Articoli

Il lavoro del nuovo decennio sarà certamente… agile!

Il lavoro del nuovo decennio? Qualcosa cambierà sicuramente e già si stanno studiando nuovi moduli lavorativi. Il lavoro agile diventerà sempre una costante nella vita lavorativa di ciascuno di noi e gli strumenti tecnologici in tal senso ci daranno una grossa mano. Questo è confermato anche dalle previsioni di Jabra, azienda che produce dispositivi per le comunicazioni a mani libere.

Lo smartworking è un successo

Il successo dello smartworking è confermato da numerose ricerche, tra le quali c’è quella di Fpa, società del gruppo Digital 360, dedicata al lavoro agile nella pubblica amministrazione italiana.

La ricerca è stata condotta su 4.200 dipendenti: il 94% dei lavoratori vorrebbe continuare a lavorare da casa con rientri in ufficio non quotidiani. Il 69,5% degli intervistati ha affermato che organizza meglio il lavoro, il 45,7% che ha più tempo per sé e la famiglia, e il 34,9% che lavora in un clima di maggiore responsabilizzazione. 

Dati davvero indicativi su quello che è un nuovo modo di lavorare che fino a poco tempo fa non veniva accreditato come produttivo.

Eppure lo smartworking presenta diverse insidie, a partire dalla difficoltà di pronto intervento sui processi, soprattutto in quelli per cui sono richieste una costante supervisione ed un intervento su diversi sistemi all’interno di un’organizzazione. Serve quindi adottare strategie che possano prevenire perdita d’informazioni e interruzioni del processo produttivo.

Tuttavia, le sensazioni più comuni sono per un decentramento del posto di lavoro.

Pure essendo noi già stati messi alla prova dalla densificazione degli uffici “open”, da team sempre più distribuiti e dalle conseguenti sfide per la nostra concentrazione e collaborazione, gli anni che verranno saranno definiti da uno stile di lavoro più radicalmente adattato e da una maggiore necessità di supportare la tecnologia per tenere il passo con questi cambiamenti accelerati e di grande impatto.

Problemi di concentrazione

Indubbiamente il dubbio di non riuscire a mantenere salda la concentrazione viene: la presenza di piattaforme di comunicazione interne ed esterne, appesantite dall’inefficienza delle e-mail e delle conference call, possono privare le persone del giusto tempo per concentrarsi, con la sensazione di vivere interruzioni che inficiano la produttività, per non parlare dei dettagli chiave che a volte si perdono.

Gli strumenti tecnologici, in particolare, possono aiutare molto a mantenere alta la concentrazione: basta pensare ad esempio alla possibilità di lavorare su un monitor più grande di quello che abbiamo a casa o con cuffie dotate di cancellazione del rumore e indicatori di luce per non essere disturbati. 

Inoltre, le funzionalità includeranno analisi predittive con un migliore riconoscimento vocale, una traduzione automatica, la ricerca semantica e l’apprendimento automatico. Tutto ciò guiderà la produttività nei nostri futuri ambienti di lavoro.

Insomma, il mondo del lavoro potrebbe subire un cambiamento epocale nei prossimi anni. È importate non farsi trovare impreparati.

Smartworking: può provocare patologie fastidiose. Ecco 10 consigli utili

Patologie legate allo smartworking: quali sono?

Può lo smartworking procurare patologie mediche? Secondo una ricerca della World Health Organization pubblicata sul portale britannico Daily Mail, sì.

Il Coronavirus ha costretto molti professionisti a lavorare da remoto e ciò ha permesso la persecuzione di alcune attività, ma è stato fatto nel modo giusto?

Secondo la ricerca della World Health Organization il 72% dei lavoratori intervistati ha ammesso di soffrire di lombalgia, acutizzatasi in questa fase di quarantena. In particolare, l’utilizzo non corretto di smartphone e PC provoca a lungo andare quello che i britannici chiamano “tech neck”, ovvero il collo segnato dalla postura tipica di chi china il capo e che, secondo un’indagine pubblicata sulla BBC, colpisce soprattutto i millennial.

Problematiche che sono state evidenziate anche sui social: da un monitoraggio su Instagram è emerso come l’hashtag #Backpain abbia oltre 1 milione di menzioni e #Techneck oltre 12mila.

Come si possono prevenire tali patologie?

Ma quali sono i consigli degli esperti per prevenire e curare le patologie legate allo smartworking? La prevenzione inizia a tavola con un regime alimentare sano ed equilibrato per combattere la sedentarietà e continua prestando attenzione all’utilizzo di sedie ergonomiche adeguate al tratto lombare, facendo inoltre delle brevi pause almeno ogni 30 minuti di lavoro.

Fondamentale è anche compiere esercizi di allungamento per la mobilità muscolare e seguire una routine rilassata. Per curare la lombalgia, infine, un valido aiuto può arrivare dalla laserterapia Theal Therapy creata in Italia da Mectronic, che grazie al processo di fotobiomodulazione agisce sull’infiammazione e garantisce un recupero in tempi brevi.

10 consigli utili per prevenire le patologie derivanti dallo smartworking

Fare una pausa almeno ogni 30 minuti e muoversi in giro per la casa: è fondamentale per evitare una stasi muscolare legata a prolungati periodi di inattività e rimettere in moto la circolazione sanguigna.

Munirsi di una sedia adeguata al tratto lombare: le posture scorrette sono spesso dovute a postazioni non ergonomiche. Utilizzare una sedia da ufficio oppure autotrattarsi con cuscini o rialzi che allineino le vertebre è utile a prevenirle.

Attenzione allo sguardo fisso rivolto verso il PC: lo schermo andrebbe tenuto alla stessa altezza degli occhi in modo da evitare disturbi astenopici e rigidità nel tratto cervicale.

Effettuare esercizi dinamici di mobilità: compiere il cosiddetto “allenamento da scrivania” innalzando le braccia verso l’alto o effettuando degli squat aiuta a mantenere attivo il comparto muscolare.

Creare uno spazio di lavoro adeguato: è consigliabile lavorare seduti con le braccia appoggiate sulla scrivania, favorendo il giusto distanziamento tra i polsi ed evitando di lavorare sulla poltrona o sul letto.

Non sottovalutare l’importanza di un regime alimentare equilibrato: la prevenzione inizia a tavola con una dieta sana che prediliga fibre, frutta e verdura in modo da combattere la sedentarietà prolungata e il rischio di sovrappeso.

Creare una routine mattutina rilassata: è consigliabile mantenere ritmi e orari regolari, iniziando a lavorare o studiare all’orario consueto e terminando alla stessa fascia oraria.

Idratarsi è fondamentale: tenere sempre a portata di mano una bottiglietta d’acqua aiuta a regolare la temperatura corporea, favorisce la digestione e l’eliminazione di tossine in eccesso.

Assumere una giusta postura anche a letto: riposare bene aiuta a essere meglio concentrati e produttivi. Per questo motivo è consigliabile dormire in posizione supina con un cuscino sotto le gambe oppure di fianco con un cuscino tra le gambe.

Un valido aiuto arriva dalla laserterapia: grazie al processo di fotobiomodulazione della Theal Therapy è possibile recuperare in tempi brevi da lombalgie e altre problematiche posturali.

La routine del lavoro da casa: dividete la vostra giornata!

Lavorare, meglio e se possibile da casa, ma lavorare. Anche in tempi di coronavirus interrompere la produttività per molti è davvero difficile. Lo smartworking rappresenta dunque la scelta perfetta: ma come diventa la routine del lavoro da casa?

Continua a leggere

Nell’attesa che passi, inventiamoci il futuro

È fin troppo facile in questo momento farsi prendere dallo sconforto. La situazione è brutta davvero. A causa della diffusione del Coronavirus, la salute pubblica è a rischio e noi dobbiamo assolutamente seguire quelle che sono le indicazioni che ci vengono fornite dal nostro Governo. Ma è dura, lo è per tutti ma in particolare per chi lavora, sotto diversi punti di vista.

Continua a leggere

Settimana del Lavoro Agile: le 3 best practice per favorire lo smartworking

Smartworking: molto più di una tendenza. Eppure…

Torna anche quest’anno la Settimana del Lavoro Agile (20-24 maggio a Milano) e per l’occasione PageGroup, società leader mondiale nel recruitment con i brand Page Executive, Michael Page e Page Personnel, presenta le best practice che le aziende dovrebbero attuare per favorire lo smartworking.

Continua a leggere

8 consigli pratici per star bene in ufficio

In ufficio, o comunque sul posto di lavoro, trascorriamo tutti noi buona parte della giornata. Ecco perché diviene determinante che il tempo trascorra in modo produttivo certamente, ma anche piacevolmente. È per questo che Michael Page, brand di PageGroup specializzato nella selezione di professionisti qualificati di middle e top management, rivela 8 consigli per star bene in ufficio.

Continua a leggere

Smartworking, ora l’ufficio siamo noi!

Navighiamo in un mare aperto e, spesso, sconosciuto. Novelli Ulisse ci agitiamo tra le onde di un progresso evolutivo inarrestabile in cui anche il mercato del lavoro conosce mutamenti profondi generati dal Web 2.0 e dall’interdipendenza.

Continua a leggere

Gestire i dipendenti che lavorano da casa: è davvero così difficile?

Nell’ultimo periodo è aumentato il cosiddetto telelavoro (o smartworking), una branca del lavoro normale che offre agli impiegati la possibilità di lavorare senza uscire da casa. Secondo le previsioni il settore del telelavoro continuerà a diffondersi velocemente nonostante le molte difficoltà di gestione.

Continua a leggere

Smartworking e team digitali, ovvero abbattere le distanze con la tecnologia

Correva l’anno 2000 quando si è sentito parlare per la prima volta di smartworking, una particolare tipologia di lavoro che slega la produttività di un dipendente dal luogo in cui l’attività viene svolta.

Continua a leggere

Casa-Lavoro-Casa: uno spreco di tempo per i professionisti!

Andare dalla vostra abitazione fino all’ufficio e poi tornare di nuovo a casa. Che effetto vi fa ogni giorno? Ebbene, secondo studio condotto da Regus, fornitore globale di soluzioni per il lavoro flessibile, conferma che per la maggior parte dei professionisti di tutto il globo, si tratta di spreco di tempo e dunque di produttività.

Continua a leggere