,

Work-Life Balance, una motivazione importante per chi cerca lavoro

Work Life Balance

Una conferma per un concetto che è ormai cristallino: a motivare i lavoratori nelle proprie attività è una corretta work-life balance, ovvero il corretto equilibrio tra la propria vita professionale e quella privata.

I numeri del sondaggio condotto congiuntamente da InfoJobs, prima piattaforma in Italia per la ricerca di lavoro online, e Gympass, azienda leader mondiale nell’ambito del Corporate Benefit per lo sport e il benessere, parlano chiaro in tal senso.

Alla domanda su cosa conti di più al lavoro, la risposta è quasi unanime: il 77% degli intervistati (oltre 4.100 candidati attualmente alla ricerca di un nuovo impiego) dichiara che è fondamentale riuscire a conciliare la vita personale con quella professionale, senza dover rinunciare a una delle due. La restante parte si divide tra i carrieristi che puntano ad avere uno stipendio alto a discapito del privato (15%) e i meno ambiziosi che prediligono la famiglia e gli affetti scegliendo di lavorare le giuste ore senza troppe responsabilità (8%).

Non tutti possono però contare su un’azienda illuminata che consente un corretto equilibro: il 51% afferma che il proprio datore di lavoro non dia modo di farlo e ritiene che se l’azienda si curasse di più del benessere del dipendente, il tempo speso in ufficio sarebbe più qualitativo (87%). Ad esempio, si sentirebbero più motivati se potessero lavorare in smart working (38%) o se avessero tempo per fare sport e non stare seduti tutto il giorno, avendo questa opportunità anche durante l’orario lavorativo (16%).

Insomma, dati che parlano chiaro sulle priorità che oggi, chi è alla ricerca di un nuovo impiego, mette di fronte a tutto. Certamente le responsabilità verso sé stessi e verso la propria famiglia sono evidenti e imprescindibili, ma a quanto pare c’è un evidente esigenza di dedicare uno spazio vitale alla cura del benessere personale, che deve in qualche modo essere messo sullo stesso livello di importanza, rispetto al lavoro.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *