Ufficio accessibile, via le barriere architettoniche

ufficio accessibile

L’ufficio deve essere un luogo accessibile a tutti

Nella concezione dei moderni uffici, noi siamo abituati a pensare agli spazi utilizzabili, alla vernici con cui dipingere le pareti, ai mobili per arredare le varie zone. Ma non possiamo sottovalutare un altro fattore importantissimo, ovvero il fatto che l’ufficio deve essere accessibile a tutti e non dovrebbe avere barriere architettoniche.

Negli ultimi tempi, sotto questo aspetto bisogna ammettere che sono stati fatti enormi passi in avanti rispetto al passato: il luogo di lavoro, infatti deve essere accessibile a tutti e partendo da questo presupposto, sono molti gli uffici che sono stati adeguati alle ultime direttive in ambito legislativo.

Le barriere architettoniche sono per i portatori di handicap un grave problema, che va ad aggiungersi ai tenti che già devono affrontare dal punto di vista della salute. Il lavoro, per molti di loro, rappresenta il modo migliore per esprimere le proprie doti e le capacità più brillanti. Per questo bisogna assolutamente metterli in condizioni di lavorare nel modo migliore e più confortevole possibile.

Un ufficio accessibile: ecco come

L’accessibilità per un ufficio è certamente una delle parole chiave. In pratica ogni luogo di lavoro deve essere accessibile anche a chi ha una limitata capacità motoria o sensoriale, di raggiungere il luogo desiderato, in assoluta sicurezza. Dunque, le porte dovrebbero essere abbastanza larghe da permettere l’accesso alle sedie a rotelle, in caso di presenza di dislivelli sullo stesso piano, dovrebbero esserci degli appositi scivoli e rampe, o in caso di un ufficio su più piani un ascensore o un montascale per disabili.

Ma questi sono solo alcune delle indicazioni delle quali bisogna tener conto. Perché di attenzioni bisogna averne davvero tante quando si lavora con persone diversamente abili proprio al fine di non farle mai sentire in difficoltà. Devono infatti potersi muovere liberamente, senza ostacolo alcuno nello svolgimento del proprio ruolo lavorativo, ma anche sociale all’interno dell’ufficio.

Ormai gli architetti e i designer che progettano gli uffici, ma anche gli arredatori conoscono benissimo quali sono i criteri che rendono un ufficio accessibile e devono rispettarli al 100%: ecco perché nel momento di aprirne uno, di qualsiasi genere esso sia, è bene rivolgersi ad un professionista del settore che possa indicarci quali sono le norme da seguire e realizzarle a regola d’arte. Ogni dettaglio deve essere valutato senza tralasciare nulla: ovviamente il fattore sicurezza deve essere messo sempre al primo posto.

La toilette accessibile ai portatori di handicap

Uno dei luoghi che bisogna considerare con grande attenzione è certamente la toilette. Il luogo più intimo deve essere certamente alla portata dei portatori di handicap. All’interno deve esserci uno spazio di movimento consono per chi deve entrare con la propria sedia a rotelle, per accostarsi e salire sul wc utilizzando anche l’apposito maniglione, Stesso discorso per l’eventuale presenza del bidet e del lavandino. Anche le mensole devono essere poste ad un’altezza tale da poter essere raggiunte con facilità anche dalla sedia a rotelle.

Insomma un ufficio adeguatamente organizzato per accogliere e far lavorare serenamente i portatori di handicap è ormai diventata una necessità fondamentale e l’importanza di assicurarsi la collaborazione dei professionisti del settore per la realizzazione di uffici accessibili a tutti dovrebbe essere ben chiara per tutti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *