Tassi di assunzione in crescita, ma il Covid-19… I dati di LinkedIn

tassi di occupazione linkedin

Assunzioni in Italia: il dato torna a salire, ma c’è un ma…  Secondo gli ultimi dati raccolti da LinkedIn, social network professionale, è improbabile che la situazione possa migliorare a un ritmo tale da compensare la disoccupazione in aumento nel Paese. I dati suggeriscono che, con l’Italia alle prese con il contenimento di COVID-19, le assunzioni potrebbero aver raggiunto ora il tetto massimo. Infatti, l’indice del tasso di assunzioni di LinkedIn (LinkedIn hiring rate) ha toccato il punto massimo di crescita con un +8% rispetto all’anno scorso.

Ma cosa succederà adesso?

Esisterebbero delle vere e proprie nicchie di lavoro, nelle quali i tassi di assunzione continuano a crescere, con oltre 14 milioni di offerte di lavoro aperte su LinkedIn a livello globale. I datori di lavoro italiani stanno attualmente assumendo soprattutto Software Engineer, Software Developer e addetti alla vendita. Inoltre, il social network ha identificato 10 ruoli professionali che hanno registrato una crescita costante negli ultimi anni, e per i quali prevede che in futuro la domanda da parte dei datori di lavoro continuerà a crescere, tra i quali Digital Marketer, Graphic Designer e Data Analyst. Le competenze digitali, in particolare, sono molto richieste, e LinkedIn prevede che il settore tecnologico genererà 150 milioni di posti di lavoro a livello globale nei prossimi 5 anni.

“Con l’aumento dei casi di COVID-19 e la possibilità di un secondo lockdown, c’è una forte ansia in tutto il Paese riguardo a ciò che potrà accadere nel mondo del lavoro. Molte persone che lavorano nei settori più duramente colpiti dalla pandemia, come i Viaggi, lo Spettacolo e l’Ospitalità, quest’anno hanno visto la loro vita e i loro mezzi di sussistenza completamente distrutti, e si stanno interrogando su cosa fare dopo. Concentrarsi sulle competenze trasferibili può contribuire ad aprire le porte di una varietà di ruoli che le persone potrebbero non aver considerato in precedenza. Le competenze possono essere applicate a diverse tipologie di posizioni e settori, creando nuove opportunità di lavoro. Allo stesso modo, investire tempo nello sviluppo di nuove competenze, essere proattivi nella ricerca di un lavoro e coinvolgere la propria rete professionale è fondamentale per trovare rapidamente un nuovo posto.” afferma Marcello Albergoni, Country Manager di LinkedIn per l’Italia

I consigli di LinkedIn per trovare lavoro

Non è impresa da poco, eppure il social dei professionisti, sulla base dei suoi dati fa emergere una serie di consigli che vi riportiamo:

Fare leva sul proprio network di contatti: la propria rete è un buon punto di partenza per aiutarci a trovare un nuovo lavoro e può essere un’ottima risorsa per consigli e supporto. Anche solo 50 connessioni possono fare una grande differenza. Si può iniziare aggiungendo le persone che conosciamo nel quotidiano, come la famiglia, gli amici e i colleghi. E’ possibile che un amico sia collegato a qualcuno che lavora per un’azienda che sta assumendo.

Richiedere una referenza: i candidati ad una posizione su LinkedIn hanno quasi fino a 4 volte in più la probabilità di ottenere un lavoro presso un’azienda nella quale hanno contatti. Quando ci si rivolge al proprio network di contatti, è utile ricordare loro perchè li si conosce e perché pensiamo di essere adatti per la posizione alla quale ci siamo candidati.

Impostare gli avvisi di lavoro (job alerts): le persone alla ricerca delle aziende che stanno attualmente assumendo, è utile sapere che il team di LinkedIn News tiene traccia delle aziende italiane che stanno assumendo per più di 50 ruoli a questo LINK. È utile esplorare la pagina Offerte di lavoro e fare ricerche in base a criteri specifici, come ad esempio titolo professionale, posizione, lavoro da remoto, settore o azienda. Si possono impostare anche avvisi per ricevere notifiche su nuove offerte di lavoro quando una nuova posizione disponibile corrisponde ai propri criteri di ricerca, in modo da poter essere i primi a candidarsi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *