Articoli

Management e Millennials: come aiutarli nell’integrazione nel lavoro

Siamo tutti molto concentrati su come gestire l’ormai prossima era della sostituzione tecnologica, quella dove macchine e algoritmi prenderanno il posto di lavoratori e professionisti di tutti i livelli. 

Un momento di trasformazione straordinaria di cui dobbiamo avere profonda consapevolezza. Ma, nel metabolizzare tale cambiamento, non dobbiamo trascurare la novità più grande che, come sempre, non è centrata sulle tecnologie ma sulle persone. L’innovazione vera, la vera tecnologia che ci condurrà al salto di paradigma prossimo venturo saranno i Millennials, i nativi digitali, i cui primi “esemplari” sono appena arrivati nel mondo del lavoro. 

Si tratta di persone che crescono già immerse nell’evoluzione tecnologica, come se questa fosse un’estensione delle capacità umane, in maniera molto più naturale della generazione precedente. Adolescenti e giovani del presente hanno la possibilità di esplorare un mondo enorme ma accessibile grazie alla Rete e, nello stesso tempo, hanno la necessità di essere protagonisti, di esporsi, di farsi notare. 

Un desiderio di protagonismo quasi sempre stigmatizzato da capi e manager che ne sottolineano troppo spesso solo le punte negative. D’altra parte, sono troppo più veloci dei manager che li guidano, troppo più aperti all’interazione in Rete, troppo più connessi sempre e comunque, al di là di ogni possibile rischio e pericolo che gli viene segnalato. Anche per questo rinunciamo spesso a proporci come modelli. E sbagliamo altrettanto spesso perché loro hanno invece enorme bisogno di maestri/influencer in termini di management.

Tutto questo sta costringendo le organizzazioni a ripensare il modo in cui assumono, retribuiscono e supervisionano non solo i Millennials, ma anche tutte le altre risorse umane. D’altro canto, nel loro cercare di essere centrali negli obiettivi dell’organizzazione stessa come veri e propri clienti, influenzano tutti gli altri soggetti con cui collaborano. Ecco perché manager, professori, imprenditori o capi in generale li stanno soffrendo. Ed ecco perché una delle cose che dovrebbe fare oggi la leadership manageriale di qualunque organizzazione è farsi aiutare a comprendere questa transizione gestionale e comportamentale. 

Purtroppo, invece, la maggioranza delle aziende e delle Istituzioni se la cava malissimo sul versante del coinvolgimento dei Millennials. Invece di sfruttare tutta questa energia in termini di esposizione personale e collettiva sui social e sul mercato, invece di imparare dai loro “istinti collaborativi”, molte organizzazioni spesso li reprimono o, addirittura, li trovano troppo “innovativi”. Dimenticando che si tratta di persone che sono più orientate al lavoro di gruppo di qualunque altra generazione precedente. 

Stiamo assistendo dunque ad un cambiamento radicale e il flusso è chiaro: le menti dei nativi digitali si stanno strutturando in modo da essere integrate con la tecnologia anche in termini di network intelligence, la capacità di sfruttare la propria intelligenza in Rete. Per questo vanno governati “sfruttando” e non demonizzando il loro narcisismo, la velocità e il bisogno di infinite relazioni, di qualunque tipo siano. 

Con una sola conclusione di sintesi: ci sarà bisogno di nuovi modelli di management a rete e in Rete nel futuro prossimo venturo. 

“Cosa ti fa più paura? Il potenziale inespresso…”

Emma Watson dal film “The Circle”

A cura di Angelo Deiana

,

Le strategie utili per raggiungere i Millennials

Chi sono i Millennials e perché sono così importanti per il tuo business? Si tratta di giovani d’età compresa tra i 20 e i 39 anni; una generazione che vive quasi costantemente connessa e che costituisce il target di pubblico più permeabile alle offerte online.

Continua a leggere

Efisio Marras for L.B.M. 1911: capsule collection per i millennials che lavorano

L.B.M. 1911  lancia una nuova sfida puntando su Efisio Marras per una capsule collection. L’eclettico e talentuoso figlio di Antonio già direttore creativo della linea I’M Isola Marras, ha creato così una linea davvero glamour per uno dei marchi più importanti della moda maschile.

Continua a leggere

,

Millennials, lavoro e welfare aziendale: ecco cosa vogliono i giovani!

I giovani hanno le idee chiare per il futuro del lavoro. Forse un po’ troppo ambiziose, ma chiare. I Millennials vogliono posto fisso, welfare e meritocrazia, e, udite udite, farsi una famiglia.

Continua a leggere

Millennials Ambassadors Forum, un successo per il primo appuntamento

Primo appuntamento del Millennials Ambassadors Forum (MAF), la piattaforma europea ideata da Roberto Maroni, Luisa Todini e Giordano Fatali, alla Nuvola Lavazza di Torino, al quale hanno preso parte oltre 500 partecipanti, 300 Millennials, 200 top manager delle più grandi aziende pubbliche e private del Paese.

Continua a leggere

Il lavoro dei Millennials: la vendita a domicilio!

Millennials e lavoro. Un rapporto che, al nostro tempo, a parte qualche caso particolare, è complicato. Eppure una strada sicura a percorrere c’è ed è quello della vendita diretta. Secondo i dati diramati da Univendita, l’associazione di categoria che rappresenta l’eccellenza del settore, il 15,7% dei venditori ha meno di 25 anni e il 21,3% è nella fascia d’età 25-34.

Continua a leggere

10 consigli per affrontare il Blue Monday

Creato come operazione di marketing, il “Blue Monday” si è radicato nella cultura anglosassone come il giorno simbolicamente più triste dell’anno e diversi esperti hanno confermato le difficoltà psico-fisiche nel tornare operativi dopo le ferie. Ma lo sentiamo anche noi, alle nostre latitudini?

Continua a leggere

,

Y3, la macchina del caffè per i Millennials firmata Illy e Piero Lissoni

Il caffè, rito ed alimento fondamentale per iniziare bene la propria giornata. Spesso dalla nostra soddisfazione (o meno) dopo averne bevuto uno, dipende il nostro umore giornaliero. È determinante, quindi, che sia assolutamente eccezionale e soddisfi a pieno il nostro palato. Il caffè illy è da sempre uno tra i migliori in assoluto ed ha pensato ad una macchina per il caffè per i millennials. Si chiama Y3 ed è stata disegnata dall’architetto Piero Lissoni.

Continua a leggere

Generazione Z: sono loro i nuovi talenti su cui puntare!

Generazione Z: l’avete mai sentita nominare? Si tratta dei giovani nati dopo i Millennials. Secondo quanto emerge dal report “Executive Trends 2017” prodotto da Page Executive, divisione boutique di PageGroup specializzata nella ricerca e selezione di top manager, saranno loro i nuovi talenti ai quali aggrapparsi per il prossimo step di crescita.

Continua a leggere

Social Network: un bravo HR manager deve sapere che…

I social network sono sempre più importanti per aziende e professionisti. Non solo per vendere prodotti o servizi, ma anche nella selezione di nuovi talenti da reclutare. Se infatti con maggiore frequenza i Millennials cercano lavoro attraverso le pagine social delle aziende, è vero anche il contrario.

Continua a leggere

I Millennials in azienda? Ecco perché sono determinanti!

I Millennials in azienda? Sono determinanti. Dall’incontro organizzato ieri da Manageritalia Milano è emerso che i millennials cercano uno stile di vita e non una professione e che i valori di inclusione, partecipazione, collaborazione, feedback continuo e destrutturazione sono quelli che servono per il lavoro e i business di oggi e domani.

Continua a leggere

Resilienza sul lavoro? Ecco cosa pensano gli italiani e gli europei

Avete mai sentito parlare del concetto di Resilienza? Parliamo di un termine che, nel gergo scientifico, identifica la proprietà dei materiali di resistere agli urti senza spezzarsi. Eppure questa parola, negli ultimi anni viene sempre più utilizzata per descrivere i lavoratori. Kelly Services, leader mondiale nella consulenza per le risorse umane, che offre su scala globale servizi di outsourcing, HR, somministrazione e full-time placement, ha analizzato in una recente ricerca  un fenomeno in costante crescita, la resilienza sul lavoro, e, in particolare, ha osservato come questo nuovo approccio alla vita professionale influenzi l’attuale contesto occupazionale in Europa e in Italia.

Continua a leggere