assistenti vocali, i quali sono ormai presenti in tutte le nostre case o quasi. Alexa è senza dubbio il più conosciuto e popolare ma non è il solo. 

Se è comodo gestire le luci con il touch screen del telefono lo è altrettanto – e forse anche di più – dando dei comandi vocali. Gli assistenti vocali potranno non soltanto occuparsi di accendere e spegnere luci ma anche di aprire e chiudere porte o serrande. 

La qualità della vita migliora grazie a una corretta illuminazione

Per alzare l’asticella della qualità della vita nel contesto domestico sarà necessario procedere creando, grazie all’impianto di illuminazione domotico, un ambiente ben gestibile e del tutto uniforme. Per ciascun dispositivo esiste una app dedicata, attraverso la quale si può intervenire sia per accensione e spegnimento che per la regolazione dell’intensità della luce e la sua gradazione di colore. Diventa possibile anche impostare un timer di accensione, in modo da scandire i ritmi vitali nella casa. 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *