Roberto Filipelli è il nuovo Direttore della Divisione Cloud & Enterprise di Microsoft Italia

Roberto Filipelli

Roberto Filipelli è il nuovo Direttore della Divisione Cloud & Enterprise di Microsoft Italia. Il suo predecessori, Sergio Romoli, assume l’incarico internazionale nell’area Western Europe di Microsoft. Avrà la responsabilità di guidare la Divisione Cloud & Entreprise e di far crescere il business Cloud nel mercato italiano, aiutando le realtà del Paese a cogliere i vantaggi di una tecnologia che sta rivelando un potenziale senza precedenti.

Chi è Roberto Filipelli

Classe 1969, in Ingegneria Elettronica all’Università di Genova, Filipelli assume il nuovo incarico dopo aver ricoperto il ruolo di Partner Development Lead for Azure in Microsoft Western Europe ed aver quindi acquisito una grande esperienza con la piattaforma cloud Azure. Da oltre 20 anni in Microsoft, ha ricoperto ruoli via via più importanti in ambito tecnico, manageriale e di leadership in Italia ed Europa e questo lo ha reso un vero e proprio punto di riferimento sul mercato e in particolare un esperto in materia di Internet of Things, Industry 4.0 e tecnologie edge intelligenti.

Nella sua carriera ha collaborato con numerosi clienti e partner contribuendo al successo di progetti innovativi, tra cui un caso emblematico è quello di Solair, la prima startup italiana specializzata in IoT acquisita da Microsoft.

“Dopo l’esperienza internazionale, sono entusiasta di rientrare in Italia e di poter contribuire alla crescita digitale del Paese, soprattutto in un momento come questo, che non è mai stato così propizio per adottare Cloud e tecnologie intelligenti in linea con gli obiettivi del PNRR”, commenta Roberto Filipelli. “Insieme al mio team, punto a promuovere ulteriore consapevolezza del valore dell’Intelligent Cloud tra le aziende italiane e siamo pronti a sviluppare nuovi progetti con le realtà che intendono ripensare i propri modelli di business in ottica cloud. Grazie alla scalabilità e all’affidabilità della piattaforma Azure, intendiamo sostenere sempre più le organizzazioni italiane pubbliche e private in un percorso di crescita flessibile, contribuendo all’innovazione e alla competitività di interi settori”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *