Articoli

,

Smart device: ecco cosa vogliono gli italiani tra business e necessità

Il lockdown ci ha fatto ulteriormente (semmai ce ne fosse stato bisogno) stringere amicizia con i nostri smart device. Ma cosa si intende per smart device? Sono tutti quei dispositivi che, in collegamento tra loro, ci rendono la vita più semplice. Almeno sulla carta.

Quali sono i trend che riguardano gli smart device? Reichelt elektronik, uno dei più grandi distributori europei online di elettronica e di tecnologie IT, ha svelato i dati dell’indagine condotta in collaborazione con OnePoll su un campione di 1000 consumatori italiani sull’utilizzo degli smart device nella vita quotidiana.

I risultati della ricerca

Secondo quanto emerso dalla ricerca di reichelt elektronik, i dispositivi per la casa intelligente sono molto diffusi tra i consumatori italiani: il 67% degli intervistati, infatti, possiede almeno un device di questo tipo. Ma non tutti i settori sono inclusi in questo trend: in particolare, gli smart device vengono usati principalmente per la sicurezza dell’abitazione (56%), il controllo dell’illuminazione (51%) e dell’aria (31%), la pulizia della casa (47%), il riscaldamento (46%). La maggior parte dei consumatori ha inoltre dichiarato di essere pienamente soddisfatto di possedere questa tipologia di device e sceglierebbe nuovamente queste soluzioni.

Ma veniamo a quello che gli italiani hanno desiderato durante il lookdown. La maggior parte degli intervistati, ovvero il 72% dei rispondenti italiani, non possiede ancora un dispositivo per la “smartizzazione” del proprio giardino o balcone. Al contrario, coloro che hanno risposto in modo affermativo (quasi il 25%), ritengono che questi prodotti si siano rivelati utili e il 55% di essi è molto soddisfatto dell’acquisto fatto. L’utilizzo dei prodotti in questo campo di applicazione è legato principalmente all’irrigazione (68%), all’illuminazione (quasi 60%) e alla rasatura del prato (quasi 30%).

Gli smart device per il lavoro

Dallo studio è emerso che i prodotti intelligenti sono acquistati principalmente per i benefici economici derivanti dal loro utilizzo nel lungo termine. Tra i vantaggi più apprezzati, quelli di semplificare e rendere più efficienti i processi di lavoro e le attività giornaliere. In particolare, secondo il 59% degli intervistati questi prodotti sono indispensabili soprattutto dal punto di vista del risparmio energetico.

In termini di automazione, per il 54% dei consumatori il vantaggio principale è legato alla possibilità di controllo della casa anche a distanza; seguono la possibilità di controllo vocale (47%), notifiche in caso di malfunzionamenti (46%), automatizzazione di determinate applicazioni (39%), impostazione del timer (37%).

A seconda dell’acquisto, il budget stimato varia notevolmente: la maggior parte degli intervistati (quasi il 25%) spenderebbe tra i 251 e i 500 euro per l’acquisto di uno smart device; circa il 22% spenderebbe da 101 a 250 euro, mentre il 18% di essi da 501 a 1000 euro.

Un mercato in evoluzione

Quello degli smart device è un mercato con un forte potenziale in termini di sviluppo di nuovi prodotti innovativi. Il 59% degli italiani è interessato a prodotti più innovativi per quanto riguarda la sicurezza e il controllo della casa, mentre il 56% di essi preferirebbe lo sviluppo di prodotti legati al riscaldamento, all’energia e al controllo climatico degli ambienti. Infine, circa il 47% di essi preferirebbe prodotti di ultima generazione per il controllo dell’elettricità e dell’illuminazione. 

Al contrario, sono emersi pareri contrastanti in merito alle stazioni meteorologiche intelligenti e ai sensori d’aria interni: oltre il 47% degli intervistati, infatti, non ha mai posseduto un prodotto di questo tipo, mentre il 12% possiede un dispositivo per il monitoraggio della qualità dell’aria e lo trova utile, tuttavia non lo riacquisterebbe.

Più della metà degli intervistati italiani, circa il 55%, possiede un dispositivo per il monitoraggio del proprio stato di salute e dell’attività fisica, come i cardiofrequenzimetri. Sebbene gran parte dei consumatori siano sempre più attenti alla propria salute e vogliano aumentare la propria resistenza fisica mantenendo uno stile di vita sano e attivo, i fitness tracker non sono ancora molto diffusi tra gli italiani.

Il 23% degli intervistati, infatti, non possiede un dispositivo di questo tipo e non ha alcun interesse nell’acquistarne uno. Circa un quarto degli intervistati (25%), però, sta considerando di fare questa tipologia di acquisto.

Surface Go con LTE Advanced, un device for business firmato Microsoft

Buone notizie per chi lavora con device Microsoft. Il colosso americano ha infatti deciso di espandere la famiglia del suo celebre Surface, annunciato l’imminente arrivo del nuovo Surface Go for Business con LTE Advanced.

Continua a leggere

,

Porsche Design presenta BOOK ONE, nuovo device 2 in 1

Cosa accade quando un grande brand del lifestyle si unisce con un uno dell’hi-tech? Guarda qui… Signori e Signore, ecco a voi il Porsche Design BOOK ONECon questo nuovo device, il marchio lifestyle premium ha puntato al massimo per dar vita ad un 2 in 1 multifunzionale dall’elevata performance, basato sul connubio tra forma e funzionalità.

Continua a leggere

, ,

InMotion startup tecnologica lanciata da Jaguar Land Rover

Una nuova startup tecnologica supportata dal gruppo Jaguar Land Rover. Si chiama InMotionprodurrà app e servizi on demand atti a superare le sfide del trasporto e della mobilità moderna.

Continua a leggere

,

Le 10 app che un manager dovrebbe avere

Lo abbiamo detto più volte e ci è stato ribadito dai grandi manager italiani e stranieri. Oggi lavorare in mobilità è divenuta una consuetudine, ma soprattutto indispensabile. Portarsi dietro l’intero ufficio, con tutti i confort e le attrezzature è assolutamente impossibile, ma l’avvento di smartphone, tablet e laptop di dimensioni contenute, permette al giorno d’oggi di affrontare intere giornate lavorative fuori dai “palazzi” senza alcun problema. E le app scaricabili offrono ormai servizi incredibilmente validi. Noi abbiamo selezionato le 10 app che ogni manager dovrebbe avere!

Continua a leggere

Rete LTE, Tim raggiunge il 52% della popolazione

TIM-Logo1

Internet super-veloce è ormai una realtà per molti. Navigare con il proprio device a velocità sostenuta è un’esigenza imprescindibile. TIM si conferma leader nel settore: salgono infatti a 713 i comuni italiani già raggiunti dalla nuova rete mobile LTE (Long Term Evolution) per una copertura pari a oltre il 52% della popolazione nazionale, che arriverà a circa l’80% entro il 2016. Già entro il 2014 verranno raggiunti con la rete 4G tutti i comuni con più di 35 mila abitanti.

Continua a leggere