Articoli

Lavoro, ecco 3 figure professionali da approfondire dopo il diploma di maturità

Chi prende il diploma sa bene che il difficile deve ancora venire, e si parla nello specifico della decisione in merito al proprio futuro. La maturità anche quest’anno è passata, facendo registrare dei dati interessanti, e la domanda che adesso potrebbe porsi un neodiplomato è: meglio iscriversi all’università e prepararsi in specifiche materie e campi di studio, oppure tentare immediatamente l’avventura nel mondo del lavoro? Per questo motivo è bene approfondire tre figure professionali che possono essere abbracciate direttamente dopo il diploma, per le quali non è richiesto il conseguimento di una laurea.

3 possibili figure professionali per neodiplomati

La prima figura da approfondire è quella dell’operatore CNC. Per CNC si intende un gruppo di macchinari capaci di lavorare in automatico, per via della presenza di un computer di bordo programmabile. Si fa ad esempio riferimento alle frese e ai pantografi, insieme alle saldatrici e alle rettificatrici, aggiungendo anche le filatrici e le tessitrici. Pur essendo automatica, una macchina di questo tipo richiede la presenza di un operatore specializzato, ma per svolgere questa professione non serve una laurea specifica. Bastano infatti le competenze di un perito meccanico, che possono essere acquisite completando un qualsiasi percorso di studi con diploma presso istituti come l’ITIS o l’ITI.

Una seconda figura da prendere in considerazione è quella del web developer (back-end, front-end o full stack), ruolo che oggi attira l’interesse di moltissime aziende, soprattutto adesso che è diventata ancora più chiara l’importanza della presenza online delle attività di business. Questo professionista è specializzato nello sviluppo di siti Internet, di applicativi o software commissionati dalle aziende. Anche per questa professione non è obbligatorio essere in possesso di una laurea: naturalmente è sempre vantaggioso avere delle conoscenze tecniche pregresse, ma è comunque possibile lavorare in questo settore subito dopo il diploma; la soluzione migliore in questo caso è scegliere un corso per diventare sviluppatore web in modalità “bootcamp”, ossia pratico e intensivo, per acquisire esperienza direttamente sul campo.

Chiudiamo poi con una terza professione che non richiede la laurea, ovvero il food & beverage manager. Cosa fa nel concreto un F&B manager? Si occupa direttamente della gestione di tutte quelle attività relative alla ristorazione all’interno di strutture alberghiere, ristorative e di accoglienza turistica. Si fa dunque riferimento ad attività come il controllo qualitativo e quantitativo di produzione e distribuzione di cibi e bevande, e all’ottimizzazione dei vari step che porteranno poi alla fornitura di un servizio in grado di soddisfare appieno i clienti della struttura. Si tratta quindi di una mansione complessa e fondamentale, in quanto ricca di responsabilità, tra le quali rientrano anche la definizione e il controllo del budget per le attività sopracitate.

,

6 consigli per cogliere le opportunità professionali in autunno secondo LinkedIn

LinkedIn è oggi una delle piattaforme migliori per chi è alla ricerca di un lavoro, o ne cerca uno nuovo. E con la fine ormai conclamata dell’estate iniziano ad arrivare le nuove esigenze per le aziende. Per mettersi in evidenza e farsi notare, LinkedIn ha stilato una lista di 6 consigli per cogliere le opportunità professionali in autunno.

Continua a leggere

,

Great Place to Work Italia 2019: ecco le 50 aziende top nel Belpaese!

Great Place to Work Italia 2019: ecco l’identikit dell’azienda perfetta

Le migliori aziende italiane in termini di felicità dei dipendenti? Ce la svela il Great Place to Work Italia 2019, dopo aver coinvolto nell’indagine oltre 40.000 dipendenti, che ci presenta le migliori 50.

Continua a leggere

,

10 consigli per raggiungere i propri obiettivi nel lavoro in questo 2019

Con il nuovo anno, tutti quanti noi ci poniamo dei nuovi obiettivi da raggiungere per il lavoro. Dove vogliamo arrivare? In che modo possiamo migliorare la nostra posizione? L’arrivo del nuovo anno è da sempre sinonimo di buoni propositi, non solo per raggiungere un benessere fisico e mentale, ma soprattutto per conquistare importanti traguardi in ambito lavorativo dove routine, sovraccarico e stress spesso ostacolano il loro conseguimento.

Continua a leggere

Rimettersi in forma dopo le feste di Natale: ecco come fare!

Rimettersi in forma dopo le feste di Natale? Deve essere il nostro obiettivo, soprattutto in questi giorni di “rientro” al lavoro che ci consentono, per via dei ritmi blandi, di concederci qualche piccola libertà in più.

Continua a leggere

Torna “La Colazione da Randstad”: colloqui informali tra recruiter e candidati sul territorio

Dopo la bella esperienza della passata edizione, torna “La Colazione da Randstad”, colloqui approfonditi ma informali fra candidati e imprese del territorio, a colazione o all’ora dell’aperitivo, magari davanti a un caffè o a una bevanda rinfrescante.

Continua a leggere

Come scrivere un curriculum vitae

Se non sai come scrivere un buon curriculum vitae in questo articolo troverai le risposte che ti servono ed anche un semplice modo per risolvere definitivamente la questione. Mettiti comodo per capire alcune nozioni base e per realizzare un curriculum vitae perfetto.

Continua a leggere

,

Lavorare troppo? Non ci fa bene e sembra che non giovi alla carriera!

Lavorare tanto per riuscire a realizzarsi. Un obiettivo di molti. Un’ideale per altri. Una fissazione per alcuni. Eppure, lo studio “Implications of work effort and discretion for employee well-being and carreer-related outcomes: an integrative assessment”, che saràpubblicato nella Industrial and Labor Relations Review (ILR Review) sfocia sulle seguenti conclusioni: non solo lavorare troppo ci fa male ma sembra che non giovi nemmeno alla nostra carriera professionale.

Continua a leggere

,

Le 10 domande sul proprio lavoro da porsi sotto l’ombrellone

Mail che non arrivano, telefono che non squilla, il mare, il sole. Un po’ di pace al termine di un anno di lavoro molto complicato per molti. Eppure, in molti affermano che l’estate è il momento migliore per pensare, riflettere e farsi venire idee nuove per il proprio lavoro. Ed è proprio sotto l’ombrellone che ciò avviene. Ma prima, occorre interrogarsi sul proprio percorso lavorativo: il punto di vista sulla propria carriera è più chiaro nei giorni in cui si è fuori dalla routine.

Continua a leggere

,

Confidence Index di Page Group: aumenta la fiducia nel mercato del lavoro

Eppur si muove, si diceva una volta. In questo caso, la cosa migliore da dire. Infatti, ricerca condotta da PageGroup, società leader mondiale nel recruitment con i brand Page Executive, Michael Page e Page Personnel, presenta i risultati del Confidence Index del 2° trimestre 2018, secondo il quale si evidenzia un aumento di fiducia nel mercato del lavoro del 10% inteso sia per la percezione del periodo attuale sia per la prospettiva dei prossimi sei mesi. Inoltre, si evidenzia anche un generale aumento di ottimismo rispetto alla situazione economica futura, +7% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Continua a leggere

,

Summertime Blues: con il caldo aumenta lo stress sul lavoro. Ecco perché!

Il caldo vi dà alla testa? Vi sembra di non riuscire a ragionare? Stress, nervosismo e tensioni sono le prime dirette conseguenze dell’ondata di caldo che si sta riversando sull’Italia.

Continua a leggere

,

Randstad Workmonitor: 7 italiani su 10 non vogliono un capo più giovane

Una squadra formata da giovani e meno giovani porta certamente innovazione in un’azienda. Ma, secondo l’ultima edizione del Randstad Workmonitor – l’indagine trimestrale sul mondo del lavoro di Randstad, secondo operatore mondiale nei servizi per le risorse umane, condotta in 34 Paesi del mondo su un campione di 400 lavoratori di età compresa fra 18 e 65 anni per ogni nazione, circa il 70% dei lavoratori italiani non vuole un capo più giovane.

Continua a leggere