,

Produttività: è fondamentale avere un buon rapporto con i colleghi

colleghi di lavoro

Più volte abbiamo parlato da queste pagine, di quanto sia importante l’armonia nel proprio ambiente di lavoro, per fa sì che la produttività non cali mai. A supporto dell’argomento, arrivano i dati della ricerca sul Working Life condotta da PageGroup.

I rapporti con i propri colleghi devono essere cordiali si deve instaurare una collaborazione proficua e costante per far sì che all’interno di una realtà lavorativa tutto proceda per il meglio.

I numeri del sondaggio di PageGroup

Il sondaggio, condotto a giugno 2018 su 5.197 intervistati in Europa – di cui 775 in Italia – ha studiato l’equilibrio tra lavoro e vita privata, sempre più sovrapposte per la presenza di dispositivi connessi, smart working e la normale socializzazione fuori ufficio. È emerso infatti che più del 65% degli intervistati ha contatti con i propri colleghi fuori dagli orari lavorativi e il 34% di essi ha anche contatti extra lavorativi con i propri manager.

Le relazioni positive sul posto lavoro sono importanti per il 97% dei professionisti e proprio l’Italia emerge come uno dei primi paesi che dà maggiore importanza alle relazioni personali con colleghi e manager rispetto agli altri professionisti europei.

Nel nostro Paese, infatti, l’89% delle persone ritiene che avere buoni rapporti con i propri colleghi sul posto del lavoro influisca positivamente sulla produttività, e il 77% considera che ciò valga anche per le relazioni con il proprio manager.

Negli altri Paesi, la situazione è diversa e la ricerca ha rilevato una correlazione minore tra rapporti interpersonali e produttività: Olanda (52%), Belgio (74%), Lussemburgo (71%), Francia (73%) e Portogallo (72%) per la relazione con i colleghi.

L’età e gli incarichi ricoperti giocano un ruolo importante quando si parla di socializzare con i colleghi di lavoro: per esempio, solo il 38% delle persone sopra i 35 anni socializza dopo l’orario lavorativo, rispetto al 53% degli under 35 che risultano essere più propensi alla socializzazione extra ufficio. Il 17% degli under 35, inoltre, va in vacanza con i propri colleghi, percentuale che scende all’8% per i professionisti sopra i 35 anni.

Restano più difficili i rapporti tra i dipendenti e i propri manager: solo il 20% telefona o scambia messaggi non legati al lavoro con i propri superiori e appena il 17% trascorre del tempo con loro la sera o nei fine settimana, circa tre volte meno che con i colleghi di pari livello. La percentuale è altrettanto bassa se si analizza la percentuale relativa agli intervistati che scambiano informazioni e fatti personali con i propri manager (solo 2 su 10), dato che si alza notevolmente se l’interlocutore è un collega di pari livello (52%).

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *