Articoli

Il lavoro post-lockdown: il tempo è un nostro nuovo asset!

Il lavoro al tempo del Covid-19: cosa è cambiato? Siamo ripartiti e questo era l’importante. Ero curioso di tornare alla normalità e di vedere come si sarebbe reagito ai lunghi mesi di lockdown e poi alla pausa estiva. Ebbene, mi sembra che non sia cambiato molto. Tutto è tornato ad essere veloce: rispondi velocemente, chiama velocemente, recati nei posti velocemente. C’è voglia di recuperare tempo, ma la storia ci insegna che il tempo non si recupera. C’è bisogno di una nuova organizzazione, di un più consono modo di fare.

Continua a leggere

Rientro sul luogo di lavoro post-lockdown: che percezioni si hanno?

Tornare in ufficio con la paura del Covid-19. Una realtà per molti lavoratori e professionisti. Ma quanto realmente si percepisce tale timore? UniSalute-Nomisma ha realizzato uno studio sulla gestione del rientro sul luogo di lavoro post-lockdown.

Il concetto base è “ripartire in sicurezza”: ma davvero è così? Ebbene 1 lavoratore su 3 (32%), tra quelli che hanno fatto ritorno al luogo di lavoro afferma che il rientro rappresenta motivo di paura e spaesamento.

The World After Lockdown

Questo è quanto emerge dal nuovo approfondimento dell’Osservatorio Nomisma The World After Lockdown che monitora le reazioni degli italiani al lockdown, commissionato da UniSalute e che ha indagato il sentiment dei lavoratori italiani al rientro in ufficio.

La tensione è latente e non potrebbe essere altrimenti: per il 46% di degli intervistati, infatti, l’idea del rientro sul luogo di lavoro è causa di timori.

I risultati del sondaggio

Che sia la paura che i colleghi non rispettino i protocolli di sicurezza (45%) o il timore di essere infettati mentre ci si reca al lavoro (31%), tornare in ufficio o in fabbrica rappresenta ancora una preoccupazione diffusa.

Ma quali sono, secondo i lavoratori italiani, le misure che dovrebbero applicare aziende per garantire al meglio la salute dei lavoratori? Oltre alla garanzia del rispetto dei protocolli nazionali di sicurezza (68%) più della metà dei lavoratori italiani (58%) pensa che sia importante fare in tempi rapidi il test sierologico, una quota simile (57%) vorrebbe usufruire di iter semplici per effettuare i tamponi. Inoltre, il 46% degli intervistati pensa che dovrebbe essere messo a disposizione dei lavoratori un servizio di teleconsulto medico per poter ricevere chiarimenti e consigli sul Covid-19, mentre il 43% si sofferma sull’importanza giocata dalla possibilità di accedere al servizio di consegna a domicilio dei farmaci in caso di malattia.

In pratica, solo 1 lavoratore su 4 (27%) è occupato in un’azienda che ha offerto la possibilità di eseguire il test sierologico in tempi rapidi. Percentuale analoga (26%) per quanto riguarda la somministrazione dei tamponi diagnostici. Il dato non migliora quando si parla di videoconsulto e teleconsulto medico in ambito Covid-19, che sono stati garantiti rispettivamente al 21% e 20% del campione, mentre solo 1 lavoratore su 5 (19%) dichiara di avere la possibilità di accedere a servizi di consegna domiciliare dei farmaci.

“La sicurezza sul luogo di lavoro è una delle chiavi di rilancio del Paese in questa Fase 3 e sarà quindi importante riuscire a garantire la massima serenità a tutti i lavoratori che in numero crescente torneranno nelle loro sedi nelle prossime settimane”, afferma Giovanna Gigliotti, Amministratore Delegato di UniSalute. “Come UniSalute ci siamo subito attivati per supportare al meglio le aziende in relazione all’attività di prevenzione da rischio Covid sul luogo di lavoro, permettendo loro di poter offrire ai propri dipendenti di accedere – ad un costo calmierato per i datori di lavoro – ai test diagnostici (sierologici e tampone) in tempi brevi ed in strutture qualificate convenzionate con la nostra Compagnia. Garantiamo inoltre servizi di teleconsulto e videoconsulto, che abbiamo visto essere molto apprezzati e richiesti dai privati cittadini. Si tratta di servizi che possono garantire una gestione ottimale dei luoghi di lavoro dando ai lavoratori una certa serenità per poter vivere la fase di ripartenza con minori preoccupazioni”.

 

Lavoro e sicurezza: quanto sono preoccupati gli italiani?

Lavoro e sicurezza, gli italiani quanto sono preoccupati? Secondo un sondaggio condotto da Lenstore, in collaborazione con Kalzen, agenzia di Digital PR di Londra, rivela quanto la professione abbia un impatto sulla salute fisica e mentale.

A prescindere dal lavoro, le problematiche sono comunque comuni: infatti quasi la metà degli Italiani (47%) afferma di essere preoccupata che la loro salute fisica e mentale sia compromessa sul lavoro. Gli intervistati ammettono di essersi presi una media di 7 giorni di malattia all’anno a causa di una condizione provocata dal lavoro.

Il 18% degli Italiani si sono presi delle pause lavorative proprio a causa di condizioni fisiche o mentali derivanti dal lavoro; emicrania/mal di testa e stress si classificano prime tra le ragioni di assenza dal lavoro.

Le città in cui lo stress si sente di più

Interessanti i dati del sondaggio in cui si evidenzia che gli intervistati provenienti da Ancona e Bologna ammettono di aver preso una media di 17,5 giorni di malattia a causa del lavoro solamente durante lo scorso anno, seguiti dai residenti a Cagliari (11,5). Il 28% dei lavoratori di Reggio Calabria ammettono di essersi presi dei giorni di malattia a causa di condizioni fisiche e mentali durante lo scorso anno, seguiti dai lavoratori provenienti da Bologna (23%) e Firenze (23%).

Cosa possono fare i datori di lavoro per migliorare la situazione?

Secondo il 42% degli intervistati le aziende potrebbero migliorare alcuni aspetti della salute e sicurezza sul lavoro: le richieste sono ad esempio la fornitura di migliori attrezzature di sicurezza e in maggiori quantità, prendere la salute e la sicurezza dei propri lavoratori più seriamente (41%) e creare un ambiente lavorativo in cui gli impiegati si sentono liberi di potere essere onesti sugli aspetti da migliorare (29%).

Analizzando 14 diversi settori lavorativi, coloro che lavorano nel campo della manifattura (24%), nel campo della vendita al dettaglio, del catering e del lusso (18%) e nel campo dell’arte e della cultura (16%) non pensano che i propri datori di lavoro prendano la loro salute e sicurezza seriamente.

Quando viene chiesto di confrontare la situazione attuale con il COVID-19 con il mondo lavorativo prima dello scoppio della pandemia, il 63% dei lavoratori sanitari sono preoccupati di essere esposti a rischi di infezione.

Solamente il 19% degli Italiani pensa che COVID-19 avrà un effetto positivo in termine di cambiamenti e miglioramenti della salute e sicurezza sul lavoro.

Le ragioni principali per le quali gli intervistati pensano che COVID-19 avrà un effetto positivo sulla salute e la sicurezza a lavoro sono le seguenti:

1. La salute e la sicurezza sul posto verranno prese più seriamente: 15%

2. Migliori attrezzature di sicurezza e in maggiori quantità: 14%

3. Maggiore comunicazione delle norme di salute e sicurezza a lavoro: 10%

Il 58% degli Italiani, invece, pensa che COVID-19 avrà un effetto negativo sulla salute e sicurezza sul posto di lavoro. Per il 30% degli intervistati le aziende si focalizzeranno più sugli aspetti economici e sul profitto piuttosto che investire nella salute e nella sicurezza dei propri lavoratori.

,

Rientro in ufficio: quanti dubbi emergono dal sondaggio di LinkedIn

Quando terminano le classiche vacanze di agosto, si inizia a pensare al rientro in ufficio, con le sue problematiche consuete, alle quali quest’anno si aggiungono anche quelle relative al Covid-19. La risalita del numero dei contaggi preoccupa non poco: il timore di un nuovo lockdown ci fa affrontare il ritorno all’attività post vacanza certamente più ansiosi rispetto agli scorsi anni. La speranza, ovviamente, è quella che quest’incubo rimanga tale e che la curva dei contagi torni ad abbassarsi senza la necessità di dover ricorrere a nuove misure di sicurezza.

Workforce Confidence Index di LinkedIn

LinkedIn ha recentemente lanciato un nuovo programma, intitolato Workforce Confidence Index, che guarda alle principali preoccupazioni dei professionisti italiani durante e dopo la pandemia. 

Ritornare in ufficio è la principale preoccupazione per la maggior parte dei professionisti, e non è una sorpresa che continuiamo a notare molte conversazioni su questo argomento sul social dei professionisti.

Certamente tra i dati principali emerge la mancanza di fiducia dei professionisti italiani in merito all’ottenere o mantenere un lavoro.

Un’indagine su oltre 1.000 professionisti italiani, misura gli attuali sentimenti relativi al mercato del lavoro italiano tramite un punteggio di fiducia. L’indagine ha rilevato che per i professionisti italiani la sicurezza e la solidità del lavoro sono ancora tra le preoccupazioni principali, in quanto i professionisti sono solo moderatamente fiduciosi nelle loro possibilità di ottenere o mantenere un lavoro, con un punteggio dell’indice di fiducia individuale (su una scala da -100 a 100) di 33. In particolare,  i professionisti del settore finanziario hanno ottenuto il punteggio di fiducia più alto, con uno score individuale di 37 (su una scala da -100 a 100). Il settore che ha mostrato il punteggio di fiducia più basso è stato quello dei media e delle comunicazioni, con uno score individuale di 28.

Soldi, un problema di molti

Dalla ricerca emerge come i professionisti italiani siano preoccupati per le loro finanze personali, dato che il 19% dei professionisti prevede che il proprio reddito diminuirà nei prossimi sei mesi. È probabile che i professionisti attingano ai loro risparmi per coprire i costi, dato che il 26% dei professionisti prevede un calo dei propri risparmi personali nei prossimi sei mesi.

Il ritorno in ufficio: una preoccupazione in più

Sempre più aziende e organizzazioni valutano se riaprire o meno i propri uffici, i loro dipendenti rimangono preoccupati per la sicurezza del rientro in ufficio. Il 51% dei professionisti ha dichiarato di essere preoccupato che i propri colleghi e clienti non seguano le misure di sicurezza e le linee guida attualmente in vigore.

I manager più stressati? Quelli che operano nel mondo della finanza

I manager più stressati in assoluto sono quelli della finanza. Come potrebbe essere altrimenti? Sempre all’erta in un mercato che non si ferma mai e che soprattutto vive di instabilità dovuta a mille e più fattori. La conferma arriva da una ricerca svolta ADP, multinazionale leader nell’ambito della gestione delle risorse umane, denominata The Workforce View 2020 – Volume Uno”.

Lo studio ha coinvolto bel 32500 lavoratori in tutto il mondo, 2000 in Italia, ed ha esplorato le opinioni dei dipendenti riguardo alle problematiche attuali sul posto di lavoro e il futuro che si aspettano. 

I manager più stressati: il mondo della finanza è davvero duro

I dati sono inequivocabili e chiari. In testa ai settori più stressanti c’è quello della finanza, con una percentuale del 93%, seguono i servizi professionali con il 90% (pubblicità, pubbliche relazioni, consulenza, servizi commerciali, legale, contabilità, architettura, ingegneria, progettazione di sistemi informatici) e chi lavora nel campo media/informazione (editoria, radio, televisione, cinema…) con l’87%. Una media molto alta se si tiene conto che quella italiana e del 66%.

Inquietante il dato del numero delle ore lavorate: infatti è emerso sempre dallo studio che il 30% dei lavoratori del mondo della finanza fa almeno 5 ore di straordinari a settimana, il 25% arriva a 10 ore settimanali, il 6% fino a 15 ore mentre il 5% fino a 20 ore.

Il 45% pensa inoltre di essere pagato correttamente per le proprie capacità e esperienza, il 31% pensa di essere sottopagato, il 33% vorrebbe avere più responsabilità, più autonomia e un ruolo più senior, il 7% pensa invece di ricoprire un ruolo per cui non è abbastanza qualificato.

I motivi dello stress

Quali sono i motivi che portano tanto stress? Non è difficile immaginarli… Ansia del risultato, eccessiva mole di lavoro, senso di frustrazione derivante da una paga poco premiante o da una carriera che stenta a decollare nonostante i numerosi sacrifici, ma anche la preoccupazione di non poter coniugare al meglio lavoro e vita privata.

Attualmente, alle classiche cause, bisogna aggiungere lo stress da Covid-19: iproblemi di autoisolamento e sicurezza sul lavoro incidono molto sui lavoratori, mentre il “superlavoro” rappresenta un rischio per chi lavora in smartworking, ovvero per chi si trova a dover imparare a gestire un tempo lavorativo che entra ormai prepotentemente in quello famigliare o privato.

“Lo stress eccessivo e cronico può portare il lavoratore ad avere problemi di salute psicologica. Chi lavora nel mondo finanziario è costantemente posto sotto pressione da più variabili che spesso non dipendono neanche da lui stesso. Pensiamo ad esempio a quanto accaduto con la pandemia: crollo dei mercati, ansia dei risparmiatori, assicurazioni sanitarie non sufficienti… chi lavora in questo settore ha risentito moltissimo del periodo Covid. Gestire e avere la responsabilità di grosse somme di denaro può essere davvero angosciante in certi casi. I datori di lavoro e i responsabili HR, dovrebbero prendere in considerazione l’importanza di alleviare l’onere per i lavoratori sotto pressione. I team delle risorse umane possono svolgere un ruolo importante in modo che il personale si senta supportato” commenta Marisa Campagnoli, HR director di ADP Italia.

Breasy, l’app gratuita per una pausa caffè anti Covid-19

Nel post lockdown ed il conseguente (per molti) ritorno in ufficio, si riprendono le abitudini più comuni. Come quella della cosiddetta pausa caffè.

Pausa caffè? Usiamo il touch

Tuttavia il Covid-19 ci ha cambiati anche nelle pratiche come prelevare al bancomat, o utilizzare, ad esempio, la macchina del caffè sul posto di lavoro.

Ecco perché Breasy, l’app gratuita per la distribuzione automatica, offre ora una nuova funzionalità per avere tutta l’esperienza della pausa caffè in modalità touchless, eliminando la necessità di toccare il distributore, con conseguenti benefici in termini di salute e sicurezza.

Come funziona? L’utente controlla dal proprio smartphone tutte le operazioni che farebbe di norma alla macchina: può vedere i prodotti disponibili, personalizzare le bevande, consultare le informazioni nutrizionali ed infine completare l’acquisto con tecnologia sicura e garantita dalla piattaforma Masterpass per i pagamenti online di Mastercard. Il sistema consente a più utenti, in prossimità del distributore, di essere connessi nello stesso istante e di navigare contemporaneamente nelle selezioni disponibili, procedendo con la propria personalizzazione senza impegnare la macchina: una volta completata la scelta. L’app, addirittura, è in grado di gestire la coda…

Tutto ciò ovviamente assicura un eccellente soluzione per mantenere in ufficio il distanziamento sociale.

Aziende e manager: 5 passi per ripartire col piede giusto

Inizia la Fase 3 oggi e un ritorno ad una quasi normalità lavorativa è sempre più vicina. Come ripartire col piede giusto? Mascherine e distanziamento sociale certamente saranno termini che ci faranno una forzata compagnia fino all’arrivo (speriamo presto) del vaccino contro il Covid-19, ma rispetto a qualche settimana fa, beh, qualcosa e anche di più è cambiato.

Si riparte. Ma siamo pronti?

Via le autocertificazioni, si torna a circolare. Ma siamo davvero pronti? Un approccio mentale nuovo è la chiave per far ripartire le persone e quindi le aziende nella fase successiva all’emergenza Covid-19. Ne sono convinti Luciano Attolico, CEO di Lenovys, società di consulenza strategica che il Financial Times ha inserito nello special ranking “FT 1000” riguardante le 1000 aziende europee indipendenti con il maggior tasso di innovatività e crescita organica, e Alberto Bertolotti, monaco della disciplina asiatica Shaolin (proclamata nel 2010 patrimonio dell’Unesco) e docente del NOUS – Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva-Costruttivista di Milano che approfondiranno il tema giovedì 4 giugno in diretta You Tube dalle ore 19.00. 

“Il futuro che ci attende sarà sicuramente segnato da incertezza, volatilità, variabilità e complessità, dal punto di vista industriale, sanitario, sociale, economico e politico ma dobbiamo impegnarci per svolgere un lavoro continuo di miglioramento, prima di tutto personale  afferma Luciano Attolico – Abbiamo bisogno di potenziare le nostre capacità di guida su noi stessi e su chi ci circonda, sviluppando nuove e delicate competenze umane, se vogliamo ripartire e far ripartire le nostre aziende”.

5 passi da cui ripartire

Sono 5 i passi che Bertolotti,  profondo conosciutore dall’approccio Shaolin, e Luciano Attolico, esperto di progetti di sviluppo organizzativo in ambito aziendale, approfondiranno nel workshop del 4 giugno:

  • Muoversi da un focus casuale e orientato dall’esterno ad un focus intenzionale, che riporti al controllo di pensieri e azioni al 100% sotto il controllo della persona
  • Concentrarsi sul qui e ora, sul nostro presente, per non cadere vittime di un nostalgico passato o di un ansiogeno futuro
  • Concentrarsi sugli elementi che ci danno forza ed energia emozionale, senza cader vittime di pensieri di perdita e privazione, emozioni negative e pensieri de-potenzianti
  • Imparare a trarre lezioni preziose da quanto è accaduto, e da quanto sta ancora accadendo, invece che osservare acriticamente solo una parte di realtà
  • Impostare a livello aziendale un programma per ottenere, allo stesso tempo, risultati e benessere e impostare a livello individuale un programma per ottenere risultati di benessere e consapevolezza
, ,

ZWorkspace, l’app per gestire gli spazi lavorativi in sicurezza

Tornare a lavoro per molti non è facile, poiché se è vero che con la cosiddetta Fase 2 abbiamo potuto tornare a spostarci nella Regione senza l’obbligo di giustificare gli spostamenti, è anche vero che il timore di contrarre il Covid-19 non si è dissolto.

Come accaduto durante la quarantena, tuttavia, la tecnologia ci viene in soccorso. Zucchetti ha lanciato sul mercato ZWorkspace, la piattaforma per la gestione degli spazi e prenotazione degli asset di lavoro.

Come funziona ZWorkspace

Zworkspace è un’applicazione che ogni lavoratore o i loro coordinatori/supervisori possono prenotare con estrema semplicità postazioni di lavoro, scrivanie, sale meeting, aule e parcheggi, dal proprio pc o da dispositivi mobili anche utilizzando le planimetrie delle aree aziendali.

Tutti i dati generati dal sistema sono sempre disponibili su cruscotti, dashboard, grafici e sono sempre aggiornati in tempo reale, consentendo di monitorare costantemente le performance e le preferenze di utilizzo e fornendo informazioni strategiche per implementare gli spazi in modo sempre più efficace e in linea con gli obiettivi aziendali.

“ZWorkspace è anche una risposta concreta alle misure di sicurezza contenute nel DCPM del Governo: monitoraggio degli assembramenti, rispetto del distanziamento tra le persone, controllo degli accessi ai varchi, limitazione dei posti prenotabili, ingressi scaglionati, immediato riscontro dei presenti in azienda. – dichiara Salvatore Barbera, product manager ZWorkspace di Zucchetti – L’emergenza sanitaria, però, ha soltanto accelerato un’esigenza che era già avvertita da imprese e lavoratori, ossia rendere l’esperienza di vita in azienda più dinamica, più organizzata e più intelligente. Proprio da questo modello è nato ZWorkspace”.

,

Sanificazione degli ambienti: ecco il PHS, nato da una start up 100% made in Italy

Santificazione di uffici e ambienti lavorativi o abitativi. È un problema di molti nella lotta contro il Covid-19. Non è semplice trovare soluzioni se non fidandosi a ditte specializzate nel settore della santificazione.

Un’idea interessante arriva da una start up italiana: si chiama PHS (Pro Health System) ed è il primo “robot killer” 100% Made in Italy,

Funziona grazie ad una combinazione di raggi Uv-C e Ozono ed è in grado di debellare il virus andando a compiere una sanificazione approfondita degli ambienti, senza l’utilizzo di prodotti chimici, debellando sino al 99% dei patogeni presenti sul tutte le superfici.

Ideato e prodotto da RayBotics, neonata start-up, spin-off di due storiche realtà italiane (Klain Robotics e Gruppo Purity) che operano nel settore delle nuove tecnologie e nella robotica industriale, collaborativa e mobile, PHS nasce ad aprile grazie all’intuizione dei due Co-Founder, Fabio Greco e Enzo Catenacci che, in piena emergenza sanitaria, hanno deciso di affrontare una nuova sfida, mettendo in campo le loro conoscenze per creare il primo robot sanificatore davvero versatile e utilizzabile in qualsiasi ambiente.

“Erano i primi di marzoracconta Fabio Greco, Co-Founder RayBotics – quando con Enzo ci siamo incontrati a Brescia, in quello che è stato il nostro ultimo aperitivo prima del lockdown e, analizzando le tecnologie utilizzate fino a quel momento per la sanificazione industriale, ci siamo subito resi conto che i dispositivi attualmente sul mercato (di cui nessuno italiano peraltro) utilizzavano tutti con successo gli Uv-C ma avevano un grande limite perché non erano in grado di disinfettare le zone d’ombra non colpite dai raggi”.

,

Il futuro del capitalismo nell’era del Covid-19

“Le previsioni nascono dal fatto che nessuno conosce davvero il futuro”

John K. Galbraith

Lo scenario sta cambiando profondamente. E la pandemia che stiamo vivendo è, nella sua immensa gravità, un grande acceleratore di trend e processi. Tutti noi aspettavamo il cambiamento del “nudge”, la spinta gentile del Premio Nober Richard Thaler, e invece è arrivato il “calcio” violento del film “Inception” di Christopher Nolan, lo tsunami pandemico che sta spazzando via molte certezze.

D’altra parte, dovremmo essere ormai consapevoli che, pandemia, tsunami o guerra, il capitalismo è un sistema economico in grado di fare, spesso troppo brutalmente, soltanto una cosa: separare gli operatori efficienti da quelli inefficienti, premiando i primi con successo e utili e punendo i secondi con il fallimento. Molto difficile da metabolizzare, ma bisogna andare oltre le ipocrisie ideologiche: il capitalismo non ha morale, non ha finalità, non ha orientamento o giudizio perché è tarato su meccanismi paragonabili a quelli evolutivi della natura. 

Il capitalismo è globale

È per questo che, pur nelle sue diverse connotazioni (capitalismo occidentale, capitalismo di stato, capitalismo autoritario, capitalismo teocratico), si adatta con successo a livello globale. D’altra parte, anche i processi evolutivi della natura si comportano allo stesso modo: negli ecosistemi alimentari il più forte mangia il più debole, i terremoti ed i vulcani rimodellano il territorio, il pollice opposto è la tecnologia evolutiva che ha progressivamente differenziato l’uomo dalle scimmie. È per questo che, per leggere il futuro, bisogna individuare e cavalcare positivamente il trend evolutivo vincente nel lungo periodo. Esattamente come nella vita e nella natura. Perché gli unici a poter interpretare in modo più saggio e positivo il capitalismo siamo soltanto noi.

In ogni caso, la pandemia è un macro trend evolutivo. Pensiamo, ad esempio, alla prima reazione del contesto (la gente, il mercato, le transazioni) rispetto ad un trend innovativo. Accade una cosa semplice: il nostro modo di fare le cose tende a ridefinirsi intorno all’innovazione. Succede sempre così: in un primo momento subiamo l’innovazione in modo quasi passivo e poi, un passo alla volta, iniziamo a metabolizzarla. La mastichiamo, la digeriamo, la assimiliamo nelle nostre vite. 

Nella prima fase l’innovazione prevale e occupa militarmente il nostro territorio. Facciamo in modo meccanico tutte quelle cose che ci è stato spiegato. In un secondo momento, ci riappropriamo del territorio precedentemente perso modellandolo secondo le nostre esigenze. Fra questi due momenti c’è come una pausa, ed è in questa pausa che progressivamente prende forma la mutazione (il trend) del modo di fare le cose. Tutto ciò accade perché acquisiamo familiarità con il cambiamento derivante dall’innovazione e capiamo come inglobarla nelle nostre vite, come parte di noi stessi. Come portare la mascherina o lavarsi tanto le mani.

È partita la trasformazione

Tutto ciò genera una serie di importanti conseguenze. Partiamo dagli approcci psicologici. La prima sensazione che deriva dalla velocità del trend è la paura di sbandare in curva. Quando sbandiamo in curva, il nostro primo istinto è frenare ma sappiamo tutti che è un errore. È quello che ci sta succedendo oggi: il cambiamento generato dalla pandemia (si pensi allo smart working) è sempre più veloce, ma dobbiamo reprimere l’istinto di attaccarci ai freni. 

Senza dimenticare che alcune innovazioni, alcuni trend hanno un inizio esitante, poi partono veloci e sembra che volino lontano. Queste innovazioni generano una sequenza di cambiamenti progressivi e apparentemente incrementali (tanti cambiamenti fatti di piccoli passi), che si sommano per aggregazione, e crescono con la logica della palla di neve, fino a provocare vere e proprie mutazioni genetiche dell’economia, dei mercati, della società. Il Covid-19 ha avuto lo stesso processo di sviluppo ma sta generando, come in tutte le grandi crisi, nuove opportunità anche per una fase nuova del capitalismo. Perché, come dice un vecchio detto, quando tutto è perduto, tutto è finalmente possibile.

A cura di Angelo Deiana

A dicembre torna il Maker Faire Rome – The European Edition

Eppure qualcosa si muove: uno spiraglio di luce arriva. Uno degli eventi più apprezzati negli ultimi anni torna dal 10 al 13 dicembre, come di consueto, alla Fiera di Roma. Parliamo del “Maker Faire Rome – The European Edition” edizione 2020.

Continua a leggere

,

Dopo il Covid-19: l’era dell’adattabilità e della diversificazione

Cosa faremo dopo il Covid-19?

Avevamo pensato ad un mondo “relativamente” immutabile. Un sistema fatto di convenzioni, ogni tanto innovative, ma condivise come se fossero abitudini globali. Poi è arrivato il Covid-19.

Continua a leggere